Richiedi una consulenza in studio gratuita!

I riti camerali della Cassazione


Il rito camerale senza la pubblica udienza e il confronto orale fra le parti è ormai la regola nel processo in Cassazione
I riti camerali della Cassazione

La riforma del 2016

Il D.l. 31 agosto 2016, n. 168, convertito con modifiche nella L. n. 197/2016 ha, come è noto, profondamente innovato le modalità del rito e dell’udienza della Cassazione con significative ricadute sulle modalità di difesa e di motivazione.
Il fondamento delle riforme è rappresentato dall’art. 1 bis della legge che, rubricato “Misure per la ragionevole durata del procedimento per la decisione del ricorso per cassazione”, ha modificato gli artt. 375, 376, 377, 379, 380 bis, 380 bis 1, 380 ter, 390, 391 e 391 bis.

La reazione della dottrina e degli avvocati è generalmente negativa e c’è chi ha parlato di “sconforto”, ma risultati positivi, come si ricava dai dati contenuti nelle recenti “Brevi Considerazioni sul Nuovo Rito Civile” del dott. Di Cerbo, ci sono stati per la maggioranza delle sezioni (seconda, terza e quarta), che hanno smaltito l’arretrato e chiuso con saldo positivo.

Però, la Cassazione, nel suo complesso, ha chiuso nel 2018 ancora una volta in negativo: 6.583 cause in più dell’anno precedente. Le “pecore nere” sono la sezione lavoro (4.404 ricorsi) e quella tributaria (1.114), quelle cioè che si occupano delle parti più dolenti e significative della realtà sociale e politica della nazione.

 

La Sezione Filtro

Il primo presidente della Corte, fin dalla riforma del 2009, rimette tutti i ricorsi all’esame della sesta sezione (la sezione-filtro) che, ex art. 376 c.p.c., preliminarmente vaglia quelli di sua esclusiva pertinenza (art. 375 nn. 1 e 5) e li decide con ordinanza, dichiarandone l’inammissibilità, la manifesta infondatezza o fondatezza.

Se non ricorrono queste ipotesi, li rimette alle sezioni semplici, mediante le sue corrispondenti sottosezioni, sollecitando la decisione per quelli di interesse nomofilattico.

La gestione del contenzioso è agevolato da tabelle, elaborate mediante rilevazione di flussi e pendenze su tutto il territorio nazionale ed elaborate con sistema informatico che consente di operare scelte, oltre che in base a criteri di rilievo sociale, anche in base nomofilattico.

A loro volta, le sezioni semplici si organizzano in ragione di tali dati. La sezione lavoro, ad esempio, che deve affrontare il numero più elevato di procedimenti, ha ripartito i suoi collegi in tre aree specialistiche (1. impiego pubblico privatizzato; 2. previdenza e assistenza; 3. rapporto di lavoro privato) e provvede ad uno spoglio preliminare dei ricorsi, affidato all’Ufficio spoglio sezionale, composto da tre consiglieri e sei magistrati del massimario, a sua volta inserito in un’altra struttura (SCO, Struttura di Coordinamento Organizzativo) di cui fanno parte anche gli stagisti avviati al periodo di formazione teorico-pratica presso la Corte, i tirocinanti e un consigliere di supporto al Presidente titolare.

L’attività di spoglio – scrive il dott. Di Cerbo – non è finalizzata unicamente a individuare le specifiche questioni da trattare, a indicare il numero dei motivi di ricorso (principale e/o incidentale) e a provvedere a eventuali accorpamenti, ma deve fornire anche una indicazione per il presidente o per il magistrato delegato alla formazione dei ruoli di udienza circa la natura del singolo ricorso al fine di indirizzarlo all’udienza pubblica (ove lo stesso meriti una pronuncia rilevante) o all’udienza camerale”. Tirocinanti e stagisti affiancano i consiglieri sia nelle udienze pubbliche che nelle adunanze camerali.
Si tratta, come si vede, di un’organizzazione veramente agile.

 

Lo snellimento dei processi

Peraltro, la valutazione della sezione filtro non è vincolante per la sezione semplice (Cass. civ., sez. I, 8 gennaio 2013, n. 219), che può a sua volta decidere per la sussistenza delle ipotesi ex nn, 1 e 5 ex art. 375, o disporre per la trattazione in pubblica udienza. Cioè la medesima causa viene esaminata per lo stesso motivo almeno due volte (per tacere degli esami che vengono effettuati ai fini dello spoglio), con evidente alleggerimento del lavoro dei magistrati.

Tutto è ormai, infatti, all’insegna dell’urgenza di snellimento dei processi: l’udienza pubblica con la presenza dei difensori e discussione orale è divenuta ormai l’eccezione ed è regola il rito camerale, esso stesso alleggerito di alcune incombenze. L’art. 377 c.p.c. ha ora un terzo comma: “Il primo presidente, il presidente della sezione semplice o il presidente della sezione di cui all’articolo 376, primo comma, quando occorre, ordina con decreto l’integrazione del contraddittorio o dispone che sia eseguita la notificazione dell’impugnazione a norma dell’articolo 332, ovvero che essa sia rinnovata”.

L’art. 375 c. 1. n.2, che prevedeva la pronuncia con ordinanza in camera di consiglio è stato abrogato.
Ulteriore snellimento si è avuto in tema di rinuncia: ex art. 390 modificato, può essere esercitata sino alla data dell’adunanza camerale, o finché non siano notificate le conclusioni scritte del pubblico ministero nei casi di cui all’articolo 380-ter ed ex art. 391 provvede il presidente con decreto, se non è stata ancora fissata la data della decisione. Solo dopo la fissazione dell’udienza “la Corte provvede con ordinanza in camera di consiglio, salvo che debba decidere altri ricorsi contro lo stesso provvedimento fissati per la pubblica udienza”.

Niente difensori, dunque, e niente p.m. nel nuovo rito regolato dagli artt. 380bis c.p.c., nel nuovo art. 380-bis.1, e nel nuovo art. 380ter c.p.c.. Alle parti si manda solo la comunicazione della fissazione del ricorso in Camera di Consiglio almeno 40 gg. prima, deposito delle conclusioni del p.m. 20 gg. prima e i difensori memorie (possibilmente non oltre 15 pagine) 10 gg. prima. E le repliche? Niente repliche.

La modifica dell’art. 380 bis1 non obbliga più il relatore ad esporre, sia pure concisamente, le ragioni per cui ritenga ricorrere le ipotesi di fondatezza, infondatezza, inammissibilità dei ricorsi, bensì solo di proporre al Presidente di sezione semplice la trattazione in Camera di Consiglio a questi fini. Questi decide se trattar la causa in pubblica udienza o con rito camerale indicando nel decreto se ricorra ipotesi di inammissibilità, di manifesta infondatezza o di manifesta fondatezza. Non sussiste, però, obbligo di comunicazione ai difensori, che, nel depositare le loro memorie scritte si trovano a ignorare l’orientamento del relatore e sono obbligati a ripetere le loro difese “alla cieca”, con argomentazioni non mirate.

Per giunta, un processo per il quale era stata prevista trattazione camerale, potrebbe invece, per diversa valutazione del collegio, esser portato in pubblica udienza (cfr. Cass., Sez. II, 6 marzo 2017, n. 5533; Cass., Sez. III, 1 agosto 2017, n. 19115; Cass., Sez. II, 20 dicembre 2017, n. 30596). Altre sentenze, però (cfr. Cass., Sez. I, 5 aprile 2017, n. 8869; Cass., Sez. V, 18 gennaio 2018, n. 1192), anche in caso di questione nuova ritengono di non tener pubblica udienza, essendo, a loro avviso, l’art. 380 bis.1 “congegnato in modo tale da assicurare a tutte le parti la possibilità di esporre compiutamente i propri assunti (Cass. 2017 n. 8869).


 
I poteri delle parti nel nuovo processo

In realtà, le parti non hanno più la possibilità di intervenire oralmente ex art. 379 c.p.c. per rappresentare questioni di diritto che possono esser sfuggite al Presidente di sezione.
E’ ben vero che il protocollo di intesa 15 dicembre 2016 tra Corte di Cassazione, il Consiglio Nazionale Forense e l’Avvocatura Generale dello Stato prevede dei correttivi alla lettera della legge. Perciò: a) in caso di inammissibilità o improcedibilità, dovrà indicarsi l’ipotesi ravvisata ed il dato normativo, o il precedente, o descriverla brevemente; b) in caso di manifesta fondatezza, si dovrà indicare il motivo che la giustifica, ed il precedente; c) nel caso opposto di manifesta infondatezza, i precedenti giudiziali, le ragioni per cui i singoli motivi, per effetto di sintetica e complessiva valutazione, debbano considerarsi infondati.

