Richiedi una consulenza in studio gratuita!

I diritti relazionali nell'infanzia e il ruolo dei nonni


Quanto i nonni e i parenti sono importanti per la crescita dei minori. Vivere in armonia è possibile se tutti si danno da fare!
I diritti relazionali nell'infanzia e il ruolo dei nonni

In quest’articolo, vogliamo evidenziare come i bambini siano al centro di diversi rapporti personali all’interno della propria famiglia e all’interno della comunità nella quale vivono. Nella società odierna si sono svalutate molte di quelle relazioni su cui si reggevano le famiglie di una volta, poiché le famiglie non convivono più con le vecchie generazioni ed i rapporti con i nonni, per molti bambini, si sono ridotti ad un mero servizio di baby sitting, più economico e sempre disponibile, con un ridotto apporto educativo e formativo.

Qualche generazione fa, invece, era quasi la regola, per un nuovo nucleo familiare appena costituitosi, quella di abitare insieme a genitori e nonni, avere regolari rapporti con zii e cugini, far parte di una comunità parentale globale. Oggi il diritto di ciascun bambino di “mantenere rapporti significativi con i parenti” è stato inserito nell’art. 315 bis del codice civile, ma è raro che i piccoli possano crescere frequentando regolarmente tutti i parenti, sia per le distanze esistenti tra i vari nuclei familiari, sia per la frenesia che caratterizza le nostre vite, determinando, nella maggior parte dei casi, la perdita delle proprie radici familiari e sociali.

I pedagogisti sostengono che un buon ambiente familiare, sociale e scolastico concorrono a formare l’adulto che ogni bambino potrà diventare, permettendo al bambino di compiere svariate esperienze, in modo da far emergere doti latenti ed eventuali predisposizioni.

L’art. 29 della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia specifica che l’educazione del minore “deve tendere a: promuovere lo sviluppo della personalità del fanciullo, dei suoi talenti, delle sue attitudini mentali e fisiche, in tutto l’arco delle sue potenzialità”. Ogni relazione educativa e significativa, infatti, si costituisce e si costruisce di rispetto e di ricordi. Agli stimoli proposti ai figli dai genitori, quindi, è utile che si aggiungano quelli proposti dai nonni e dagli altri soggetti aventi con il minore un rapporto parentale, che alimentano e stimolano ogni bambino. I parenti costituiscono un frammento della storia a cui appartiene ciascun bambino.

La lettera c) dell’art. 29 citato, nello specifico, richiama lo sviluppo nel fanciullo del “rispetto dei suoi genitori, della sua identità, della sua lingua e dei suoi valori culturali, nonché il rispetto dei valori nazionali del paese nel quale vive, del paese di cui può essere originario e delle civiltà diverse dalla sua”. In tale articolo si dà valore alla comunità in cui si cresce e si può, pertanto, ricondurre ad esso anche il valore del rapporto con i nonni ed i parenti del minore e degli insegnamenti che da essi potrà ricavare, per la sua vita.

Con l’art. 1 della legge 159/2005 è stata istituita la «Festa nazionale dei nonni» “quale momento per celebrare l’importanza del ruolo svolto dai nonni all'interno delle famiglie e della società in generale”. Si tratta di un diritto dei bambini, un patrimonio immateriale che consente loro di vivere una migliore dimensione della propria infanzia, che consente loro di divenire i migliori adulti che potranno essere, offrendo esempi di vita cui fare riferimento.

Nell’art. 5 della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia si parla espressamente anche dei membri facenti parte della “famiglia allargata” (da intendersi nonni e altre figure parentali di riferimento) e della “collettività”, responsabili del fanciullo e di cui ogni bambino ha bisogno per maturare il rispetto dei propri genitori, della propria identità, della propria lingua e dei propri valori culturali.

