I suoceri invadenti sono la causa della crisi?


Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?
I suoceri invadenti sono la causa della crisi?
Un recente studio dell’AMI (Associazione Avvocati Matrimonialisti Italiani) afferma che il 30% delle separazioni sia dovuto all’ingerenza e all’invadenza dei suoceri.
Non si può dunque negare che un cospicuo numero di separazioni e divorzi in Italia siano causate da un rapporto difficile con le famiglie d’origine e che le discussioni all’interno della coppia spesso insorgono per conflitti su comportamenti da tenere e confini da stabilire con i familiari. Ma vediamo cosa dice la giurisprudenza a tal proposito. Due sentenze appaiono significative: la prima emessa dalla Suprema Corte di Cassazione, nr. 4540/2011 e la seconda della Corte d’Appello di Salerno del 2008.
Secondo la Suprema Corte di Cassazione non costituirebbe "abbandono del tetto coniugale" ma "giusta causa" la decisione del coniuge di lasciare la casa coniugale in costanza di matrimonio a causa di gravi ingerenze e provocazioni del suocero convivente. Sempre secondo la Suprema Corte di Cassazione è possibile ottenere l’addebitabilità della separazione giudiziale all’altro coniuge se si dimostra di essere stato vittima delle invadenze e delle ingerenze di uno o di entrambi i suoceri quando tale situazione sia stata anche semplicemente tollerata passivamente dall’altro coniuge. Sulla base di questi assunti si può dunque affermare che chi subisce le pressioni di un suocero può lasciare la casa coniugale senza che ciò comporti delle conseguenze e chi vi rimane può chiedere l’addebito della separazione nei confronti dell’altro.
La sentenza della Corte d’Appello di Salerno del 2008 riconobbe la validità di una sentenza ecclesiastica che aveva dichiarato nullo un matrimonio entrato in crisi per colpa di una suocera.
Durante i colloqui è facile ascoltare frasi del tipo: "Lei non vuole frequentare i miei genitori", "Lui se non vede e se non sente sua madre ogni giorno..", "Sua madre ogni mattina quando vede le persiane alzate si fionda per vedere il bambino", "Sua madre da al bambino solo patatine", "Sua madre si intromette nella nostra vita privata, nelle decisioni importanti, decisioni che dovremmo prendere noi due insieme, non ne posso più!" ecc... Frasi e situazioni che rivelano una infelicità, una gelosia e soprattutto una profonda solitudine. Una sofferenza che può essere presente già dalla fase del fidanzamento e che poi si protrae anche nel matrimonio. Genitori da un lato, che possono essere in buona fede e che rappresentano dei punti di riferimento per il supporto affettivo e materiale della coppia e coniugi dall’altro, in balia dei due affetti, angosciati dalle interferenze che non sanno gestire. Una situazione scomoda per la coppia ma che potrebbe essere sistemata individuando la vera fonte del problema: nella mancata coesione dei coniugi nell’individuare quelle che sono le linee guida di come far funzionare la coppia e la famiglia; nell’incapacità di attivare autonomamente le naturali attitudini di mediazione a causa del livello di dell’escalation cui il conflitto è giunto e nella mancanza di una maturità tale che consenta di far rispettare dei "paletti" alle rispettive famiglie d’origine. Una pratica, quella della mediazione, che sembra risultare difficile da svolgere alle coppie e che potrebbe essere realizzata con l’aiuto di un Mediatore familiare.
Dott.ssa Maria Antonietta Canestrino, Mediatore Familiare e sociale, Codroipo (Ud).

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole

Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

Il Mediatore familiare, una figura specializzata

Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione

Continua

Il senso della Mediazione Familiare

La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

La mediazione dei conflitti di coppia

Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua