Il diritto al mantenimento dei figli maggiorenni


Disposizioni in favore dei figli maggiorenni: diritti e limiti
Il diritto al mantenimento dei figli maggiorenni
L’art. 337 septies c.c., introdotto dal d. lgs 154/2013, dispone il pagamento di un assegno periodico anche ai figli maggiorenni non indipendenti economicamente.
Ove i figli maggiorenni fossero afflitti da handicap grave, la tutela è maggiore difatti si applicano le disposizioni previste a favore dei figli minori. In tal caso l’obbligo di mantenimento "persiste in capo ai genitori ancorchè il figlio fosse impiegato in una regolare attività lavorativa, ma non in grado di sostenere gli oneri connessi al proprio stato di salute" (Cass. 1146/2007).

Pertanto il dovere di mantenere, istruire ed educare i figli, previsto costituzionalmente, non viene meno con il compimento della maggiore età.
Peraltro l’obbligo di mantenimento a carico dei genitori permane anche in caso di costituzione di un nucleo familiare del figlio maggiorenne salvo il caso in cui si tratti di "una nuova entità familiare autonoma e finanziariamente indipendente" (Cass. 23590/2010).

Difatti i genitori devono "perseguire un progetto educativo ed un percorso di formazione" che si realizza solo allorquando il figlio percepisca un reddito corrispondente ed adeguato alla professionalità acquisita, al livello culturale, alle attitudini ed aspirazioni. Si badi che l’indipendenza economica deve essere incolpevole in quanto il figlio deve impegnarsi nella ricerca di un lavoro appropriato, non rifiutando eventuali proposte lavorative interessanti e comunque tali da consentirgli una realizzazione professionalmente gratificante.
In ogni caso "in linea con le statistiche ufficiali nazionali ed europee l’obbligo di mantenimento non può protrarsi oltre la soglia dei 34 anni" (Ordinanza del 29.03.2016 del Trib. Di Milano) età a partire dalla quale si presume ormai realizzato quel progetto educativo e formativo rientrante nella responsabilità genitoriale.

Ad ogni modo, indipendentemente dall’età, nell’ambito del concetto di solidarietà di cui agli articoli 2 e 30 della Costituzione, resta fermo l’obbligo ex art. 433 c.c. (con riferimento ai soli alimenti) in capo ai genitori nei confronti del figlio adulto che provi di versare in stato di bisogno e di non essere in grado di provvedere al proprio mantenimento.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La causa di servizio nell'ambiente militare

La causa di servizio nell`eccezione più ampia della malattia professionale e dell'infortunio. Il nesso eziologico e la compartecipazione nell'evento

Continua

Il mobbing nelle forze armate e corpi militarizzati

Nell'ambito militare si realizza solo qualora l'imposizione e l'ordine derivino da un'insensata, non legittima e illecita pretesa

Continua

La legge 104/92 applicata ai militari

Applicazione e limiti della legge 104/92 in ambito militare

Continua

Il diritto del lavoratore ai permessi retribuiti

Al lavoratore è riconosciuto il diritto ad usufruire, in presenza di determinati requisiti, di un permesso retribuito di due anni

Continua

L'ultimo baluardo del licenziamento illegittimo

Con il Jobs Act per le medio/grandi imprese nel caso di licenziamento per giustificato motivo oggettivo e soggettivo è prevista la sola tutela risarcitoria

Continua

Riconoscimenti per missioni estere

Le pronunce delle Corti di merito. La pronuncia della Corte Costituzionale e i capovolgimenti del primo grado

Continua

I disagi delle donne medico

Caso pratico, le donne medico e le discriminazioni sul posto di lavoro

Continua

I concorsi pubblici e l'allattamento

Il diritto di allattare durante l'espletamento di un concorso

Continua