Richiedi una consulenza in studio gratuita!

I giovani e il bullismo


Bullismo e cyberbullismo tra gli adolescenti, i nuovi "nativi digitali"
I giovani e il bullismo
Nel nostro tempo, troppo "liquido" e sfuggevole, si accavallano notizie sempre più allarmanti riconducibili ad episodi di bullismo e cyberbullismo tra gli adolescenti.

All’ordine del giorno vi sono episodi di chi subisce prese in giro ed offese all’interno della scuola o viene colpito vigliaccamente su un gruppo di WhatsApp di cui spesso neppure è membro. Per non parlare delle navigazioni in reti non "sicure" che lasciano ferite profonde e portano i giovani ad isolarsi dal mondo reale.

Sì perché quando parliamo di ragazzi come "nativi digitali", per i quali pc e cellulare non hanno segreti, non ci rendiamo conto che restano pur sempre ragazzi e come tali esposti alle insidie e ai pericoli del mondo. E’ innegabile l’esistenza per gli adulti, siano essi genitori o insegnanti, di una responsabilità cd. culpa in vigilando laddove non esercitino, nei confronti di minorenni che siano capaci di intendere e di volere, una vigilanza adeguata e indirizzata a correggere comportamenti illeciti.

Il bullismo non ha una legge specifica che lo disciplini. Possiamo rimanere nel campo civile come addentrarci nel penale.

Il riferimento giuridico per l’illecito civile è l’art. 2043 c.c.: "Qualunque fatto doloso o colposo, che cagiona ad altri un danno ingiusto obbliga colui che ha commesso il fatto a risarcire il danno".

Chi subisce un atto di bullismo ha diritto di essere risarcito, in particolare il danno sarà:
- danno morale in riferimento alle sofferenze fisiche o morali subite;
- danno biologico per la salute e l’integrità fisica e psichica della persona come tutelati dalla Costituzione Italiana all’art. 32;
- danno esistenziale quale danno alla persona, alla qualità della vita ed alla vita di relazione.

Quanto al campo penale:
- il minore di 14 anni non è mai imputabile penalmente; se viene riconosciuto come "socialmente pericoloso" possono essere previste misure di sicurezza;
- il minore tra i 14 e i 18 anni di età è imputabile se viene dimostrata la sua capacità di intendere e volere.

Nel nostro ordinamento l’imputabilità va collegata poi ad una nuova figura introdotta: il reato di stalking. La condotta ad esso riconducibile si riferisce a tutti quegli atti di molestia reiterati che possono concretizzarsi non solamente in telefonate, invio di sms, email e messaggi tramite internet ma nella trasmissione, anche tramite mezzi elettronici tipo facebook, di filmati. Laddove venga coinvolto un minore, la sanzione sarà ancor più inasprita e fonte di responsabilità per l’imputato.

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto di famiglia
Avv. Tecla Trotta
VIA DEL CIGNO 2 INTERNO 3
17024 - Finale Ligure (SV), Liguria


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Rinnovo del bollo, pagamenti e sanzioni

Tantissime persone si dimenticano di pagare il rinnovo del bollo del proprio mezzo di trasporto entro la scadenza

Continua

Alberi tra vicini

I rapporti di buon vicinato rischiano di deteriorarsi a causa del "verde"

Continua

In spiaggia con Fido

Scegliere la spiaggia giusta per il nostro cane

Continua

Dopo l’inverno sulle strade “corrono” le bici

Una pedalata in sicurezza alla portata di tutti

Continua

Rilevanza del "contratto" nella vita quotidiana

All'autonomia delle parti è rimessa la scelta del tipo di contratto da utilizzare

Continua

Quando andare in vacanza diventa fonte di disagio

Codice del Turismo. Danno da vacanza rovinata. Responsabilità del tour operator e dell'agenzia

Continua

L'inquinamento acustico

Legge 477/85. Rumori. Normale tollerabilità. Risarcimento del danno

Continua

Liberi di credere. Liberi di testimoniare

La libertà religiosa è la base per la convivenza sociale; infatti permette di guardare l’altro con rispetto e con spirito di collaborazione

Continua

Il "Rosatellum" alla prova di marzo

Elezioni politiche 2018, come si vota

Continua

Cambio o aggiunta del cognome materno

Cade la regola dell'automatica attribuzione del cognome paterno al figlio in presenza di una diversa volontà dei genitori.

Continua

La Mediazione Familiare

La crisi della Famiglia e la soluzione offerta dalla Mediazione Familiare

Continua

Scioglimento di una SRL ex art. 2484, c.1 n. 3

Inattività e impossibilità di funzionamento dell`assemblea

Continua

Il '68 e l'influenza sul diritto

Cinquantennale del sessantotto. Riforma del diritto di famiglia. Patria potestà. Nuovi diritti

Continua

Verso le Elezioni Europee, tra Brexit e assenteismo al voto

Esiste una “identità europea" o esistono tante identità quanti gli Stati membri?

Continua