Richiedi una consulenza in studio gratuita!

I.C.P. Valenza direzionale e non pubblicitaria


E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Regionale della Puglia con la Sentenza N°3189 depositata il 06/11/2017
I.C.P. Valenza direzionale e non pubblicitaria
I Giudici tributari di appello hanno ritenuto prevalente la funzione direzionale rispetto a quella pubblicitaria riferita alle insegne e ai cassoni luminosi posti in un luogo non aperto al pubblico bensì limitato nel caso di specie ad una particolare categoria di soggetti titolari di partita IVA e, pertanto, in possesso di determinati requisiti rispetto ad un numero indiscriminato di soggetti. Nel caso di specie, il Collegio tributario pugliese ha ritenuto non configurabile il presupposto d’imposta di cui all’art.5, comma 1 del D.lgs.n°507/1993 ritenendo la segnaletica accertata meramente identificativa e, pertanto, solo d’ausilio rispetto all’utenza che accede in un luogo non aperto a tutti ma bensì solo ad alcuni soggetti. Trattasi nel caso di specie di insegne prive di una valenza pubblicitaria poste all’interno di un luogo con caratteristiche e destinazione particolari che lo differenziano dai comuni centri commerciali.

- La normativa di riferimento - Il presupposto d’imposta: L’art.5 comma 1 del D.lgs.n°507/1993
In sede normativa l’art.5, comma 1° del D.lgs.n°507/1993 focalizza il presupposto d’imposta ICP; in particolare, la previsione normativa richiamata dispone testualmente che "la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso forme di comunicazione visive o acustiche diverse da quelle assoggettate al diritto sulle pubbliche affissioni, in luoghi pubblici o aperti al pubblico o che sia da tali luoghi percepibile, è soggetta all’imposta sulla pubblicità prevista nel presente decreto".
Dalla lettura testuale dell’art.5, comma 1 si evince che è configurabile il presupposto d’imposta riferito al’ICP allorquando il messaggio pubblicitario rinviene da un’insegna, un cartello, un manifesto, una bandierina che risultano essere posti in "luoghi pubblici" o "aperti al pubblico" ed, in quanto tali, visibili da un numero indeterminato di soggetti.
In altre parole, è possibile sostenere in base al dettato normativo sopra richiamato che la pubblicità soggetta all’imposta è quella che, effettuata in luoghi pubblici o aperti al pubblico, si rivolge inevitabilmente ad una "massa indeterminata" di soggetti destinatari del messaggio pubblicitario-propagandistico a prescindere dalla loro espressa volontà.
Pertanto,"chiunque" senza effettuare una scelta esplicita, può diventare destinatario del messaggio pubblicitario-propagandistico rinveniente da un cartello, un’insegna, una bandierina.
A parere di chi scrive, rileva sicuramente fare chiarezza concettuale in ordine alla definizione più appropriata di "luogo pubblico" e di "luogo aperto al pubblico" a cui la lex specialis di riferimento (D.lgs.n°507/1993) fa espresso richiamo subordinando proprio al luogo di ubicazione dei cartelli e delle insegne la debenza tributaria in questione. Ciò al fine di potere meglio configurare la differenza sostanziale che intercorre tra un luogo pubblico o aperto al pubblico ed un luogo privato.
Nessuna definizione in tal senso è configurabile nel Decreto di riferimento (D.lgs.n°507/1993) che disciplina l’imposta in questione per cui deve necessariamente farsi riferimento alla definizione concettuale rinveniente dalle norme di Pubblica Sicurezza nonché alle accezioni che riguardano lo ius in generale.
In particolare, nell’ambito del Diritto, il termine "pubblico" identifica un bene materiale o immateriale accessibile a tutte le persone senza condizioni, in opposizione a ciò che è di proprietà di un privato che, in quanto tale, è mantenuto e protetto a servizio e godimento della collettività, senza l’ingerenza di altri interessi privati.
Pertanto, per definizione può dirsi "luogo pubblico" quello in cui può accedere chiunque senza alcuna particolare formalità, essendo quello il suo scopo ed utilizzo normale e prevalente (ad esempio: piazze, giardini pubblici, spiagge demaniali, ecc.). Appare chiaro, pertanto, che, per definizione, sono luoghi pubblici quelli generalmente di proprietà del Demanio dello Stato, in quanto tali, accessibili a chiunque lo voglia, senza limitazioni di sorta.

