Il concetto di centro abitato


Una sentenza sposta i confini del centro abitato, sono le tracce sul territorio a definire il centro abitato secondo una sentenza.
Il concetto di centro abitato
Dal punto di vista urbanistico un territori, viene diviso in zone territoriali più o meno concentriche partendo dall'interno e spostandosi verso l'esterno, andando a definire via via qulle aree, suddivise in zone A, B ed E. A corrisponde a centro abitato storico, B centro abitato confinante in espansione, E zona agricola. Più semplicemente, nei piccoli centri, laddove non esisgte un centro storico, viene evidenziato un centro abitato e poi la zona agricola, corrispondente alla zona E che il più delle volte si trova direttamente a confine con il centro abitato.

Mi sono trovata a dover risolvere una situazione difficile per un fabbricato, che è stato oggetto di permesso in sanatoria per degli interventi di ampliamento che potevano essere realizzati, se regolarmente autorizzati, ma che non erano stati autorizzati.
Altri tempi, altra storia, attività edilizia lonta dieci anni.
L'immobile doveva essere venduto e doveva essere regolarizzato. Per cento metri non rientrava nel centro abitato così come definito dal Piano regolatore Comunale.

Una sentenza, ha salvato la situazione. La sentenza recita così: "Si definisce centro abitato anche se fuori dei confini delimitati dal Piano regolatore, anche laddove è possibile evidenziare tracce di urbanizzazione primaria e secondaria o opere tali che possano fare pensare a strutture appartenenti a centri abitati, esempio: illuminazione stradale, condomini, centri sportivi ecc."

L'immobile in questione si trovava in effetti a centro metri dal centro abitato così come evidenziato dal Piano regolatore, ma aveva un palo della luce davanti a casa, un condominio 20 metri sotto ed inoltre 50 metri più in giù esisteva un bel centro con piscina e campi da tennis, che tutto faceva pensare meno che a un centro rurale.
Questo ha reso possibile la soluzione di una caso edilizio legato ad un vincolo provinciale e legto ad una problematica che non sarebbe stata altrimenti risolvibile.
Geom. Maria Antonella Bonfiglio

Articolo del:


di Geom. Bonfiglio Maria Antonella

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse