Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il manager del futuro dovrà eccellere in più discipline, come Leonardo


Il mercato richiede competenze multidisciplinari o specialistiche? E’ la domanda che ci poniamo ogni giorno.
Il manager del futuro dovrà eccellere in più discipline, come Leonardo

 

Giulio Xhaët, imprenditore, formatore e divulgatore analizza e racconta uno studio svolto da Wagas Amhmed su quale siano le competenze necessario per essere un ottimo leader.

Chi è Wagas Ahmed?

Wagas Ahmed ha origini musulmane, ma è nato e cresciuto a Londra. 

È il direttore artistico e curatore della Collezione Khalili, una delle più rinomate al mondo. 

Corrispondente giornalistico, ha collaborato con l’Unesco, il Commonwealth e il Vaticano. Ha vissuto in diverse nazioni dell’Europa, dell’Africa, del Medio Oriente e dell’Asia del sud.

Il suo primo libro, Polymath, è il compendio di cinque anni intrecciati tra assiduo lavoro, studio e viaggi. Come altri ricercatori, Ahmed è convinto che i migliori innovatori e i manager «a prova di futuro» abbiano una mentalità votata alla polimatia.

Cosa è la Polimatia?

Polymath proviene dal greco polymathes (“che ha imparato molto”) a sua volta derivante dalla fusione di polys (“tanto”) e (manthanein, “imparare”). Il polymath è colui che eccelle in più discipline e le sa unire per produrre cambiamenti in più campi.

Il più famoso e celebrato polymath di tutti tempi è stato Leonardo Da Vinci:

un vero e proprio archetipo.

Basti pensare che per «assemblare un Leonardo», oggi avremmo bisogno di 13 differenti specialisti!

Secondo Ahmed ogni essere umano ha il potenziale per diventare polymath. 

«Cresciamo con l’idea che dedicarsi in modo esclusivo a un aspetto frammentato della vita sia l’unico modo per perseguire l’identità, una carriera, o persino un sostentamento. Chi ci costringe? Genitori, istituzioni educative, datori di lavoro, governi e la società stessa, che si è evoluta per perpetuare l'iper specializzazione nelle aree della vita».

Un tempo l’interdisciplinarietà era la norma, non l’eccezione.

Gli specialisti che decidevano di studiare e praticare un'unica disciplina per tutta la vita erano una minoranza. 

Le origini filosofiche della specializzazione sono relativamente recenti: Cartesio racconta come la vastità della conoscenza ingestibile nel suo insieme, introdusse una tendenza verso la specializzazione intellettuale.

Le sue idee vennero raccolte con entusiasmo dagli illuministi. In particolare, l’Encyclopedie di Denis Diderot e Jean Baptiste D’Alembert, uscita tra il 1751 e il 1756, mostrò come fosse possibile suddividere il sapere in settori separati tra loro, definendo perimetri tra le discipline.

In parallelo, la prima rivoluzione industriale creò la necessità di professionisti specialisti in grado di produrre e far funzionare le prime macchine per il lavoro, come la macchina a vapore, l’invenzione dell’elettricità e dei prodotti chimici nella seconda rivoluzione industriale.

MA OGGI HA ANCORA SENSO ESSERE IPER-SPECIALIZZATI?

Nell’era dei big data digitali e degli algoritmi, che cercano di codificare qualsiasi informazione (comprese discipline, culture e le persone stesse) in scatole comprensibili dall’intelligenza artificiale. 

Eppure, come dichiara Anders Sandberg, ricercatore al Future of Humanity Institute di Oxford: 

«Le istituzioni educative devono smettere di formare le persone come ingranaggi di una macchina dell’era industriale, anche perché le macchine saranno molto più economiche. Dovrebbero formare le persone per affrontare lavori più complessi e poco definiti (…) I lavori che possono essere definiti con precisione sono minacciati dalle macchine. I lavori attualmente sicuri sono quelli difficili da definire».

La contaminazione di saperi, discipline e culture è una risorsa tangibile anche per la società odierna.

Nel mondo odierno si tende a polarizzare opinioni e spesso porta alla crescita dell’odio, in particolare sui social media: una discussione tra due polymath ha molte più probabilità di risultare fruttuosa rispetto che tra due iper-specialisti. 

Se privi di ecletticità finiamo col castrare l’apertura mentale, con l’unico interesse a difendere la propria posizione, mai a metterla in gioco. Per questo, abbiamo così tanto bisogno di riscoprire le nostre origini interdisciplinari. La contaminazione non è più una possibilità, è un’urgenza.

E tu cosa ne pensi?

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Vivere il lavoro come un allenamento della felicità

Il lavoro può darci la felicità? Si, nella misura in cui possiamo agire sui segnali di "fatica" che generano un danno nelle relazioni con noi stessi e con gli altri

Continua

Il Coach è molto di più di un motivatore

La parola “coach” è sempre più abusata, è importante fare chiarezza su cosa è il coaching professionale

Continua

E' l'umore a determinare l'efficacia delle persone sul posto di lavoro

Sempre più imprese negli Stati Uniti e in Europa decidono di puntare sulla felicità e sul benessere dei propri dipendenti

Continua

Le buone relazioni umane rendono le persone felici sul lavoro

Non è unicamente il salario a rendere i dipendenti felici, il segreto è instaurare relazioni umane soddisfacenti

Continua

Hai un capo "insopportabile"? Ecco 8 consigli per gestirlo

La ragione numero uno per cui si cambia lavoro è avere sopra di sé un capo insopportabile, con cui non si riesce assolutamente a interagire

Continua

Ecco i 5 modi per avere successo

La maggior parte di noi ha delle convinzioni radicate che possono essere un serio ostacolo alla realizzazione dei progetti di cambiamento

Continua

Felicità e lavoro possono con-vivere?