- La Sentenza N°3189 depositata il 06/11/2017 della Commissione Tributaria Regionale della Puglia
Con riferimento alla casistica specifica posta al vaglio dei Giudici tributari d’appello è emersa in sede di giudicato la non configurabilità delle condizioni a cui il richiamato art.5 comma 1 del D.lgs.n°507/1993 subordina il presupposto d’imposta.
In particolare, secondo il Collegio tributario pugliese le targhe monofacciali e bifacciali nonché i cartelli mono e bifacciali collocati all’interno del centro commerciale all’ingrosso così denominato non esplicano di fatto alcun messaggio pubblicitario, trattandosi di "segnali d’indicazione aventi come unico scopo quello di fornire al soggetto autorizzato all’ingresso agevoli indicazioni sulla direttiva di marcia da adottare per raggiungere il luogo desiderato in cui è situato il capannone",
All’interno del comprensorio che delimita l’area del Centro Commerciale di cui si tratta vi sono ben ventidue Stecche all’interno di ciascuna delle quali sono presenti ventiquattro Moduli dislocati su di un’area che si estende su una superficie di circa 100.000 metri quadrati - tra area coperta e area scoperta; ogni modulo è contraddistinto all’interno del lotto/stecca da un numero progressivo posto proprio sul cassone luminoso monofacciale collocato sopra la porta d’ingresso di ciascun capannone. La presenza di un numero progressivo posto sul cassone luminoso ha quale unica finalità quella di identificare il Modulo specifico all’interno del Lotto in cui si trova la sede operativa di ciascuna Società.
Pertanto, con riferimento alle insegne in ordine alle quali il Comune ha richiesto il pagamento dell’imposta è di tutta evidenza, secondo i Giudici tributari di secondo grado, che le stesse hanno una finalità "segnaletica-direzionale" che prevale rispetto alla funzione propagandistica e/o pubblicitaria con inevitabilmente pregiudizio in ordine alla configurabilità stessa del presupposto d’imposta di cui al più volte richiamato art.5, comma 1 del D.lgs.n°507/1993.
In altre parole, la Commissione tributaria regionale pugliese ha giustificato nel caso di specie la non debenza ICP in considerazione della particolarità del centro commerciale all’ingrosso entro il quale risultavano installate le insegne e i cassoni.
In particolare, diversamente da quanto avviene per i normali centri commerciali ai quali può accedere una massa indiscriminata di soggetti nel caso di specie il centro commerciale denominato volutamente "all’ingrosso" era fruibile solo da una limitata categoria di soggetti (titolari di partita IVA) pregiudicando ciò la condizione preliminare a cui il legislatore ha strettamente subordinata la configurabilità del presupposto d’imposta come sopra richiamato.
E’ apparsa pertanto prevalente in sede di gravame la funzione segnalatoria della cartellonistica accertata dal comune rispetto a quella pubblicitaria non configurabile nel caso de quo.
Sulla questione ICP di cui si tratta è tuttavia configurabile una giurisprudenza di merito non certo uniforme che non aiuta certo gli operatori del diritto e non meno i destinatari stessi della pretesa impostiva comunale.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

É necessaria una riforma del Processo Tributario

Il presente articolo focalizza alcune modifiche urgenti da cui la Giurisdizione tributaria non può più prescindere

Continua

Motivazione e principio di soccombenza processuale

Il presente articolo focalizza gli aspetti tecnici e procedurali riconducibili all'art.15, comma 2 del D.lgs.n°546/1992 da recepire in sentenza.

Continua

Cartella di pagamento e prova della notifica

Spetta al concessionario della riscossione provare la regolare notifica della cartella di pagamento in caso di contestazione del contribuente

Continua

Nullo l'avviso di accertamento ICI non motivato

Nel procedimento tributario la motivazione dell’avviso di accertamento è garanzia dell'esercizio del diritto di difesa del contribuente

Continua

Inesistente la notifica postale AR della cartella

Commento a Sentenza della C.T.P. di Bari - Sezione 7 - N°4457 depositata il 22/12/2016

Continua

No esenzione ICI per immobili della Santa sede

E’ quanto disposto dalla Suprema Corte di Cassazione nel Ordinanza 17/06/2016, n°14667 in materia di esenzione ICI per gli Immobili della Santa Sede

Continua

Obbligo della mediazione per i tributi locali

Si tratta di una delle novità ultime introdotte con i Decreti attuativi in materia di contenzioso tributario in chiave prevalentemente deflattiva

