Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il giusto confine


Qual è il giusto confine tra resilienza e compiacenza?
Il giusto confine
Resilienza: "In psicologia, la capacità di un individuo di affrontare e superare un evento traumatico o un periodo di difficoltà."

Compiacenza: "Rispetto ostentato delle convenzioni sociali o dell'altrui volontà"; "Desiderio di compiacere ad altri; condiscendenza"

Due concetti molto distanti.

Da un lato la splendida capacità di essere resiliente, accettando in modo attivo le sfortunate ed inevitabili circostanze della vita e di mettere in atto risorse per il superamento di tali circostanze; dall’altro la compiacenza, che spesso porta a scelte che rispondono alla logica del "quieto vivere" e all’accettazione passiva di circostanze che non abbiamo la forza di affrontare.

Nel caso in cui queste circostanze avverse o difficili fossero rappresentate non da eventi tramautici, ma ad esempio da relazioni che non funzionano (personali o lavorative), ho un dubbio:

La troppa resilienza potrebbe scivolare nella compiacenza? La capacità di assorbire costantemente "l’urto della vita" rischia di generare una forma di compiacenza rispetto ad alcune situazioni relazionali? C’è il rischio che la mia resilienza lasci uno spazio all’altro che instauri alla lunga squilibri e prevaricazioni di cui alla lunga non sarò più consapevole?

Quelle volte in cui diciamo "Va tutto bene" in momenti in cui non va affatto bene, è perchè stiamo reagendo in modo positivo e sappiamo dento di noi che in qualche modo risolveremo la questione, oppure stiamo facendo finta di nulla sperando che le cose si risolvano da sole e non facciamo emergere il problema "per quieto vivere"?

Ogni punto di vista, studio, riflessione od esperienza personale sull’argomento saranno molto gradite...

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Patti chiari, amicizia lunga

Come orientarsi nel decidere di intraprendere un percorso di coaching? Cosa può essere importante sapere prima di iniziare ?

Continua

Mentori si diventa, non si nasce

E’ sufficiente essere detentore di know-how ed esperienza per potersi considerare un mentore? Forse no...

Continua

Considerazioni di un coach

Mentre ho l’onore e il piacere quotidiano di accompagnare le persone verso i loro traguardi, sto imparando tante cose…

Continua

Basta con i buoni propositi!

Il 31 dicembre di ogni anno abbiamo l’abitudine di fare un bilancio dell’anno passato e il 1 gennaio cominciamo con i propositi per il nuovo anno...

Continua

Come glielo dico?

Spesso offrire feedback, soprattutto se negativi, alle persone che lavorano con noi, non è sempre così semplice

Continua

Forse non tutti sanno che ...

La Legge 4 del 2013 e la successiva norma UNI n.11601 rappresentano passi importanti a tutela dei clienti di coaching

Continua

Un grazie al giorno… leva il medico di torno!

Molte delle nostre frustrazioni ed insoddisfazioni derivano dal mancato riconoscimento di qualcosa

Continua

Non pre-giudicatemi!

Salireste su un taxi con occhi con grandi ciglia al posto dei fari , coccodrilli e volpi vestiti, galli che galoppano strane creature di fantasia ?

Continua