Il contratto di mutuo


Natura del contratto, costo per il mutuatario e diverse tipologie di piani di ammortamento
Il contratto di mutuo
La definizione del contratto di mutuo è data dal Codice Civile il quale lo definisce (art. 1813) come "il contratto con il quale una parte consegna all'altra una determinata quantità di denaro o di altre cose fungibili e l'altra si obbliga a restituirne altrettante della stessa specie e qualità".
Si tratta di un prestito a medio-lungo termine che viene rimborsato mediante una serie di versamenti periodici, chiamate rate, e che hanno la funzione di pagare gli interessi ed il capitale prestato dalla banca.
Le rate, pertanto, sono composte da una quota capitale e da una quota interessi.
Nella prassi operativa sono due le forme maggiormente adottate per il rimborso del capitale e degli interessi e, dunque, per la composizione delle rate: 1) rimborso a rate costanti (c.d. "ammortamento alla francesce") 2) rimborso a rate decrescenti (c.d. "ammortamento all'italiana").
Nel primo dei suddetti tipi (ammortamento a rate costanti o francesce) la rata è composta da una quota capitale che aumenta nel corso della durata del prestito e da una rata interessi decrescente. Nel secondo tipo (ammortamento a rate decrescenti o italiano), la rata è composta, invece, da una quota di capitale che rimane costante nel tempo, e da una quota di interessi decrescente.
Il tasso di interesse, in sede di stipulazione del contratto, può essere determinato secondo le seguenti modalità:
a) tasso fisso; il tasso resta fisso per l'intersa durata del mutuo. In questo modo il mutuatario ha la certezza della misura del tasso, indipendentemente dalle variazioni del mercato finanziario.
b) tasso variabile; il tasso segue le dinamiche del mercato, in funzione della dinamica registrata da un determinato parametro di riferimento.
c) tasso variabile con cap; si tratta di un tasso variabile a cui, però, viene apposto un tetto massimo (chiamato "cap") non superabile anche se i tassi del mercato assunto come parametro di riferimento dovessero superarlo.
d) tasso misto; si tratta di un particolare meccanismo che viene adottato in tutti quei casi in cui il mutuatario volesse riservarsi la facoltà di modificare, durante il piano di ammortamento (e dunque durante il rimborso delle rate), il tasso di riferimento. Per cui il mutuo viene stipulato in un determinato momento ed il mutuatario si riserva la facoltà di mutarie il tasso di riferimento nel corso del rapporto, esercitando una o più volte questa opzione di scelta.
Le Istruzioni della Banca d'Italia prevedono che nei contratti di mutuo venga obbligatoriamente riportato l'Indicatore Sintetico di Costo (c.d. ISC) che deve tenere conto di tutte le spese che il mutatario sopporta a fronte del capitale concesso in prestito dalla banca. Questo indicatore dovrà contenere l'indicazione delle spese di istruttoria, di eventuali spese assicurative connesse alla stipulazione del mutuo (una o due assicurazioni avvengono, nella prassi, quasi sempre in conseguenza della stipulazione di un contratto di mutuo: si pensi all'assicurazione contro l'ncendio e lo scoppio dell'immobile concesso a garanzia in favore della banca; o all'assicurazione per morte o malattia del mutuatario); e dell'incidenza del tasso di interesse scelto sul costo complessivo dell'operazione.
La mancata chiara indicazione dell'Indicatore Sintetico di Costo costituisce una violazione dell'art. 117, 4° comma Testo Unico Bancario (che prevede che i contratti bancari indichino obbligatoriamente il tasso di interesse ed ogni altro prezzo e condizione praticati) e dà diritto al mutuatario, in conformità a quanto previsto dallo stesso art. 117 testo Unico Bancario (7° comma) di sostituire il tasso di interesse convenzionale del mutuo (ossia il tasso determinato nel contratto) con il tasso minimo del BOT nel 12 mesi antecedenti alla stipulazione del contratto di mutuo. Ciò costituisce, com'è ovvio, una sanzione per la banca che ha violato l'obbligo di trasparenza non chiarendo tutte le componenti di costo che devono essere specificate nell'Indicatore Sintetico di Costo.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Trappole nei contratti bancari

Attenzione alla lettura di tutte le clausole contrattuali, prima della firma di un qualunque contratto bancario, in modo da evitare di pagare di più

Continua

Sistemi di informazione creditizia

I problemi di contemperamento tra i Sistemi di Informazione Creditizia e la tutela della privacy...

Continua

Banche e tutela della privacy

Nei rapporti tra bance e cliente è sempre meno tutelata la privacy del cliente a vantaggio della conoscibilità della capacità di pagare

Continua

Sistemi di informazione creditizia

Sempre più spesso si pongono problemi di contemperamento tra i Sistemi di informazione creditizia e la legge sulla privacy

Continua

Mancata indicazione nel contratto del vero T.A.E.G

Spesso le Banche non indicano nei contratti con cui concedono credito alla Clientela il vero costo che il Cliente si assume per il credito concesso.

