Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il debito mondiale. Un debito "Monstre"


Siamo sommersi da un mare di debiti: 233 mila miliardi di dollari
Il debito mondiale. Un debito "Monstre"
Recentemente e’ stato pubblicato il rapporto dell’IIF (Institute of International Finance) i cui dati evidenziano due aspetti tra loro contrastanti:
· l’economia cresce e quindi il rapporto debito/PIL del III° trimestre 2017 si è lievemente ridotto rispetto ai trimestri precedenti. Nel 2017 infatti il rapporto debito/Pil è diminuito passando dal 321% al 318%.
· il debito globale cresce.

Ad oggi, secondo l’IIF, il mondo ha un debito di 233 trilioni di dollari (un trilione corrisponde a mille miliardi).
Giusto per avere un termine di paragone, basti pensare che il solo debito degli Stati Uniti vale 20 trilioni di dollari!
Il dato dell’IIF considera tutte le voci di debito, ovvero quello delle famiglie, dei governi, delle società finanziarie e delle società non finanziarie.
Il debito globale rispetto al 2016 è aumentato dell’8% (16,5 trilioni). Se consideriamo i 7,6 miliardi di abitanti del Pianeta, possiamo dire che ognuno di noi ha sulle spalle un debito di 30.000,00 $
Una cosa è certa: l’ultima crisi finanziaria del 2007 è un lontano ricordo, ma il prezzo pagato è stato salato. Negli ultimi 20 anni il debito è cresciuto più velocemente che in passato, tanto che si può affermare che il 70% del totale si è formato di recente.

Il rapporto dell’IIF mette in luce realtà tra loro abbastanza diverse. Per esempio Hong Kong registra un grosso aumento del debito corporate (+ 30%), come anche in Francia (+10%). Le famiglie cinesi invece hanno fatto ricorso al debito molto più che in passato.
In Italia il totale debito famiglie e imprese si è leggermente ridotto (350% del PIL) che risulta decisamente più basso di quello francese che registra un 400%. Una spiegazione potrebbe essere rappresentata dal Credit Crunch che ha caratterizzato il nostro sistema finanziario degli ultimi anni.
Cosa ha provocato questa esplosione del debito? Certamente un duraturo e persistente periodo di espansione monetaria che ha immesso nel sistema oltre 15 mila miliardi di $ e contenuto il costo del denaro ai minimi storici.

Dalla parte opposta però si registra un aumento diffuso del PIL che, essendo un valore al denominatore, migliora il rapporto.
Stiamo vivendo in una fase economica che viene denominata Goldilocks Economy, ossia un’economia che non è così calda da provocare inflazione, e non è così fredda da provocare una recessione.
Questa situazione rende poco efficiente il sistema economico in quanto i debitori non si preoccupano nel breve del rimborso del loro debito. Cosa ci si aspetta per il futuro? Il Presidente Trump ha adottato una politica fiscale mirata a far rientrare negli Usa capitali stranieri attraverso una riduzione della pressione fiscale. Se accadrà quanto auspicato dal presidente americano, il grande afflusso di capitali provocherà una serie di strette monetarie da parte della FED con inevitabile aumento dei tassi. In tal caso il debito rischia di aumentare ulteriormente rendendo il sistema molto fragile.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Tasse di successione

Un'incognita per il futuro. Come affrontarla?

Continua

PIR - Piani Individuali di Risparmio

Un nuovo modo di investire nell'economia reale. Ora si può

Continua

Previdenza integrativa

Il miglior prodotto finanziario che esista

Continua

La pianificazione patrimoniale

La strada che ogni imprenditore deve seguire se ha a cuore la sua azienda

Continua

Banche e fintech

Una sfida destinata a lasciare molte vittime sul campo

Continua

Il contante? Questo sconosciuto, almeno in Cina

Analisi di un fenomeno che cambierà le abitudini di tutti, nessuno escluso

Continua

PSD2: rischio o opportunità per le banche?

Dall'Home-Banking all'Open-Banking

Continua

Più consulenti, meno impiegati bancari

La trasformazione in atto nel sistema distributivo bancario italiano

Continua

Il Bitcoin e il suo valore: la Blockchain

Il futuro del mercato dietro il Bitcoin

Continua

TFR in azienda: conviene?

Perchè accantonare nel fondo pensione anzichè in azienda

Continua

Conto corrente quanto mi costi?

Siamo sicuri che venga premiata la fedeltà del cliente?

Continua

Il nuovo EURIBOR

Quale impatto per i mutui a tasso variabile?

Continua

I contributi silenti

Quando l'INPS prende e non restituisce

Continua

Tutta colpa del VIX?

La miccia che ha fatto esplodere le turbolenze sui mercati

Continua

La forza dei Piani Individuali di Risparmio

La forza dei PIR e la debolezza del mercato delle PMI

Continua

L'esigenza previdenziale

La mutata gestione della ricchezza e le riforme pensionistiche

Continua

Millenials e risparmio

I Millenials: che rapporto hanno con i soldi?

Continua

Trump e la deregolamentazione bancaria

l'Economia americana e il cambio delle regole del gioco

Continua

Pil Mondiale

Il ruolo fondamentale del consulente nell'analisi del portafoglio dei clienti

Continua

Gli sportelli bancari: quale futuro?

La filiale bancaria non sparirà, anzi....

Continua

Scattano maggiori controlli sull'uso del contante

Verranno segnalate all'UIF le operazioni in contante superiori a € 3000

Continua

Spread Btp Bund

Lo spread e il comportamento dei risparmiatori

Continua

Contanti e segnalazioni all'UIF

Attività di contrasto all'uso del contante

Continua

Risparmio ed educazione finanziaria

Italia paese ricchissimo, ma finanziariamente poco informato

Continua

Risparmiatori italiani e consulenza finanziaria

Il difficile rapporto degli Italiani con la consulenza finanziaria

Continua

Gli Italiani: risparmiatori o investitori?

Gli Italiani creano valore o fanno solo sacrifici?

Continua

R.I.T.A. - Rendita Integrativa Temporanea Anticipata

Vuoi anticipare la rendita della tua pensione integrativa? Ora è possibile farlo

Continua

I risparmiatori e il mercato

Il risparmio e una consapevole pianificazione finanziaria

Continua