Il dolce rischio della longevità


Come garantirsi una vecchiaia dignitosa anche in caso di non autosufficienza?
Il dolce rischio della longevità
Viviamo sempre più a lungo. Adesso a 65 anni l’aspettativa di vita arriva ad altri 20,7 anni per il totale dei residenti in Italia. Vuol dire che l’attesa di vita si è allungata di cinque mesi rispetto a quelle registrate nel 2013.
Ma vivere più a lungo può diventare un problema, tra malanni e autosufficienza limitata o, peggio ancora, di non autosufficienza.

Le statistiche parlano chiaro: gli anziani, in Italia, sono tra i più longevi rispetto alla media europea ma anche quelli con condizioni di salute peggiori.

Oltre un anziano su dieci non è autonomo. Dai dati ISTAT risulta che tra gli over 75, in particolare per le donne, è addirittura un anziano su cinque ad aver bisogno di un sostegno.

È il così detto «dolce rischio della longevità» che potrebbe trovarci impreparati con spese via via crescenti per badanti, per la casa di riposo e per altre necessità.

Sul mercato assicurativo, arrivano prodotti nuovi che combinano le esigenze di risparmio, anche per periodi lunghi della durata di 40 anni, con la tutela in caso di non autosufficienza.

La polizza Long Term Care è la soluzione che, al verificarsi della non autosufficienza, assicura una rendita vitalizia che consente di affrontare la vita nella maniera più dignitosa.
Per informazioni, vieni a trovarci in agenzia o chiama lo 0542 012535, ti forniremo la soluzione più appropriata alle tue esigenze.

Articolo del:


di Massimo Landi

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse