Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Comunicazione aziendale: impariamo dai cartoni animati


I cartoni animati piacciono perché sono personaggi in grado di far divertire e perché ci identifichiamo. Impariamo da loro per una comunicazione vera
Comunicazione aziendale: impariamo dai cartoni animati

I bambini non hanno preconcetti e guardano il cartone animato con un occhio libero da ogni preconcetto, per l’appunto.

Se dovessi chiedervi: Chi preferite tra Paperone e Paperino?

Tra Willy il Coyote e Beep Beep? Tra Topolino e la Banda Bassotti?

Rivolgendo queste domande, spesso la risposta è scontata.

Soffermiamoci quindi nel capire perché solitamente le persone rispondano sempre “Topolino” o “Willy il Coyote”...

Piacciono perché sono personaggi in grado di far divertire, sorridere, si inseriscono facilmente all’interno della realtà e corrispondono a quelle che sono le nostre personalità.

La risposta quindi è: perché ci identifichiamo.

In comunicazione va tenuto a mente che le finte non funzionano, perché non corrispondo effettivamente a ciò che sei, anche con tutte le tue debolezze.

Vi chiedo inoltre: Vorreste assomigliare di più a Paperone o a Dory?

Io personalmente Dory tutta la vita, perché è un personaggio che somiglia a noi.

Fate capire ai vostri clienti chi siete, fate capire il motivo per cui state facendo ciò che state facendo e siate certi che i clienti cominceranno a fidarsi di voi.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Come distinguersi dalla concorrenza? Così lo faccio per voi

Utilizzo il marketing laterale per i miei clienti, per creare un strategia che sia solo loro e che li distingua dai loro concorrenti. Leggi cosa faccio

Continua

Bene o male l’importante è che se ne parli?

Diversi anni fa Oliviero Toscani con le campagne per Benetton ha diviso il pubblico e questa divisione è diventata essa stessa comunicazione. Oggi sarebbe ancora utile?

Continua

Quante volte avete sentito parlare di green washing?

È un termine utilizzato per le aziende che vogliono “darsi una rinfrescata” dando un'immagine ambientalistica senza poi in realtà fare qualcosa di concreto

Continua

La LEGO come esempio di strategia vincente

Se mi chiedete quale marchio rappresenta meglio il mio concetto di comunicazione, il primo che mi viene in mente è la Lego

Continua

Effetto boomerang

Una delle cose di cui spesso non si tiene conto nella comunicazione è l’effetto boomerang, sia che questo sia favorevole all’azienda sia che sia contrario.

Continua

House organ

Un mezzo di comunicazione che viene utilizzato da tempo dalle aziende che volevano trovare un modo diverso e di forte impatto per raggiungere i clienti.

Continua

Motori di ricerca: sono veramente la soluzione a tutto?

La visibilità di un’azienda si forma, si modifica, migliora o peggiora a seconda di una serie di variabili che spesso non vengono tenute in considerazione

Continua

Packaging

È uno degli elementi più studiati della comunicazione aziendale. Nella sua accezione più ampia il packaging si può dividere in tre gruppi.

Continua

Lo slogan

Oppure claim, memory hook, réclame, motto. Ne avete altri?

Continua

Il viral marketing

Oggi entriamo in terminologie leggermente tecniche, per cui abbiate pazienza.

Continua