Richiedi una consulenza in studio gratuita!

I 10 Motivi per cui la tua organizzazione ha bisogno di un coach


Durante la mia quotidiana ora di formazione giornaliera mi sono imbattuto in un bellissimo articolo di ICF, la più grande associazione professionale di coach al mondo
I 10 Motivi per cui la tua organizzazione ha bisogno di un coach

L’articolo è stato creato da Ann Betz e William Arruda.

Per capire il valore di quest’articolo un breve excursus su questi due professionisti:

Ann Betz è una consulente di coaching per l’Education Department di ICF ed ha contribuito alle edizioni 2018 e 2020 di ICF Advance. È l’autrice del libro "This Is Your Brain on Coaching, the science of the ICF competencies" ed è una coach professionista dal 2001. È la co-founder di BEabove Leadership che offre training sui temi delle neuroscienze. È speaker internazionale sui temi del coaching, neuroscienze, sviluppo personale e lavoro; collabora con molti brand ed organizzazioni di coaching.

William Arruda è un imprenditore, speaker motivazionale e leader nel tema del personal branding. È l’autore del libro "Career Distinction and Ditch. Dare. Do!". Il suo ultimo lavoro, "Digital YOU", aiuta il lettore a spostarsi nel mondo virtuale. William è il CEO (Chief Encouragement Officer) di Reach Personal Branding e il co-founder di CareerBlast.TV – una piattaforma video per il personal e digital branding.
I suoi prodotti sono stati usati da più di un milione di persone in tutto il mondo. William collabora con alcuni dei brand più importanti, incluso il 20% dei Fortune 100. Scrive regolarmente su Forbes e nel 2015 ha ricevuto il premio ICF Chair’s Award per il suo contributo allo sviluppo del coaching.

Perciò vediamo assieme perché un’azienda non può fare a meno del coaching.

 

1. Molti strumenti e tecniche del coaching professionale riducono lo stress.

E’ scientificamente dimostrato. Quando siamo stressati, è molto più difficile essere empatici, pensare in modo creativo, controllare gli impulsi e fare piani efficaci.

Quando lo stress è ridotto attraverso il coaching, le persone hanno più accesso alla propria creatività, empatia, e resilienza; tutti elementi critici in questo momento.


2. Il Coaching aiuta le persone a elaborare ciò che sta succedendo.

Quello che stiamo vivendo non ha precedenti e questo rende difficile trovare un senso.

Senza la capacità di processare quello che ci accade, corriamo il rischio di schiantarci una volta usciti oppure di sublimare preoccupazioni, paura e stress in problemi di salute o altre forme problematiche.

Quando, invece, siamo consapevoli delle nostre emozioni possiamo muovere l’energia, essere più stabili e far fronte alla situazione nel durante e anche dopo. Molti hanno bisogno del supporto del coaching in questo processo.


3. Il Coaching aiuta le persone ad attingere alla propria resilienza anche quando non è possibile cambiare le condizioni esterne.

Qualsiasi coach degno di questo nome sa che deve concentrarsi sul cliente non sul problema. Quando le persone “tornano a sé stesse” attraverso il coaching, sono in grado di vedere molte più possibilità e applicare la propria resilienza interna.
Questo processo ristabilisce un buon livello nel senso di controllo (anche in questo mondo incontrollabile).


4. Il piccolo investimento nel coaching durante una crisi si ripagherà ampiamente.

Le aziende e gli individui che supereranno questo momento sono quelli che sapranno mantenere la calma, limitare l’impatto tossico dello stress, essere agili e pensare veramente “outside the box”.

L’impatto della situazione che stiamo vivendo difficilmente potrà essere assorbito senza un supporto quale quello, ad esempio, del coaching.


5. Grazie al coaching, manager e leader possono generare un effetto a catena, come onde concentriche.

Moltissime ricerche hanno dimostrato l’impatto dei leader sul clima delle loro organizzazioni.

Quando sono calmi, emotivamente controllati, premurosi e pazienti, quelli attorno a loro sono in grado di rispondere più positivamente alle pressioni.

Lo stesso è vero per i genitori e i figli.


6. Quasi certamente i cambiamenti saranno permanenti, per gli individui e per le organizzazioni.

Sappiamo bene che il coaching è uno dei metodi più efficaci per supportare il cambiamento. Non tornerà tutto come prima. Il coaching ci aiuta ad entrare in contatto con le nostre esigenze, i desideri e i limiti in modo da poter essere “co-creatori” attivi della nostra vita.


