Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro


Tra gli istituti a tutela del lavoratore, il Fondo di Garanzia Inps ha un ruolo decisivo in caso di fallimento del datore di lavoro
Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro

 

Come è noto, nel rapporto di lavoro, il lavoratore è la parte debole e, proprio per tale ragione, la Legge lo tutela nei confronti del datore di lavoro, anche per quel che riguarda il recupero delle proprie retribuzioni, laddove vi sia l’inadempimento del datore di lavoro.

Per prima cosa, al fine di ottenere il pagamento delle proprie competenze lavorative, il lavoratore dovrà dimostrare i presupposti del proprio credito, ossia il rapporto di lavoro e la prestazione effettuata. La legge permette al lavoratore di supplire alla mancanza di documentazione scritta con la prova testimoniale, che avvalori l’esistenza del rapporto e la effettiva prestazione non compensata dal datore di lavoro. Anche la quantificazione del credito è spesso impossibile per il lavoratore, quando il datore di lavoro non consegna regolarmente le relative buste paga. È opportuno, pertanto, rivolgersi ad un professionista per ottenere il conteggio delle proprie competenze, al fine di procedere per il recupero di quanto gli è dovuto.

Usualmente, si tenta di raggiungere un accordo tra le parti in via stragiudiziale, nonostante l’entrata in vigore della Legge n. 183 del 2010 abbia modificato l’art. 410 c.p.c. e, ad oggi, non sussista più l’obbligo di promuovere un tentativo di conciliazione innanzi alla Commissione di Conciliazione territorialmente competente. In caso di mancata conciliazione in via bonaria, l’Ordinamento Giuridico prevede un procedimento giudiziario innanzi al Giudice del Lavoro avente un iter semplificato rispetto al procedimento ordinario, al fine concreto di favorire il lavoratore, sia per i ridotti tempi tecnici di giudizio sia per le minori spese di lite.

Il mancato pagamento da parte del datore di lavoro è tra le giuste cause per le dimissioni del lavoratore. Il termine di prescrizione per richiedere gli arretrati del proprio stipendio (comprese 13ma e 14ma), nonché del TFR, è di cinque anni, ex art. 2948 c.c. (il primo ai sensi del n. 4, poiché credito che deve pagarsi periodicamente, il secondo ai sensi del n. 5). Il termine non decorrerà, però, in costanza del rapporto di lavoro ma solamente una volta venuto meno. Ciò in ragione della particolare situazione del lavoratore, che, ovviamente, non agirà nei confronti del proprio datore di lavoro per non rischiare di essere licenziato.

In caso di insolvenza del datore di lavoro e, nello specifico, di suo fallimento, il lavoratore ha la possibilità di ottenere parte delle proprie competenze dal Fondo di Garanzia istituito presso l’Inps, che si sostituisce al datore di lavoro inadempiente. Il credito che gli verrà pagato è quello relativo alle ultime tre mensilità del rapporto di lavoro - purché comprese nei 12 mesi prima la dichiarazione di fallimento - e al Trattamento di Fine rapporto. Meglio se il credito è accertato con un titolo: decreto ingiuntivo, sentenza, verbale di conciliazione esecutivo.

Lo studio DM, grazie alle specifiche competenze dei suoi collaboratori, Vi potrà assistere per il recupero dei crediti da lavoro, in fase stragiudiziale, giudiziale, nella eventuale procedura fallimentare e innanzi al Fondo di garanzia Inps.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione di fatto e separazione legale: quale differenza?

Solo la separazione legale - consensuale o giudiziale - ha efficacia giuridica e ciò la distingue dalla separazione di fatto

Continua

I vantaggi di una separazione e di un divorzio congiunto

Procedura più snella, spese contenute, mantenimento dei rapporti interfamiliari: ecco le ragioni per preferire un accordo di separazione e di divorzio

Continua

Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?

Tra gli elementi che influiscono sulla misura del mantenimento v'è l'assegnazione della casa familiare. Esempi pratici per comprendere meglio l'istituto

Continua

Convivenza e unione civile, differenze e tutele

Accanto alla famiglia tradizionale fondata sul matrimonio, si affermano sempre più le convivenze e le unioni civili. Il ruolo fondamentale del legale in questo ambito

Continua

Ai diritti dei bambini corrispondono i doveri dei genitori

Tutelare il superiore interesse del minore significa anche non esporlo ai conflitti tra genitori

Continua

Il fondo patrimoniale: cassaforte del patrimonio della famiglia

Il fondo patrimoniale, se usato propriamente, può assicurare risorse ai bisogni della famiglia

Continua

Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!

La legge sul dopo di noi, mediante la regolamentazione del trust, ha introdotto tutele a favore dei disabili

Continua

Il testamento: tutela dell’individuo e della sua volontà

Il testamento è l’atto che contiene le disposizioni di ultima volontà. Per questo va redatto come prescrive la legge

Continua

Infortuni sul lavoro e inosservanza delle misure di sicurezza

La mancata attuazione delle misure di sicurezza e il conseguente infortunio sul lavoro espongono il datore di lavoro inadempiente a una responsabilità civile e penale

Continua

Licenziamento, conoscere l'istituto per una maggiore tutela

Il licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Quali tutele per il datore di lavoro e per il lavoratore

Continua

Il mobbing: caratteristiche, risvolti procedurali e risarcitori

Il mobbing, nelle sue varie accezioni (verticale/orizzontale, straining), implica un comportamento, reiterato, che incide sulla salute psichica del lavoratore

Continua

Il procedimento disciplinare per lavoratore e datore di lavoro

Il procedimento disciplinare: dalla contestazione all'(eventuale) irrogazione della sanzione

Continua

Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati

Le limitazioni imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covit-19 quali causa di risoluzione dei contratti per impossibilità sopravvenuta

Continua

Covid-19: tutela del diritto di visita di genitori separati/divorziati

Resta inalterato il diritto di visita dei figli, trattandosi di spostamento necessario rientrante tra le situazioni di necessità

Continua

Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione

Sospensione/riduzione dei canoni di locazione per immobili sia ad uso abitativo sia ad uso commerciale. Cenni agli studenti universitari, lavoratori emigrati e negozi.

Continua

Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?

Scuole e asili chiusi a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: linee guida se le scuole private chiedono il pagamento delle rette

Continua

Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus

Lo smart - working, oggi largamente imposto a tutela della salute pubblica, se usato in modo intelligente, può inaugurare un nuovo rapporto tra lavoratori e datori

Continua

No al licenziamento per il lavoratore assente che assiste il disabile

Con la chiusura dei centri residenziali per i provvedimenti restrittivi da Covid-19, molti lavoratori si trovano licenziati per aver assistito il familiare disabile

Continua

Apertura e gestione del conto o del libretto pupillare: serve il giudice tutelare?

Trattasi di operazioni rientranti negli atti di ordinaria amministrazione, ragion per cui è superflua l'autorizzazione del Giudice Tutelare

Continua

Minori in conflitto di interesse con i genitori. Il curatore speciale

Tra i casi in cui è opportuna la nomina del Curatore Speciale v'è la sussistenza di un conflitto di interessi tra figlio e genitori: ruolo e funzioni

Continua