Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il bisogno e la paura dell’altro


Alcune riflessioni sull’uso e abuso dei social network
Il bisogno e la paura dell’altro
Tutti abbiamo bisogno di una relazione, di una persona accanto. La vita nella sua quotidianità se affrontata da soli fa più paura, eppure in questo momento storico siamo sempre più soli o invischiati in relazioni precarie e superficiali.
Come mai?
I ritmi alienanti della vita moderna (giornate intere spese tra spostamenti e lavoro, soprattutto nelle grandi città), i valori fondati sull’individualismo (bastare a se stessi), sulla riuscita personale, le nostre paure ci portano a dimenticare l’altro e a chiuderci in noi stessi, pur se ne abbiamo bisogno, un bisogno che ci accompagna "dalla culla alla tomba", diceva Bowlby, il teorico dell’attaccamento.
L’uomo è un animale sociale, definisce la sua identità nelle relazioni. Inizia nella relazione familiare, prosegue in altre relazioni significative (amicizie, partner), che gli consentono di esprimersi, arricchirsi, di dare e ricevere affetto, protezione e cura.
Se è vero che in alcuni momenti riusciamo e vogliamo stare soli, non siamo strutturati per la solitudine, eppure osserviamo maggiori difficoltà, paure nel contatto con l’altro, a stare in una relazione intima e profonda.
In questo scenario arrivano i social network che cavalcano questa ambivalenza tra bisogno e paura dell’altro.

I social network ci permettono di entrare in conoscere tante persone, di avere tante relazioni. Conoscere attraverso la rete ci protegge dal confronto. Cosi possiamo soddisfare questo nostro primitivo e fondamentale bisogno, ma a che prezzo?
Il loro dilagare ci porta ad una riflessione: e se il loro successo non fosse solo dovuto ad una questione di comodità, ma anche ad una sorta di paura? La paura che potremmo provare nel confronto con l’altro, nell’impegno di una relazione.
Essere in relazione significa impegnarsi in quel legame, significa accettare le diversità dell’altro e provare ad integrarle nella propria esperienza, significa guardare anche se stessi, accettare e scoprire parti di se stessi e metterne a tacere altre, significa ridefinirsi, senza perdere però la propria unicità. Forse è proprio questo che temiamo?

I social facilitano il contatto, mettendo a tacere le nostre paure è vero ma ci espongono ad una molteplicità di relazioni superficiali e precarie. Addirittura esiste un sito che consente di scrivere alla persona che si frequenta, con cui si ha un legame, che la relazione è finita, liberandoci cosi dalla difficoltà e dall’imbarazzo, ma contribuendo anche ad aumentare il disimpegno nella relazione

L’intenzione non è quella di denigrare i social network, non sono sbagliati o dannosi. Pericoloso è invece pensare che siano l’unico modo per entrare in contatto con gli altri o per vincere le proprie paure.

Se diventiamo amici di tutti con un click, se limitiamo i nostri contatti a chi "ci piace", solo a chi è in sintonia con noi, avremmo si tanti amici social, ci sentiremo meno soli ma avremmo meno opportunità per confrontarci con i nostri limiti e le nostre paure. Impoveriamo la nostra naturale empatia, la capacità che ci permette di accettare le differenze, di accogliere l’altro senza giudicare.

Se svuotiamo un legame di tutti questi fattori, cosa diventa? Se una persona si può sostituire con un’altra con facilità questa perde il suo valore unico. Non solo, l’altro diventa sempre più distante ed estraneo e come tale mette sempre più paura.
In una società che ci chiede di correre sarebbe più utile fermarsi un attimo e ascoltare le nostre paure, riconoscere i nostri limiti. Temiamo l’altro? Perché? Temiamo la solitudine? Temo di essere ferito? Non mi sento all’altezza?

In alcune situazioni questi interrogativi rimandano a forte disagio e sofferenza personale, per cui è necessario magari un percorso di aiuto, ma la maggior parte di noi potrebbe provare.
Proviamo ad alzare gli occhi dal nostro smart-phone, proviamo a riscoprire lo sguardo, il saluto il mondo dell’altro.
Conoscere, scoprire l’altro è anche scoprire nuovi aspetti di sé stessi.


Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La crisi di coppia: significato ed evoluzione

La costituzione della coppia. La crisi di coppia: definizione ed effetti. La crisi come possibilità di cambiamento

Continua

Aiuto!!! Il colloquio con gli insegnanti

Ansie e preoccupazioni sul colloquio con gli insegnanti. Il colloquio come giudizio. Il colloquio come scambio

Continua

Gli adulti dove sono?

Il branco e i fenomeni di devianza giovanile. Disagio giovanile come problema sociale. Ruolo della famiglia, della Scuola e delle Istituzioni

Continua

La relazione che cura

Principi generali della psicoterapia ad orientamento sistemico-relazionale

Continua

La violenza sulle donne è "cosa nostra"

La violenza di genere come problema sociale

Continua

Difendersi dalle emozioni

Brevi cenni sull'esperienza emotiva e sulla dissociazione alla base di molti disturbi psichici

Continua

Il tempo della “Non-Esistenza”

La tensione nell’attesa di una risposta ad un messaggio. Alcune riflessioni dall’articolo di O. Burkeman

Continua

Ma è la persona giusta?

Il ruolo delle aspettative nella scelta e nella dinamica di relazione

Continua

Lei, Lui e...i suoi figli

Gestire i rapporti con i figli dei propri compagni. Dinamiche di relazione e definizione dei giusti confini

Continua

La paura che fa la differenza

Breve analisi sui fattori psicologici dietro la rabbia e la paura verso i migranti

Continua

Il rientro a scuola come rito di passaggio

Le emozioni attivate dall'ingresso nei diversi cicli scolastici. I disagi legati al cambiamento

Continua

Il senso di inadeguatezza

Origine e significati del senso di inadeguatezza nelle relazioni familiari. Aspetti clinici.

Continua

Il significato del dono nella relazione

Il dono inteso come atto basato sulla reciprocità della relazione. Differenza fra dono e regalo

Continua

Le emozioni possono essere contagiose

Le emozioni si trasmettono e possono insinuarsi nel nostro stato emotivo. E' importante riconoscerle

Continua

Lo Psicologo in corsia, una risorsa preziosa

Lo Psicologo in ospedale è una risorsa preziosa, come professionista è in grado di sostenere pazienti e familiari quando vengono “colpiti” da una diagnosi di malattia

Continua

Gestire la timidezza?... Si può!

La timidezza e l'insicurezza personale. Come scoprire i punti forza per avere un'altra immagine di sè nel confronto con gli altri

Continua

La Resilienza: la risorsa "nascosta"

Attribuire un nuovo senso alla propria vita in seguito a un evento drammatico. Attivazione di nuove risorse e possibilità

Continua

IL TRIANGOLO NO! Il bambino nella lotta fra i genitori

La triangolazione del bambino nella separazione, quando il figlio viene considerato come alleato o nemico

Continua

L'esame di maturità:...è solo un esame!

Esame di maturità come rito di passaggio. Ansie, aspettative e significati

Continua

La mia vita non cambierà mai!

Le aspettative che bloccano il cambiamento. Ansia e paura come segnali di stati emotivi più complessi

Continua

"Io sono le mie relazioni". Stile di attaccamento e personalità

E' nella relazione che si manifestano i nostri tratti di personalità, che nei casi sintomatici danno corpo ai disturbi di personalità

Continua

Il rientro dalle vacanze non è solo il ritorno alla routine

La funzione protettiva della routine. Riscoprire se stessi attivando processi di cambiamento

Continua