Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il ponte fra scienza e utopia


Stretto di Messina...e forse inutilità di un progetto
Il ponte fra scienza e utopia
Durante le legislature dei governi che si sono succeduti nell’ultimo ventennio, tutti hanno sentito parlare del Ponte sullo Stretto di Messina, ma pochi sono a conoscenza delle caratteristiche e delle dimensioni di un'opera così ciclopica.

La storia di un collegamento stabile tra la Sicilia ed il Continente è relativamente recente: i primi studi specifici e articolati risalgono al 1969, con un Concorso di Idee indetto dall'ANAS.
La tipologia aerea, che offre sicurezza, minore costo, ridotto tempo di esecuzione nonché facile ed economica manutenzione, viene indicata come ottimale con il conforto di una autorevole commissione internazionale.

Il ponte sospeso a campata unica con luce di 3.300 m ha caratteristiche eccezionali di resistenza e di servizio: è in grado di resistere senza danni ad un sisma corrispondente al grado 7,1 della scala Richter (più severo del devastante terremoto che colpì Messina nel 1908) e di affrontare, grazie alle proprie caratteristiche aerodinamiche, venti con velocità superiore a 216 Km/h. La sua piattaforma stradale a tre corsie per ogni senso di marcia può smaltire un traffico di 9.000 automezzi per ora, cioè oltre 140.000 nelle 24 ore. La ferrovia a doppio binario può consentire il transito di 200 treni al giorno. Sono inoltre a disposizione, oltre alle corsie di emergenza per le autostrade, due strade di servizio per la ferrovia e due per la manutenzione e la sicurezza. In totale, 12 corsie autostradali e 2 linee ferroviarie, su un impalcato largo 60 m con una superficie orizzontale di circa 22 ettari. Le tecnologie costruttive previste utilizzano tecniche e materiali consolidati e lungamente sperimentati in questo settore dell'ingegneria.

DATI:
SEZIONI DI SERVIZIO
2 corsie indipendenti per veicoli di servizio e pedoni. Altezza dell'impalcato s.l.m.: 64,35 - 70 m Portata massima teorica di traffico: 4.500 veicoli/h per senso di marcia; oltre 200 treni/giorno
IMPALCATO
Lunghezza dell'impalcato sospeso: 3.360 m. Larghezza totale: 60 m. Peso strutturale per metro: 15 t. Peso totale per metro: 23,4 t. Peso totale della carpenteria: 70.500 t (acciaio Fe 510 D ed S420). Stabilità aeroelastica: fino ad oltre 270 Km/h. Spostamento massimo laterale di livello 1: 9,9 m (per vento laterale di 220 Km/h). Escursione dei giunti di dilatazione: +/- 3,4 m
TORRI
Altezza totale: 370 m (+376 m s.l.m.). Peso totale della carpenteria (acciaio S 420): 54.100 t ciascuna. Tipo di fondazioni (Sicilia): due plinti circolari di diametro 55 m, con trasverso. Tipo di fondazioni (Calabria): due plinti circolari di diametro 48 m, con trasverso. Volume delle fondazioni (Sicilia): 86.400 mc di cui 11.200 mc fuori terra. Volume delle fondazioni (Calabria): 72.400 mc di cui 11.200 mc fuori terra Sezione: due gambe in acciaio a sez. ottagonale inscritte in un rettangolo da ml. 16 x 12.
SISTEMA DI SOSPENSIONE
Lunghezza totale tra gli ancoraggi: 5.300 m. Numero e dimensioni dei cavi: 2 coppie con diametro 1,24 m. Formazione di un cavo (in campata): 88 funi composte da 504 fili del diametro 5,38 mm. Totale fili elementari per cavo (in campata): 44.352 fili Tipo di acciaio: armonico zincato (1.770 MPa). Quantità totale di acciaio in fili: 166.600 t. Tiro permanente in ciascuna coppia di cavi: 139.000 t (agli ancoraggi). Volume dell'ancoraggio in Sicilia 328.000 mc di cui 94.000 mc fuori terra. Volume dell'ancoraggio in Calabria 237.000 mc di cui 4.000 mc fuori terra.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Prima giornata nazionale di prevenzione sismica

30 settembre 2018: la prevenzione sismica in 500 piazze italiane

Continua