Continua

Mancata indicazione nel contratto del vero T.A.E.G

Spesso le Banche non indicano nei contratti con cui concedono credito alla Clientela il vero costo che il Cliente si assume per il credito concesso.

Continua

La Legge n. 108 del 7 marzo 1996: USURA

Per la determinazione del tasso di interesse usurario si tiene conto delle commissioni, remunerazioni a qualsiasi titolo e delle spese (C.M.S.)

Continua

SPESE DELLA POLIZZA ASSICURATIVA

Al fine di determinare l'usurarietà del tasso, si tiene conto anche delle spese collegate alla polizza assicurativa

Continua

D.Lgs.20 giugno 2005, n. 122: tutela acquirenti.

Disposizioni per la tutela dei diritti patrimoniali degli acquirenti di immobili da costruire. In particolare, obbligo di fideiussione del costruttore

Continua

ELEMENTI DI VOLONTARIA GIURISDIZIONE

Per volontaria giurisdizione si intende l’attività del giudice diretta non a risolvere controversie, bensì a gestire un negozio o un affare privato.

Continua

LA MULTIPROPRIETA’

Caratteristica essenziale della MULTIPROPRIETA' è data dal fatto che il concreto esercizio del diritto è periodico, e pertanto il godimento è turnario

Continua

La cambiale, il protesto e la cancellazione

E’ essenziale ottenere la cancellazione dal registro informatico dei protesti (Bollettino dei protesti)

Continua

Errori macroscopici nelle segnalazioni ai S.I.C.

Talvolta Le Finanziarie commettono degli errori inescusabili nelle segnalazioni nei Sistemi d'Informazione Creditizia

Continua

Contratti di mutuo: opzione "floor" a favore della banca

Sovente la Banca fa sottoscrivere contratti di mutuo in cui si assicura una componente fissa nel caso di ribasso dei tassi di interesse: tasso floor

Continua

Interessi di mora e usura

Anche gli interessi di mora - contrariamente a quanto asseriscono le difese delle banche - per la Cassazione sono rilevanti ai fini della soglia di usura

Continua

Come deve essere determinato il Tasso Soglia di usura

Il Tasso Soglia deve essere determinato esclusivamente dal GIUDICE, non dalla Banca d'Italia

Continua

Nullità dei contratti bancari “USI PIAZZA”

1° gennaio 1994: entrata in vigore del Testo Unico Bancario. <br /> Nullità dei precedenti contratti facenti rinvio ai c.d."usi piazza"

Continua

Il contratto definitivo prevale sul preliminare

Prevalenza del definitivo del preliminare; non è ammesso provare per testimoni gli accordi contenuti nel preliminare e non ripetuti nel definitivo

Continua

Sistemi di informazione creditizia

I problemi di contemperamento tra i Sistemi di Informazione Creditizia e la tutela della privacy...

Continua

Ipotesi di nullità del contratto di mutuo

Sono nulli i mutui stipulati per ripianare precedenti esposizioni debitorie del mutuatario con lo stesso istituto di credito concedente il mutuo

Continua

Nullità dei contratti bancari e forma scritta

Una recente sentenza del Tribunale di Ferrara conferma l'orientamento dei Tribunali in tema di nullità dei contratti bancari per difetto di forma

Continua

Il RATING: cos`è

Il RATING è un giudizio di sintesi sulla capacità di un'impresa di rimborsare i propri debiti

Continua

Istruttoria di fido

Il complesso di ricerche, analisi, valutazioni: in una parola lo studio volto a conoscere la capacità di rimborso dei richiedenti un prestito

Continua

Mutuo: sospensione del pagamento delle rate

La Legge di Stabilità 2014 consente la sospensione del pagamento delle rate per 18 mensilità. <br /> Altre novità introdotte dal D.L. Bersani del 2007

Continua

Il Leasing: natura del contratto e funzione

Il contratto di leasing, la sua funzione e le tipologie previste dall'ordinamento. Il problema del supero del tasso soglia usura negli interessi

Continua

Regola del c.d. "saldo zero"

Se la banca assume che il saldo del conto corrente è negativo, deve conservare gli estratti conto dall'inizio del rapporto

Continua

Trasparenza bancaria e concorrenza

Obbligo per le banche di trasparenza e conseguente pubblicizzazione chiara delle condizioni contrattuali, prima della stipula dei contratti

Continua

Revoca ingiustificata dei fidi

La Banca non può spiazzare il cliente richiedendo il rientro immediato del fido concesso; una tale condotta determina danno risarcibile

Continua

Ipotesi di nullità di alcuni tipi di mutui

E' nullo il contratto di mutuo stipulato per ripianare passività preesistenti verso la stessa banca

Continua

Decreti ministeriali stabilenti i tassi soglia

Non necessità di produzione in giudizio dei decreti del Ministero dell'Economia stabilenti i Tassi Soglia Usura

Continua

Costi della polizza assicurativa e finanziamento

I costi della polizza assicurativa legati ad un contratto di finanziamento devono essere specificati in modo chiaro e preciso

Continua

Interessi convenzionali e interessi di mora

Una recente sentenza del Tribunale di Pesaro individua in modo preciso le funzioni delle due categorie di interessi

Continua