Nel – fondamentale – preambolo della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia si legge che la famiglia è l’“unità fondamentale della società e ambiente naturale per la crescita e il benessere di tutti i suoi membri e in particolare dei fanciulli”, e si riconosce che “il fanciullo ai fini dello sviluppo armonioso e completo della sua personalità deve crescere in un ambiente familiare in un clima di felicità, di amore e di comprensione”. Ambiente familiare che, ovviamente, non si limita alla sola famiglia in senso stretto ma anche alle altre figure parentali ed affettive di cui si è detto. Queste figure sono tutte interconnesse e corresponsabili gli uni degli altri e contribuiscono all’orientamento ed ai consigli di cui si parla nell’art. 5 della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia.

La rete di sostegno interfamiliare di cui si è parlato, come pure il supporto che la società dovrebbe fornire, per la crescita di ogni minore, paiono ancora più fondamentali in caso di bambini affetti da disabilità. Nei casi di minore con disabilità fisica o intellettiva, infatti, la famiglia necessariamente si deve riorganizzare ed i soli genitori sono spesso insufficienti a fornire al proprio figlio tutte le attenzioni, le cure ed il sostegno materiale necessari, a volte per incapacità emotiva di ovviare ai bisogni specifici derivanti dalla disabilità stessa, a volte per semplice difficoltà pratica ad occuparsi del minore, compatibilmente, ad esempio, con gli impegni lavorativi, anche con il rischio di dover operare rinunce personali, maturando sensi di colpa e sentimenti di risentimento, rabbia o depressione, ovvero sviluppando un atteggiamento iperprotettivo che soffoca lo sviluppo del bambino.

Le risorse che la famiglia allargata può fornire in questi casi sono senza dubbio importantissime, fornendo ai genitori del minore una solida struttura su cui poggiare. Si tratterà di risorse emozionali (le capacità di gestione di frustrazioni, ansie e paure che, soprattutto all’inizio, potranno sopraffare i genitori), risorse cognitive (la necessità di elaborare l’evento e razionalizzare le sue conseguenze sulla famiglia), risorse sociali (la esigenza di attivare tutte le risorse indispensabili per gestire la situazione) e risorse economiche (per fornire al bambino ciò di cui ha bisogno e per garantirgli le migliori condizioni di vita possibili).

In questi casi, evidentemente, è fondamentale il supporto intra ed extrafamiliare che una rete di relazioni potrà avere sulla capacità genitoriale di accompagnare il minore nel suo sviluppo a lungo termine, determinando una ridistribuzione di compiti, responsabilità e risorse.

Certamente, però, affinché l'esperienza dei genitori possa integrarsi con quella dei nonni è necessario il rispetto dei reciproci ruoli. I nonni devono limitarsi a fare i nonni, nel rispetto delle figure genitoriali così da non screditare l'immagine che il minore ha dei suoi principali punti di riferimento. Solo così è possibile vivere in armonia!

 

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione di fatto e separazione legale: quale differenza?

Solo la separazione legale - consensuale o giudiziale - ha efficacia giuridica e ciò la distingue dalla separazione di fatto

Continua

I vantaggi di una separazione e di un divorzio congiunto

Procedura più snella, spese contenute, mantenimento dei rapporti interfamiliari: ecco le ragioni per preferire un accordo di separazione e di divorzio

Continua

Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?

Tra gli elementi che influiscono sulla misura del mantenimento v'è l'assegnazione della casa familiare. Esempi pratici per comprendere meglio l'istituto

Continua

Convivenza e unione civile, differenze e tutele

Accanto alla famiglia tradizionale fondata sul matrimonio, si affermano sempre più le convivenze e le unioni civili. Il ruolo fondamentale del legale in questo ambito

Continua

Ai diritti dei bambini corrispondono i doveri dei genitori

Tutelare il superiore interesse del minore significa anche non esporlo ai conflitti tra genitori

Continua

Il fondo patrimoniale: cassaforte del patrimonio della famiglia

Il fondo patrimoniale, se usato propriamente, può assicurare risorse ai bisogni della famiglia

Continua

Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!

La legge sul dopo di noi, mediante la regolamentazione del trust, ha introdotto tutele a favore dei disabili

Continua

Il testamento: tutela dell’individuo e della sua volontà

Il testamento è l’atto che contiene le disposizioni di ultima volontà. Per questo va redatto come prescrive la legge

Continua

Infortuni sul lavoro e inosservanza delle misure di sicurezza

La mancata attuazione delle misure di sicurezza e il conseguente infortunio sul lavoro espongono il datore di lavoro inadempiente a una responsabilità civile e penale

Continua

Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro

Tra gli istituti a tutela del lavoratore, il Fondo di Garanzia Inps ha un ruolo decisivo in caso di fallimento del datore di lavoro

Continua

Licenziamento, conoscere l'istituto per una maggiore tutela

Il licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Quali tutele per il datore di lavoro e per il lavoratore

Continua

Il mobbing: caratteristiche, risvolti procedurali e risarcitori

Il mobbing, nelle sue varie accezioni (verticale/orizzontale, straining), implica un comportamento, reiterato, che incide sulla salute psichica del lavoratore

Continua

Il procedimento disciplinare per lavoratore e datore di lavoro

Il procedimento disciplinare: dalla contestazione all'(eventuale) irrogazione della sanzione

Continua

Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati

Le limitazioni imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covit-19 quali causa di risoluzione dei contratti per impossibilità sopravvenuta

Continua

Covid-19: tutela del diritto di visita di genitori separati/divorziati

Resta inalterato il diritto di visita dei figli, trattandosi di spostamento necessario rientrante tra le situazioni di necessità

Continua

Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione

Sospensione/riduzione dei canoni di locazione per immobili sia ad uso abitativo sia ad uso commerciale. Cenni agli studenti universitari, lavoratori emigrati e negozi.

Continua

Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?

Scuole e asili chiusi a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: linee guida se le scuole private chiedono il pagamento delle rette

Continua

Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus

Lo smart - working, oggi largamente imposto a tutela della salute pubblica, se usato in modo intelligente, può inaugurare un nuovo rapporto tra lavoratori e datori

Continua

No al licenziamento per il lavoratore assente che assiste il disabile

Con la chiusura dei centri residenziali per i provvedimenti restrittivi da Covid-19, molti lavoratori si trovano licenziati per aver assistito il familiare disabile

Continua

Apertura e gestione del conto o del libretto pupillare: serve il giudice tutelare?

Trattasi di operazioni rientranti negli atti di ordinaria amministrazione, ragion per cui è superflua l'autorizzazione del Giudice Tutelare

Continua

Minori in conflitto di interesse con i genitori. Il curatore speciale

Tra i casi in cui è opportuna la nomina del Curatore Speciale v'è la sussistenza di un conflitto di interessi tra figlio e genitori: ruolo e funzioni

Continua

Coronavirus: mantenimento dei figli nelle separazioni e nei divorzi

La crisi economica da Coronavirus ha inevitabilmente effetti nelle famiglie di genitori separati e divorziati con riguardo al quantum del mantenimento pro figli

Continua

Family Act in arrivo: ecco cosa prevede

Il Family Act prevede una serie di misure per il sostegno economico delle famiglie con figli a carico. Illustriamone il contenuto

Continua

L'amministrazione di sostegno: funzioni e ruolo

L'amministrazione di sostegno è quell'istituto flessibile che ha il nobile obiettivo di valorizzare l'autodeterminazione del singolo, affiancandolo nel quotidiano

Continua

Bigenitorialità e tutela del minore

Perché è importante per il minore mantenere il rapporto con entrambi i genitori anche in fase di separazione e divorzio. Il pernottamento presso il padre

Continua

Covid-19 e locazione commerciale: riconosciuta la riduzione del canone

Riconosciuta anche dal Giudice la opportunità di rinegoziare i canoni di locazione relativi a immobili non utilizzabili in ragione delle misure limitative per Covid-19

Continua