Se non si ravvisano i presupposti di inammissibilità ovvero manifesta fondatezza/infondatezza del ricorso, l’art. 380bis.1 c.p.c. prevede che, almeno quaranta giorni prima della data fissata per la trattazione del ricorso in camera di consiglio dinanzi alla sezione, siano avvisati gli avvocati delle parti e il pubblico ministero, con previsione per la formulazione di deduzioni e/o conclusioni in vista della camera di consiglio: venti giorni prima per il pubblico ministero e dieci giorni prima per le parti.

Manca, come dinanzi alla sezione filtro, ogni indicazione sull’orientamento della Corte.
Purtroppo tali correttivi, peraltro insufficienti, restano secondo la giurisprudenza (cfr. Cass., Sez. 6-3, 22 febbraio 2017, n. 4541; Cass., Sez. 6-2, 29 novembre 2017, n. 28615; Cass., Sez. 6-3, 16 marzo 2018, n. 6629) a discrezione del Presidente “assolutamente non dovuta né doverosa”, alimentando così fondati dubbi circa l’art. 380 bis c.p.c. di legittimità costituzionale.

 
Manifestamente infondati i dubbi di costituzionalità

Qualcuno, infatti, ha avanzato dubbi di costituzionalità giacché l’art. 101 cost. sembra prevedere l’udienza pubblica come norma, ma già la Corte con le ordinanza Cass. – sez. 6 10.1.2017 n. 395 e Cass., Sez. 6-5, 2 marzo 2017, n. 5371 ha ritenuto la questione manifestamente infondata: le osservazioni scritte tutelano a sufficienza le parti: non c’è bisogno di udienze pubbliche con annesse discussioni.

Significativamente ex art. 1 del d.l. 31 agosto 2016 il primo presidente della Corte di Cassazione, ex art. 1 del D.l. 31 agosto 2016, n. 168 può, “per ragioni di urgenza e di necessità, può applicare temporaneamente i magistrati addetti all'ufficio del massimario alle sezioni della Corte per lo svolgimento delle funzioni giurisdizionali di legittimità”.

Nel collegio non può sedere più di un magistrato del massimario e la sua presenza è, comunque, preziosa per documentare e ricordare agli altri giudici l’indirizzo della Cassazione.

Le nuove disposizioni, in virtù del secondo comma del citato art. 1 bis, si applicano ai ricorsi depositati dopo la data di entrata in vigore della legge di conversione (ovvero al 30 ottobre 2016), ma anche a quelli già depositati alla stessa data per i quali non è stata fissata udienza o adunanza in camera di consiglio.

Un problema particolare è rappresentato dai casi di ricorsi depositati prima dell’entrata in vigore della l. n. 197/2016 nei cui confronti la controparte non abbia presentato controricorso fidando nella replica orale in udienza pubblica.

Una parte della giurisprudenza ha ritenuto che, in caso di rito camerale, si debba concedere anche a questa controparte di depositare memorie ex art. 380 bis e 380 bis.1 c.p.c. (Cass., sez. lav., 27 febbraio 2017, n. 4906; Cass. 6-3, 24 marzo 2017, n.7701), ma Cass. 6-3, 20 ottobre 2017, n. 24835, la pensa diversamente: il convenuto che non ha presentato controricorso ha perso la facoltà di presentare memorie.

L’art. 380ter c.p.c. prevede, a proposito delle istanze di regolamento di giurisdizione ovvero di competenza (art. 375 c.p.c., n. 4 co. 1 ), che il p.m., su richiesta del presidente, formuli le sue conclusioni scritte che, assieme al decreto di fissazione della camera di consiglio siano notificate almeno venti giorni prima agli avvocati delle parti, che possono depositare, entro il termine di cinque giorni prima della data fissata. Alla camera di consiglio non parteciperà neppure il p.m..