7. É più importante che mai sviluppare e trattenere i talenti.

Abbiamo bisogno di straordinarie capacità progettuali e operative per attraversare questa situazione; nel business, a scuola, in famiglia.

Pur nella diversità dei business, tutte le imprese avranno bisogno di livelli multipli di leadership. E il coaching si è dimostrato efficace nello sviluppo della leadership e della fiducia, oltre a costituire una valida strategia di retention.


8. I coach possono aiutare le persone a sbloccarsi e uscire da un mindset statico.

Per sopravvivere e crescere serve ora una mentalità adattiva in grado di rispondere con flessibilità e creatività rimanendo lucidi. Il coaching aiuta a individuare le proprie convinzioni limitanti applicando un mindset aperto, reattivo.


9. In questo momento di crisi profonda, le persone si stanno interrogando sugli scopi, le motivazioni.

Senza supporto, le domande sul significato della vita, i valori e le motivazioni rischiano di andare perdute una volta usciti dalla crisi. Il coaching ci può aiutare a riflettere efficacemente su quello che abbiamo imparato di noi stessi.


10. Molte persone useranno questa opportunità per apportare dei cambiamenti importanti nella propria vita lavorativa e anche in quella personale. E l’aiuto di un coach è prezioso per attraversare questo cambiamento.

Le vecchie abitudini sono ben radicate nelle nostre menti. Un vero cambiamento comporta una rivoluzione per il sistema; da soli è difficile compierlo.

Il coaching entra nel ciclo di apprendimento: “riflessione-azione-riflessione” e il coach ci aiuta a “identificare quello che vogliamo, sperimentare qualche cambiamento, riflettere su quello che abbiamo imparato”. Un ciclo che viene ripetuto e che ci porta a nuove modalità e nuovi risultati.


Chi sono?

Da più di 20 anni mi occupo di gestione e sviluppo delle Risorse Umane all'interno delle aziende in qualità di Human Resources Manager.

Scopri come posso aiutarti
maurodotta.it

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Vivere il lavoro come un allenamento della felicità

Il lavoro può darci la felicità? Si, nella misura in cui possiamo agire sui segnali di "fatica" che generano un danno nelle relazioni con noi stessi e con gli altri

Continua

Il Coach è molto di più di un motivatore

La parola “coach” è sempre più abusata, è importante fare chiarezza su cosa è il coaching professionale

Continua

E' l'umore a determinare l'efficacia delle persone sul posto di lavoro

Sempre più imprese negli Stati Uniti e in Europa decidono di puntare sulla felicità e sul benessere dei propri dipendenti

Continua

Le buone relazioni umane rendono le persone felici sul lavoro

Non è unicamente il salario a rendere i dipendenti felici, il segreto è instaurare relazioni umane soddisfacenti

Continua

Hai un capo "insopportabile"? Ecco 8 consigli per gestirlo

La ragione numero uno per cui si cambia lavoro è avere sopra di sé un capo insopportabile, con cui non si riesce assolutamente a interagire

Continua

Ecco i 5 modi per avere successo

La maggior parte di noi ha delle convinzioni radicate che possono essere un serio ostacolo alla realizzazione dei progetti di cambiamento

Continua

Felicità e lavoro possono con-vivere?

Rendere felice il nostro lavoro e quello degli altri è un processo che richiede fatica: questa è la percezione comune che abbiamo

Continua

Dire grazie è da giusti, non da deboli

Grazie è il primo mattone per iniziare a costruire relazioni sane, anche sul posto di lavoro

Continua

La felicità al lavoro esiste!

Non è un'utopia: il benessere al lavoro è una realtà sempre più consolidata, anche in Italia

Continua

La gentilezza si prende la rivincita: “Aiuta a stare bene”

La presidente del World Kindness Movement: «Anche le aziende ci chiedono corsi per i dipendenti»

Continua

Per essere felici sul lavoro serve il coraggio di “ESSERE”

La felicità è una attitudine che si può allenare, iniziando dal riconoscere il modo con cui stiamo in relazione con noi stessi

Continua

La vita non è lavorare in settimana e il sabato andare a fare spesa

"Cercate il bello nella vita. C’è molta bellezza intorno a noi” è il consiglio del paleoantropologo Juan Luis Arsuaga

Continua

A cosa serve un coach in azienda e quale valore aggiunto può portare

Una ricerca condotta dall'American Management Association (AMA) ci rivela quali sono gli obiettivi dei programmi di coaching nel mondo corporate

Continua

La felicità è per tutti, se ci diamo una seconda possibilità

Ognuno di noi ha la possibilità di reinventarsi. Se a un certo punto ci rendiamo conto di non essere felici, dobbiamo fare di tutto per darci una seconda possibilità

Continua

È giusto sacrificare la propria vita per il lavoro?

E' giusto fare del lavoro una parte importante della nostra vita, quando poi è la stessa natura umana a poter cancellare tutto in un attimo?

Continua

La necessità di cambiare la cultura del lavoro

Il sovraccarico di lavoro comporta conseguenze negative. Solo in Italia 5 milioni di lavoratori manifestano sintomi da stress

Continua

La felicità oggi richiede più saggezza e meno leadership

Siamo più intelligenti e anche più stressati. Qualcosa non sta funzionando

Continua

L'equazione della felicità creata da un ex manager Google 

Cosa fare quando tutto crolla? Mo Gawdat, ex manager Google, dopo la morte del figlio ha lasciato tutto per aiutare gli altri e se stesso a ritrovare la gioia

Continua

La chiave per avere clienti felici? Dipendenti felici

E se facessimo parte di un'azienda che mette sullo stesso piano clienti felici e dipendenti felici?

Continua

Semplicità volontaria: lavorare bene per vivere meglio?

"Lavorare per vivere e non vivere per lavorare" sembra un motto banale, ma al giorno d'oggi tanto viene sacrificato per la carriera, agire in modo differente si può

Continua

Le persone non lasciano il lavoro, ma abbandonano i loro capi

Per coinvolgere i dipendenti occorre una leadership compassionevole

Continua

I leader vanno scelti per come sanno ascoltare

Comunicare non significa parlare ma ascoltare, va riscoperto il valore dell’ascolto come base della capacità di comunicare

Continua

Il coraggio di “cambiare” da Risorse Umane a Relazioni Umane

Il relazionarsi si sta facendo sempre più a misura di "software" e sempre meno a misura d'uomo

Continua

L’azienda può essere una famiglia?

Quando l'ottica da "Mulino Bianco" entra nell’organizzazione

Continua

I buoni leader sono leader buoni

Emozioni quali l’empatia e la gentilezza sono spesso congedate come non quantificabili a livello d’impatto su un’organizzazione. Ma non è così!

Continua

Signori si nasce!

Una delle principali fonti di soddisfazione nei luoghi di lavoro è legata al modo in cui siamo trattati dagli altri, siano essi capi o colleghi

Continua

Abbiate cura dei vostri pensieri

Non torneremo alla normalità perché era la normalità il vero problema

Continua

Essere Smart nella Leadership a distanza

Dal coffee break alla buonasera digitale. Come porre al centro dell'organizzazione lavorativa la partecipazione delle persone

Continua

Il Re è nudo, lunga vita al Re

Il potere del leader ha bisogno di ascoltare la follia che lo circonda

Continua

Le capacità di un leader in un momento di crisi

Sono i momenti di avversità il vero banco di prova per un leader

Continua

L'umiltà rende il leader empatico e in relazione profonda con il suo team

Un “grazie” e uno “scusa” sinceri e umili detti da un leader (manager o capo che sia) generano più spirito di gruppo di cento corsi di team building

Continua

Perchè l’umiltà è la chiave del successo per la tua azienda?

Oggi più che mai la leadership è un tema di relazione, non di controllo

Continua

Il manager del futuro dovrà eccellere in più discipline, come Leonardo

Il mercato richiede competenze multidisciplinari o specialistiche? E’ la domanda che ci poniamo ogni giorno.

Continua

Il senso di far sentire utili le persone

E’ ora di raccontare un’altra storia. Così il lavoro ci dà benessere ancora prima di un reddito

Continua

Crescere e rendere felici i dipendenti? Più facile se c’è innovazione

L’importanza dei piccoli e grandi cambiamenti all’interno delle aziende di piccole, medie e grandi dimensioni

Continua

Incertezza: come deve affrontarla un leader di successo

Le varie sfaccettature dell’incertezza che deve affrontare un leader all’interno della sua organizzazione

Continua

La gentilezza? Fa bene al mondo (e alle imprese)

La gentilezza non è un lusso da sfoderare nelle grandi occasioni. È piuttosto un’attitudine innata

Continua