Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il marketing per il rilancio? Facciamolo “in rete”


Anche le micro e piccole imprese necessitano, soprattutto in questo momento, di una strategia di marketing che in "rete" diventa possibile e sostenibile
Il marketing per il rilancio? Facciamolo “in rete”

Cercando in rete il significato della parola marketing viene definita come “un insieme di tecniche intese a porre merci e servizi a disposizione dei consumatori e degli utenti in un dato mercato, nel tempo, luogo e modo più adatti ai costi più bassi per il consumatore e, nello stesso tempo, remunerativi per l'impresa”.

Se accostiamo questa definizione di marketing all’aggettivo “sportivo” ci viene in mente un altro termine molto diffuso che è sponsorizzazione. Anche in questo caso, cercando sulla rete, la classica definizione del termine sponsorizzazione “consiste nell'associare il nome di un'impresa o di un prodotto, definito sponsor, ad un particolare evento che può essere sportivo, culturale, di interesse sociale o di altro genere nell'intento di ottenere un ritorno positivo in termini di notorietà ed immagine beneficiando delle potenzialità comunicazionali dell'evento stesso”.

La parola sponsorizzazione ci riporta alle partite di calcio, con gli stadi ornati di tabelloni che riportano il logo di marchi più o meno famosi o alle gare di Formula 1 con le monoposte che sfoggiano colorazioni che rimandano ad un’azienda o ad un prodotto. In realtà, queste forme di sponsorizzazione consentono di accrescere la notorietà e la visibilità di un marchio di aziende già in qualche modo note e che magari desiderano introdurre un prodotto o un servizio nuovo o che si affacciano per la prima volta adottando una strategia aggressiva che fa leva principalmente sulla diffusione televisiva.

Ma allora il marketing, e quello sportivo in particolare, è destinato solo alle grosse aziende capaci di investire ingenti somme di denaro che, fra l’altro, consente loro di ridurre fiscalmente (legalmente) gli utili? No di certo, poiché anche le micro e piccole imprese devono “porre merci e servizi a disposizione dei consumatori e degli utenti in un dato mercato, nel tempo, luogo e modo più adatti ai costi più bassi per il consumatore e, nello stesso tempo, remunerativi per l'impresa”.

Ma oggi, un'attività di marketing che consenta di raggiungere risultati significativi, è possibile a condizione che ci siano almeno due caratteristiche: l’uso professionale dello strumento più democratico al mondo che si chiama Internet e una strategia di rete che possa coinvolgere più aziende le quali, ognuno con il proprio obiettivo da raggiungere, potranno limitare sensibilmente i costi di investimento poiché viene suddiviso fra più soggetti.

Un network di imprese, anche con obiettivi geografici diversi, può impiegare proficuamente la visibilità del proprio marchio o del proprio prodotto. Oggi realizzare una diretta in streaming per lanciare una campagna promozionale ed intercettare un pubblico preciso (età, sesso, luogo di residenza, modalità di accesso alla rete, ecc.) richiede professionisti capaci di ottimizzare anche le limitate risorse economiche che possono dei piccoli imprenditori.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Il motorsport per coinvolgere nuovi clienti

Il motorsport, grazie all'ampia visibilità mediatica, assieme ad un uso professionale dei social media, può garantire un contatto diretto con potenziali clienti

Continua