Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il Metaverso, quale prospettiva?


Il Metaverso rientra all’interno di quel gruppo di argomenti per cui le posizioni “grigie” non vengono contemplate: o si è bianchi o si è neri
Il Metaverso, quale prospettiva?

Nel campo in cui svolgo la mia professione, ad esempio, uno di questi argomenti è la comunicazione online contro quella offline.

Si passa da coloro che credono che sia solo una perdita di tempo (quando va bene) o un gioco per chi ha liquidi da spendere (la maggior parte) a chi crede che sia un futuro molto vicino a noi.

Come sempre la verità sta nel mezzo.

Facciamo un esempio: un altro degli argomenti divisivi che oggi tengono banco è la mobilità elettrica. Si passa da chi “l’auto elettrica è il futuro, dobbiamo finirla di vendere auto a motore endotermico già da oggi, è la soluzione a tutti i mali ambientali, …” a chi trova le motivazioni più disparate per sostenere che è tutta una falsità fino ad arrivare a sostenere che inquinano più delle auto a benzina o gasolio.

Io ho un’auto 100% elettrica, a chi mi chiede come mi trovo rispondo sempre che ho trovato tutti i difetti che mi aspettavo potesse avere. “Quindi hai sbagliato acquisto?” – “No, la prossima volta acquisterò ancora un’auto elettrica o una che abbia un minore impatto ambientale se esisterà.” Sono bipolare?

No, credo solo che lo sviluppo tecnologico debba passare da una fase di sviluppo che può progredire solo se si vede l’obiettivo da raggiungere e se c’è una richiesta o una sensibilità all’argomento che provenga dal basso. Se quando sono state messe su strada le prime auto, avesse vinto il partito dei “sono più lente dei cavalli, puzzano più dei cavalli e fanno rumore più dei cavalli” oggi probabilmente andremo a cavallo.

Ci sono argomenti delicati che vanno affrontati: il reperimento del litio, in primis, ma anche lo smaltimento delle batterie una volta terminato il ciclo di vita dell’auto (per quanto le case già stiano approntando le soluzioni), il costo ancora eccessivo per l’acquisto, la reperibilità di punti di ricarica che in futuro non potranno prescindere dalla valutazione della situazione urbanistica delle nostre città (molti non hanno garage e quindi mancherebbe un punto di ricarica notturno) e chissà quanti altri che non mi vengono in mente.

Ma questi possono essere motivi validi per non proseguire nello sviluppo? Certamente no.

Per il Metaverso è lo stesso. Non è l’oggi, per quanto i più visionari vedano nel Metaverso la soluzione a tutti i mali, è ancora in una fase di sviluppo, è in partenza. È anche vero che sarà un progetto che probabilmente non vedrà mai fine (vedi cosa è diventato Google da quando è stato presentato la prima volta ad oggi), ma come potrà essere utilizzato ancora non può essere previsto. Soprattutto, come nel caso delle auto elettriche, i costi sono ancora eccessivi.

Non posso sentire senza alterarmi la campagna pubblicitaria in onda sulle emittenti radiofoniche in cui si prevede che i ragazzi in futuro a scuola potranno vivere di persona la storia. Sembra che il futuro possa essere domani. Ma tutti conosciamo la situazione delle nostre scuole oggi, in cui spesso i ragazzi devono portarsi carta igienica da casa.

Davvero si può pensare che domani metteranno i Meta Quest (ex Oculus: altra costosa tecnologia di proprietà di Meta) e vivranno un’esperienza di realtà virtuale? Certo che no. O almeno è necessario prima di tutto una revisione della struttura scolastica italiana che prevedo possa essere realizzata in tempi molto più lunghi dello sviluppo del Metaverso (sempre che ci sia politicamente l’interesse a farlo).

Per questo è una tecnologia da lasciare? Anche in questo caso la risposta è no. Sarebbe però opportuno evitare proclami di futuri scenari molto simili al vecchio cartone animato “I Pronipoti” (macchine volanti, domestici meccanici e così via) presentandoli come un obiettivo quasi raggiunto, lasciandoli ai proprietari che devono vendere, ben sapendo che ora come ora (lo ripeto, OGGI) somigliano molto ai venditori di bevande miracolose che viaggiavano nei villaggi del Far West.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Come distinguersi dalla concorrenza? Così lo faccio per voi

Utilizzo il marketing laterale per i miei clienti, per creare un strategia che sia solo loro e che li distingua dai loro concorrenti. Leggi cosa faccio

Continua

Bene o male l’importante è che se ne parli?

Diversi anni fa Oliviero Toscani con le campagne per Benetton ha diviso il pubblico e questa divisione è diventata essa stessa comunicazione. Oggi sarebbe ancora utile?

Continua

Quante volte avete sentito parlare di green washing?

È un termine utilizzato per le aziende che vogliono “darsi una rinfrescata” dando un'immagine ambientalistica senza poi in realtà fare qualcosa di concreto

Continua

Comunicazione aziendale: impariamo dai cartoni animati

I cartoni animati piacciono perché sono personaggi in grado di far divertire e perché ci identifichiamo. Impariamo da loro per una comunicazione vera

Continua

La LEGO come esempio di strategia vincente

Se mi chiedete quale marchio rappresenta meglio il mio concetto di comunicazione, il primo che mi viene in mente è la Lego

Continua

Effetto boomerang

Una delle cose di cui spesso non si tiene conto nella comunicazione è l’effetto boomerang, sia che questo sia favorevole all’azienda sia che sia contrario.

Continua

House organ

Un mezzo di comunicazione che viene utilizzato da tempo dalle aziende che volevano trovare un modo diverso e di forte impatto per raggiungere i clienti.

Continua

Motori di ricerca: sono veramente la soluzione a tutto?

La visibilità di un’azienda si forma, si modifica, migliora o peggiora a seconda di una serie di variabili che spesso non vengono tenute in considerazione

Continua

Packaging, come contribuisce alla comunicazione aziendale

È uno degli elementi più studiati della comunicazione aziendale. Nella sua accezione più ampia il packaging si può dividere in tre gruppi

Continua

Lo slogan, la sua importanza nella comunicazione aziendale

Ogni operazione che viene fatta in comunicazione deve essere pensata e deve avere un legame con l’azienda stessa

Continua

Il viral marketing, come può aiutare la tua azienda

Scoprite la vostra personalità aziendale e muovetevi di conseguenza

Continua

Analisi dei dati: come farla correttamente

Ci sono figure professionali preposte a questo, da parte mia cercherò di dare delle indicazioni generali, di massima, per farvi entrare una pulce nell’orecchio

Continua

Consulenza aziendale: come creare una community

Qual è la migliore comunicazione che possiate fare e che vi comporta un investimento minore? Quando sono gli altri a parlare di voi

Continua

Le partnership, un'altra visione di business

Non saprete mai quale contatto vi possa portare clienti, può essere una nuova persona conosciuta per caso...

Continua

Consulenti di marketing, come sceglierli?

Ecco qualche consiglio per riconoscere la competenza di un consulente di marketing

Continua

Greenwashing, quando l'attenzione all’ambiente è solo fuffa

Quante volte mi è capitato di sentire aziende (non necessariamente clienti) che si dichiaravano attente all’ambiente, comunicandolo anche in maniera importante

Continua

Perché investire in pubblicità?

“Le cose mi vanno bene, non ha senso investire adesso in comunicazione. Quando il mercato si stabilizzerà ci penserò”.

Continua

Greenwashing: BASTA!

Comincio ad essere stanco della falsa pubblicità…

Continua

Campagne marketing che non funzionano

Ecco perché spesso ci rendiamo conto che le campagne marketing non funzionano

Continua