Rendere felice il nostro lavoro e quello degli altri è un processo che richiede fatica: questa è la percezione comune che abbiamo

Continua

Dire grazie è da giusti, non da deboli

Grazie è il primo mattone per iniziare a costruire relazioni sane, anche sul posto di lavoro

Continua

La felicità al lavoro esiste!

Non è un'utopia: il benessere al lavoro è una realtà sempre più consolidata, anche in Italia

Continua

La gentilezza si prende la rivincita: “Aiuta a stare bene”

La presidente del World Kindness Movement: «Anche le aziende ci chiedono corsi per i dipendenti»

Continua

Per essere felici sul lavoro serve il coraggio di “ESSERE”

La felicità è una attitudine che si può allenare, iniziando dal riconoscere il modo con cui stiamo in relazione con noi stessi

Continua

La vita non è lavorare in settimana e il sabato andare a fare spesa

"Cercate il bello nella vita. C’è molta bellezza intorno a noi” è il consiglio del paleoantropologo Juan Luis Arsuaga

Continua

A cosa serve un coach in azienda e quale valore aggiunto può portare

Una ricerca condotta dall'American Management Association (AMA) ci rivela quali sono gli obiettivi dei programmi di coaching nel mondo corporate

Continua

La felicità è per tutti, se ci diamo una seconda possibilità

Ognuno di noi ha la possibilità di reinventarsi. Se a un certo punto ci rendiamo conto di non essere felici, dobbiamo fare di tutto per darci una seconda possibilità

Continua

È giusto sacrificare la propria vita per il lavoro?

E' giusto fare del lavoro una parte importante della nostra vita, quando poi è la stessa natura umana a poter cancellare tutto in un attimo?

Continua

La necessità di cambiare la cultura del lavoro

Il sovraccarico di lavoro comporta conseguenze negative. Solo in Italia 5 milioni di lavoratori manifestano sintomi da stress

Continua

La felicità oggi richiede più saggezza e meno leadership

Siamo più intelligenti e anche più stressati. Qualcosa non sta funzionando

Continua

L'equazione della felicità creata da un ex manager Google 

Cosa fare quando tutto crolla? Mo Gawdat, ex manager Google, dopo la morte del figlio ha lasciato tutto per aiutare gli altri e se stesso a ritrovare la gioia

Continua

La chiave per avere clienti felici? Dipendenti felici

E se facessimo parte di un'azienda che mette sullo stesso piano clienti felici e dipendenti felici?

Continua

Semplicità volontaria: lavorare bene per vivere meglio?

"Lavorare per vivere e non vivere per lavorare" sembra un motto banale, ma al giorno d'oggi tanto viene sacrificato per la carriera, agire in modo differente si può

Continua

Le persone non lasciano il lavoro, ma abbandonano i loro capi

Per coinvolgere i dipendenti occorre una leadership compassionevole

Continua

I leader vanno scelti per come sanno ascoltare

Comunicare non significa parlare ma ascoltare, va riscoperto il valore dell’ascolto come base della capacità di comunicare

Continua

Il coraggio di “cambiare” da Risorse Umane a Relazioni Umane

Il relazionarsi si sta facendo sempre più a misura di "software" e sempre meno a misura d'uomo

Continua

L’azienda può essere una famiglia?

Quando l'ottica da "Mulino Bianco" entra nell’organizzazione

Continua

I buoni leader sono leader buoni

Emozioni quali l’empatia e la gentilezza sono spesso congedate come non quantificabili a livello d’impatto su un’organizzazione. Ma non è così!

Continua

Signori si nasce!

Una delle principali fonti di soddisfazione nei luoghi di lavoro è legata al modo in cui siamo trattati dagli altri, siano essi capi o colleghi

Continua

Abbiate cura dei vostri pensieri

Non torneremo alla normalità perché era la normalità il vero problema

Continua

Essere Smart nella Leadership a distanza

Dal coffee break alla buonasera digitale. Come porre al centro dell'organizzazione lavorativa la partecipazione delle persone

Continua

Il Re è nudo, lunga vita al Re

Il potere del leader ha bisogno di ascoltare la follia che lo circonda

Continua

Le capacità di un leader in un momento di crisi

Sono i momenti di avversità il vero banco di prova per un leader

Continua

L'umiltà rende il leader empatico e in relazione profonda con il suo team

Un “grazie” e uno “scusa” sinceri e umili detti da un leader (manager o capo che sia) generano più spirito di gruppo di cento corsi di team building

Continua

Perchè l’umiltà è la chiave del successo per la tua azienda?

Oggi più che mai la leadership è un tema di relazione, non di controllo

Continua

I 10 Motivi per cui la tua organizzazione ha bisogno di un coach

Durante la mia quotidiana ora di formazione giornaliera mi sono imbattuto in un bellissimo articolo di ICF, la più grande associazione professionale di coach al mondo

Continua

Il senso di far sentire utili le persone

E’ ora di raccontare un’altra storia. Così il lavoro ci dà benessere ancora prima di un reddito

Continua

Crescere e rendere felici i dipendenti? Più facile se c’è innovazione

L’importanza dei piccoli e grandi cambiamenti all’interno delle aziende di piccole, medie e grandi dimensioni

Continua

Incertezza: come deve affrontarla un leader di successo

Le varie sfaccettature dell’incertezza che deve affrontare un leader all’interno della sua organizzazione

Continua

La gentilezza? Fa bene al mondo (e alle imprese)

La gentilezza non è un lusso da sfoderare nelle grandi occasioni. È piuttosto un’attitudine innata

Continua