Continua

Consorzi di bonifica e la prova del beneficio

Spetta al Consorzio di Bonifica la prova contraria ex art.2697 comma 2 c.c. sulla sussistenza del beneficio specifico e diretto pro terreno agricolo

Continua

Cumulabili cali naturali e cali tecnici

E’ quanto hanno disposto i Giudici di Legittimità con Ordinanza N°19150 del 28/09/2016 depositata il 28/09/2016. Spetta la concessione dell'abbuono

Continua

La compensazione delle spese deve essere motivata

E’ quanto ha disposto dalla Suprema Corte di Cassazione Civ. 5 con la Sentenza 31 maggio 2016, n°11217 sulle spese di giudizio compensate

Continua

Cartella esattoriale e prova della notifica

Grava sul concessionario della riscossione l’onere di provare l'avvenuta notifica della cartella di pagamento posta a base della iscrizione di ipoteca

Continua

Dal 1° luglio al via a Equi-Entrate riscossione

Tra i provvedimenti del Decreto Legge n°193 del 22/10/2016 vi è la disposizione che prevede la soppressione di Equitalia SPA per i tributi locali

Continua

LE SPESE DI SPONSORIZZAZIONE SONO DEDUCIBILI

«Le spese di sponsorizzazione sono riconducibili alle spese di pubblicità e quindi deducibili. <br />In tal senso, C.T.P. Bari Sen. n°657 del 02/12/2015

Continua

Paga l'ICI/IMU chi coadiuva i coltivatori diretti

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°11979 del 12 maggio 2017 in materia di agevolazioni ICI/IMU

Continua

Gli “F3” in costruzione pagano l'IMU come area

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della sentenza N°11694 dell’11 maggio 2017 in materia d’ICI/IMU

Continua

Il giudice tributario decide sul pignoramento

E quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13913 del 05 giugno 2017

Continua

L' avviso di ricevimento postale fa fede

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione a SEZIONI UNITE in concomitanza della Sentenza N°13452 del 29 maggio 2017.

Continua

Gli istituti deflattivi del contenzioso tributario

Strumenti utili al fine di diminuire i procedimenti iscritti in Commissione tributaria?

Continua

Accertamento TARSU e obbligo della motivazione

E' quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari- Sezione 2 in concomitanza della SENTENZA N°1963 depositata l'11 luglio 2017

Continua

Gli atti impugnabili in commissione tributaria

Il processo tributario è un giudizio di impugnazione che in quanto tale implica un impulso di parte a seguito di un interesse ad agire

Continua

Il ricorso introduttivo. Elementi essenziali

Il processo tributario, come le altre giurisdizioni soggiace al principio generale secondo cui “non si ha giurisdizione senza azione”

Continua

Il giudizio di ottemperanza e processo tributario

L’Istituto del giudizio di ottemperanza rappresenta senza dubbio uno degli istituti più interessanti previsti dal D.lgs.n°546/1992

Continua

I poteri delle commissioni tributarie

La Cassazione ha assunto in passato l’orientamento secondo cui il processo tributario era da considerare “misto" ossia inquisitorio e dispositivo

Continua

Pagano la Tarsu i parcheggi dei supermercati

Le aree scoperte adibite a parcheggio del Centro commerciale pagano la TARSU. Lo ha ha disposto la Corte di CASSAZIONE nella SEN. 18500 del 26/7/2017

Continua

E’ nulla la notifica della cartella a mezzo pec

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Reggio Emilia in concomitanza della Sentenza N°204 depositata il 31/07/2017

Continua

Tari, riduzione per disservizio non del Comune

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°22531 depositata il 27 settembre 2017

Continua

ICI. La notifica degli accertamenti a mezzo posta

Il D.lgs.n°504/1992, art.11 nel testo applicabile ratione temporis prevede esclusivamente il ricorso al servizio postale con raccomandata a.r.

Continua

ICI/ IMU. Pertinenza esente solo se strumentale

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza N°29258 del 06 dicembre 2017

Continua

Pertinenza esente se strumentale all'abitazione

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di cassazione in concomitanza dell’Ordinanza N°29258 del 06 dicembre 2017

Continua

Ok per rateizzare se lo decide l'ente creditore

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione nella Sentenza n°440 del 11/01/2018

Continua

Ici. Aree edificabili e valore venale

La Cassazione nell’Ordinanza n°29192 del 06/12/2017 ha disposto che è area edificabile il terreno su cui vengono effettuati lavori di costruzione

Continua

Mediazione se la lite non supera 50 mila euro

La novità è contenuta nel D.L.n°50/2017 rappresentata dalla variazione in aumento del valore della lite a 50 mila euro per il reclamo-mediazione

Continua

Poste private senza licenza. Notifiche inesistenti

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione con l’Ordinanza n°234 del 08/01/2018

Continua

Sentenza di appello illegittima se non motivata

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione con l’Ordinanza N°3999 depositata il 19/02/2018

Continua

Niente TARSU se i rifiuti sono speciali

Lo ha stabilito la Suprema Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza n°4412 del 23/02/2018

Continua

P.E.C., l`allegato in PDF. Parola alle Sezioni Unite

Notifica a mezzo P.E.C., spetta alle Sezioni Unite della Corte di Cassazione stabilire la legittimità dell’allegato in estensione PDF

Continua

Ipotecabile il fondo patrimoniale ex ante

Ipoteca ammissibile anche sui beni facenti parte di un fondo patrimoniale costituito venti anni prima rispetto al debito sopravvenuto.

Continua

La stima UTE non giustifica la pretesa erariale

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione in concomitanza della Sentenza N°8249 depositata il 04 /04/2018

Continua

Notifica via pec. Le sezioni unite hanno deciso

Le firme digitali cades e pades sono equivalenti. E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione nella sentenza 10266 del 27/04/2018

Continua

Atti esecutivi tributari. Art.57 del DPR 602/73

Illegittimità costituzionale dell’art.57 comma 1 lett. a) DPR 602/73 nella parte in cui non prevede l’opponibilità dell`atto esecutivo ex art.615 cpc

Continua

Cartella di pagamento nulla se non è motivata

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione con l’Ordinanza n°10481 del 03 maggio 2018

Continua

E' nullo l'accertamento Tari non motivato

E’ quanto ha disposto la Commissione Tributaria Provinciale di Bari nella Sentenza N°1424 depositata dai Giudici baresi in data 05/06/2018

Continua

La rateizzazione interrompe la prescrizione

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione in occasione dell’Ordinanza N°16098 depositata il 18 giugno 2018.

Continua

Accertamenti catastali e stima diretta

E’ quanto ha disposto la Commissione tributaria provinciale di Bari in concomitanza della sentenza N°1775 depositata in Segreteria il 16/07/2018

Continua

E’ reato la vendita di beni di proprietà in pendenza di una procedura esecutiva

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la Sentenza n°40442 del 12/09/2018

Continua

L’istanza di rateizzazione equivale a riconoscimento del debito

Lo ha disposto la Suprema Corte di Cassazione in occasione dell’Ordinanza N°16098 del 18/06/2018

Continua

L’incertezza normativa esclude le sanzioni tributarie

Corte di Cassazione Sezione Tributaria, Ordinanza n°26431 del 19/10/2018

Continua

Niente contributo consortile senza beneficio diretto

E’ quanto ha disposto la Corte Costituzionale con la Sentenza n°188 depositata il 18 ottobre 2018

Continua

La perizia di parte può disattendere l’accertamento analitico dell’ufficio

E’ quanto ha disposto la Corte di Cassazione in concomitanza dell’Ordinanza n°31274 del 04 dicembre

Continua

Per il TAR Campania sono illegittime le delibere TARI tardive

E’ quanto ha disposto il TAR Campania in concomitanza della Sentenza n°6535 del 09 novembre 2018 ritornando sulla illegittimità delle Tariffe TARI deliberate in ritardo

Continua

I poteri istruttori delle commissioni tributarie. Limiti e certezza

I poteri istruttori del giudice tributario possono avere una rilevanza non di poco conto nel chiarire nonché verificare la fondatezza dei motivi di doglianza eccepiti

Continua

Nulla la cartella che non indica il responsabile del procedimento

E’ quanto ha disposto la Suprema Corte di Cassazione Sezione tributaria in concomitanza della Sentenza n° 33565 del 28/12/2018.

Continua

Rappresentanza e assistenza tecnica in giudizio. Quali criticità?

Ecco gli aspetti tecnici e procedurali più significativi da tenere presente nel dare impulso all'azione giudiziale in sede tributaria

Continua

TARSU: B&B e alberghi accomunati dalla stessa tariffa

Il Comune può determinare la tariffa della TARSU non prendendo in considerazione la sua destinazione d’uso bensì l’attività economica svolta nei locali

Continua

Imprese, le nuove misure disposte dal "Decreto Liquidità"

Accesso al credito, sostegno alla liquidità, all’esportazione, all’internazionalizzazione e agli investimenti

Continua