Richiedi una consulenza in studio gratuita!

I contributi previdenziali per i contribuenti in regime forfettario


Breve guida sulle agevolazioni contributive Inps in favore degli artigiani e commercianti in regime forfettario
I contributi previdenziali per i contribuenti in regime forfettario

Gli artigiani ed i commercianti sono tenuti annualmente a versare un contributo Inps predefinito indipendentemente dal reddito conseguito. Pertanto versa i contributi anche chi non ha prodotto redditi.

Nel caso dei titolari, i contributi fissi, determinati annualmente dall’Inps, per il 2020, sono calcolati su un minimale di euro 15.953 e sono pari ad euro 3.836,16 per gli artigiani e ad euro 3.850,52 per i commercianti . Tuttavia  gli artigiani e i commercianti in regime forfettario possono richiedere lo sconto del 35% del valore dei contributi fissi e, se presenti, anche di quelli variabili.

Il pagamento dei contributi fissi avviene in 4 rate annuali di pari importo scadenti il 16 maggio, 20 agosto, 16 novembre e 16 febbraio dell’anno successivo, tranne eventuali slittamenti al lunedì successivo quando la data di scadenza cade di sabato o di domenica.

I contributi fissi sono dovuti a prescindere dal reddito, ma quando  il reddito supera  € 15.953 sulla parte eccedente sono dovuti anche i contributi variabili nella misura del 24% per gli artigiani e del 24,09% per i commercianti.

Gli artigiani ed i commercianti che aderiscono al regime forfettario possono beneficiare di una riduzione del 35% dei contributi INPS da versare sia sul reddito minimale che eventualmente sul reddito eccedente il minimale ai sensi dell’art. 1 nei commi 76 – 84 della legge 190/2014.

L’agevolazione della riduzione del 35% non si estende anche ai lavoratori autonomi.

Lo sgravio è una facoltà del contribuente, per ottenere l’agevolazione il contribuente dovrà richiedere lo sgravio contributivo  trasmettendo una domanda direttamente all’INPS attraverso il proprio cassetto previdenziale.

In caso a di una nuova iscrizione, la domanda va effettuata subito dopo l’apertura della posizione INPS, qualora si tratti di contribuenti già iscritti, la domanda di riduzione oppure la rinuncia alla stessa deve essere presentata entro il 28 febbraio.

Per coloro che già hanno richiesto lo sgravio non sarà necessario richiederlo nuovamente di anno in anno, quest’ultimo si rinnova tacitamente.

Va precisato che la richiesta di sgravio comporta anche una riduzione dell’accredito dei contributi. La contribuzione accreditata viene ridotta in proporzione a quanto versato, pertanto chi ottiene lo sgravio si vedrà accreditati solo 8 mesi di contribuzione anziché l’intera annualità  Il contribuente può rinunciare all’agevolazione con una  comunicazione ad INPS entro il mese di febbraio dell’anno in cui si richiede il ripristino della contribuzione ordinaria.

Non si avrà più diritto allo sgravio con la perdita dei requisiti per l’accesso al regime forfettario.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La tassazione Ires nelle società cooperative

Ecco sinteticamente quali sono le principali norme sulla tassazione agevolata dell'Ires nelle società cooperative

Continua

Il limite del 30% di lavoratori svantaggiati nelle cooperative sociali

Ecco quali sono le modalità di determinazione della percentuale del 30% dei lavoratori svantaggiati nelle cooperative sociali

Continua

Obbligo del consiglio di amministrazione nelle cooperative

L’amministrazione della cooperativa deve essere in ogni caso affidata a un organo collegiale formato da almeno tre soggetti

Continua

Regime forfettario: vantaggi e svantaggi

I vantaggi e gli svantaggi nella scelta tra regime forfettario e regime ordinario

Continua

Guida al versamento del 3% ai fondi mutualistici

Breve guida sulle modalità di versamento del 3% dovuto dalle cooperative ai fondi mutualistici per la promozione e lo sviluppo della cooperazione

Continua

La liquidazione coatta amministrativa e concorso con il fallimento

Sintesi sui principali aspetti della liquidazione coatta amministrativa e alternatività con il fallimento

Continua

La vidimazione dei libri sociali nelle cooperative

Ecco quello che c'è da sapere sull'obbligo della vidimazione dei libri sociali nelle cooperative

Continua

Credito di imposta canoni di locazione immobili ad uso non abitativo

Breve guida sul funzionamento del nuovo credito di imposta mensile del 60% sui canoni di locazione degli immobili ad uso non abitativo a causa emergenza da COVID 19

Continua

Il numero minimo dei soci nelle cooperative

Ecco cosa prevede la normativa in merito al numero minimo legale dei soci stabilito per le cooperative

Continua