Anche i giudici sono obbligati alla concisione dal decreto del Primo presidente 14 settembre 2016: “tecniche più snelle di redazione della motivazione”, niente esposizione dei fatti di causa (“quando … emergono dalle ragioni della decisione”) e dei motivi di ricorso (quando risultino dal “tenore della risposta della Corte”), nonché mediante l’utilizzo di “appositi moduli”.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il valore giudiziale del CAI o CID

Il contenuto del CAI vale solo tra i sottoscrittori. Il giudice lo apprezza liberamente, ma deve tenerne conto in mancanza di contrari indizi o prove.

Continua

Valenza probatoria del modello CAI o CID

Libera interpretazione da parte del giudice, ma divieto di ignorare il CAI nei confronti del confitente in mancanza di indizi e prove contrarie

Continua

La responsabilità dell'avvocato: il danno

L'inadempimento deve esser causa esclusiva dell'esito negativo della causa. La prova è a carico del cliente, l'avvocato deve provare la sua diligenza

Continua

La responsabilità dell'avvocato (parte II)

Diligenza oltre mandato, quantificazione danno ed esame ex officio del giudice

Continua

L'insegnante di scuola privata

Quando l'insegnante di scuola privata può esser considerato lavoratore autonomo e quando lavoratore subordinato?

Continua

Protesta e diffamazione di Pubblico Ufficiale

Fino a che punto è lecito nella protesta eccedere senza incorrere nel reato di diffamazione o calunnia di pubblico ufficiale?

Continua

Cessione ramo d'azienda e opposizione dipendenti

Se la cessione di ramo d'azienda è illegittima i lavoratori non reintegrati hanno diritto alla retribuzione? No

Continua

Domanda e potere del Giudice

Domanda relativa ad un titolo accolta in ragione di titolo diverso

Continua

Eccezioni di prescrizione e di interruzione

La prescrizione è un'eccezione in senso stretto e non può esser rilevata d'ufficio. Non così l'eccezione di interruzione della prescrizione

Continua

Riproposizione delle eccezioni in appello

Pronuncia del giudice di primo grado su eccezione in senso lato o stretto; appello incidentale o riproposizione? Mancata pronuncia del primo giudice

Continua

Il Modello C.A.I.

Oscillazione della giurisprudenza - confessione - assicuratore - proprietario che non l'ha sottoscritto - prova contraria - libero apprezzamento

Continua

Salute e idoneità alle mansioni di lavoro

Il Testo Unico su Sicurezza e Salute nel Lavoro. Doveri del Datore di Lavoro. Il Medico Competente. Inidoneità. Licenziamento o Repéchage

Continua

Concorso e lavoro privato

Concorso come offerta pubblica, concorso e requisiti psico-fisici, discriminazione tra uomini e donne, il problema della statura

Continua

Concorso interno e smarrimento della cartella sanitaria

L`onere della prova e il criterio della vicinanza alla prova

Continua

Intervento medico e danni causati dal paziente

Paziente lede la mano dell'infermiera durante un intervento odontoiatrico, sentenza cassata per carenza di prova della colpa

Continua

La Vicinanza della Prova

Criterio generale ex art. 2697 c.c. Prova esageratamente difficile per l'attore. Principio di vicinanza. Limiti

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 1)

Decreto legislativo n.109/2006; principio di salvaguardia del prestigio della magistratura; tipizzazione degli illeciti; la scarsa rilevanza del fatto

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 2)

Decreto legislativo n.109/2006: principio di salvaguardia del prestigio della magistratura, tipizzazione degli illeciti e la scarsa rilevanza del fatto

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 3)

Mancata lettura del dispositivo in causa di lavoro e mancata astensione di un pubblico ministero

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 4)

Rapporti personali col giudice, compensi eccessivi, provvedimenti abnormi e ritardo nel provvedere

Continua

Magistrati e provvedimenti disciplinari (parte 5)

Termini carcerazione, qualificazione fatti e rapporto di specialità tra fattispecie illeciti disciplinari

Continua

Anomalia e abnormità nel processo civile

Provvedimento anomalo e provvedimento abnorme. Provvedimento anomalo profili funzionali. Provvedimento abnorme e i rimedi secondo la Cassazione

Continua

L'accoglienza ai migranti: il caso della Can Ap

La nave tedesca Can Ap appartenente ad una Ong salva 37 migranti, ma viene poi sequestrata in Italia ed il comandante processato. Perché?

Continua

Sicurezza e soccorso in mare

Convenzioni internazionali sulla sicurezza, loro aggiornamenti, obblighi dei Comandanti; poteri dei governi nazionali per quanto riguarda l'ingresso

Continua

La Disputa Italia-Malta sulle zone SAR

La normativa sul soccorso in mare ha criteri non coordinati e la zona di competenza di Malta è troppo ampia

Continua

Part Time Full Time e TFH

Il TFH, full time dei turnisti quando prevede orari differenziati fa sorgere questioni diversamente risolte dalle Corti di Appello e dalla Cassazione

Continua

La Cassazione Giudice dei CCNL

Dal 2006 è possibile subito il ricorso in Cassazione anche per violazioni al CCNL

Continua

CCNL e comportamenti concludenti

CCL: forma libera scritta e/o fatti concludenti; diverso regime processuale delle due componenti

Continua

CCNL e Comportamenti Concludenti

Cass. SS.UU. 21691/2016 che rimette al merito i comportamenti concludenti non è esaustiva

Continua

Cassazione ed esame diretto dei CCNL

La sentenza Cass. 5533/2016 ha segnato una svolta nella giurisprudenza del diritto del lavoro

Continua

Cassazione e Violazione di Legge

Non è consentito l'esame diretto del ricorso per violazione di legge, previsto invece per i CCNL

Continua

Condebitori: alcuni limiti alla solidarietà

I condebitori sono obbligati in solido, ma non sempre e non sempre nello stesso modo e misura

Continua

Responsabilità solidale da fatto illecito

Trattasi di responsabilità relativa diversamente regolata in sede civile ed amministrativa

Continua

Nullità (o annullabilità) del licenziamento e prescrizione

Chiamati in causa molti anni dopo i fatti anche se tutto pare prescritto? Quando e perché

Continua

Le Azioni Revocatorie: tipologie e prescrizione

Esistono due tipi di revocatoria: quella ordinaria e quella fallimentare. Analogie e differenze

Continua

Le azioni revocatorie tra decadenza e prescrizione

Il contrasto giurisprudenziale generato dal doppio termine inserito nell'art.69 bis della l.f.

Continua

Atti illeciti del Capo dello Stato, procedibilità e improcedibilità

La pratica impossibilità di procedere per attentato alla Costituzione e per alto tradimento

Continua

La Messa in Stato d'Accusa del Presidente della Repubblica

Il Presidente della Repubblica può esser messo in stato d'accusa secondo le norme contenute in apposito regolamento parlamentare

Continua

Il Presidente ed il CsM, aspetti di un conflitto irrisolto

Il CsM è del tutto autonomo rispetto al Capo dello Stato, suo presidente? La vicenda Cossiga è un esempio che consente di capire la sostanza del problema

Continua

Il Comitato Parlamentare per Procedimenti d'Accusa al Capo dello Stato

L'esame delle accuse al Capo dello Stato è rimesso a un particolare Comitato che opera con metodo politico e paragiudiziario con indirizzi spesso conflittuali

Continua

Illeciti pubblici e privati del Presidente della Repubblica

Gli illeciti del Capo dello Stato, come di qualsiasi altro pubblico ufficiale, godono di immunità soltanto se collegati direttamente o indirettamente alla sua funzione

Continua

Conflitto di attribuzione: il Presidente e la Magistratura Ordinaria

L’art. 134 della Costituzione prevede che i conflitti di attribuzione dei poteri dello Stato siano risolti dalla Corte Costituzionale

Continua

Gli accordi con rinuncia a diritti futuri hanno valore?

Gli accordi con rinuncia a diritti che ora non si hanno, ma che avremo forse in futuro, sono validi? Due sono gli orientamenti

Continua

La durata del comporto nel lavoro part time

Il comporto nel lavoro part time è proporzionalmente inferiore a quello full time. Il calcolo effettivo della sua durata crea problemi

Continua