Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il ricorso contro le multe


Ecco come presentarlo
Il ricorso contro le multe
Il ricorso per opporre le sanzioni amministrative (le cosiddette multe relative a violazioni al Codice della Strada) deve essere presentato, a pena di inammissibilità, entro trenta giorni dalla notifica del provvedimento, ossia del verbale di accertamento, ovvero dalla contestazione dell'addebito, termine aumentato a sessanta se l'interessato risieda all'estero.
Trattasi di termini processuali, pertanto trova applicazione l'art. 155 c.p.c. sulla sospensione feriale dei termini contemplata dalla Legge n. 742 del 1969. Non si contano, quindi, i giorni intercorrenti nel lasso di tempo ricompreso tra il 1° e il 31 agosto.
Il computo del termine esclude il giorno di partenza del calcolo, che noi operatori del diritto definiamo dies a quo, mentre si calcola il giorno di arrivo del vostro conteggio, quello finale che noi chiamiamo dies ad quem. Se il computo del termine vi porta ad un giorno festivo, la scadenza si intende prorogata al primo dì non festivo.
La modalità di presentazione del ricorso è la consegna di persona presso la cancelleria del giudice di pace. Esso può, però, essere presentato anche a mezzo del servizio postale. Nel caso di presentazione a mezzo del servizio postale il perfezionamento del deposito avverrà all'istante, ossia nel momento in cui il plico sarà consegnato alle poste
Il ricorso deve contenere l'indicazione dell'ufficio giudiziario, le parti, l'oggetto e le ragioni della domanda con le conclusioni.
Nel ricorso dovrà, inoltre, essere dichiarato il valore della procedura, ai fini della determinazione del contributo unificato da versare. L'importo del contributo unificato è, infatti, determinato in base al valore della causa: ricorsi sino a € 1.033 si paga solo il contributo unificato di € 43,00; ricorsi di valore da € 1.033,01 a € 1.100, contributo unificato di € 43,00 + marca da bollo da € 27,00; ricorsi di valore superiore a € 1.100,01 sino a € 5.200, contributo unificato di € 98,00 + marca da bollo da € 27,00; ricorsi di valore superiore a € 5.200,01 sino a €.26.000, contributo unificato di € 237,00 + marca da bollo da € 27,00; ricorsi di valore indeterminabile, contributo unificato di € 237,00 + marca da bollo da € 27,00. Nel caso in cui manchi la dichiarazione di valore sul ricorso, il contributo unificato è di € 1.686,00, pertanto è di fondamentale importanza dichiararlo.
E' consentita la presentazione del ricorso ad opera del ricorrente personalmente, senza l'assistenza tecnica di un avvocato, ma sono imposte le stesse regole tecniche che deve rispettare l'avvocato e, ahimè, il comune cittadino non le possiede, non ha il medesimo bagaglio culturale sull'iter processuale (ad ognuno il suo).
La competenza per materia è devoluta al giudice di pace. La competenza per territorio appartiene al giudice di pace del luogo ove è stata commessa l'infrazione.
L'opposizione si estende anche alle sanzioni accessorie, come la decurtazione dei preziosi punti - patente.
L'opposizione può, comunque, essere proposta soltanto da chi non abbia effettuato il pagamento in misura ridotta, che comporta l'estinzione del procedimento amministrativo e rinuncia all'esercizio del diritto di critica del provvedimento.








Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La famiglia di fatto e la sua tutela giuridica (1° parte)

La cosiddetta Legge Cirinnà disciplina diritti e doveri dei conviventi

Continua

La famiglia di fatto e la sua tutela giuridica (2° parte)

Figli nati fuori dal matrimonio: equiparazione ai figli del matrimonio e tutela

Continua

La riforma costituzionale

Il referendum costituzionale del 4 dicembre, le modifiche e le innovazioni della riforma, il quesito

Continua

Mancato pagamento del contributo di mantenimento

Separazione e divorzio: il coniuge obbligato non paga. Come e da chi ottenere le somme dovute a titolo di mantenimento

Continua

Gratuito patrocinio a spese dello Stato

Cosa fare quando non si ha la possibilità economica di farsi assistere da un avvocato

Continua

Tradimento fra coniugi

Violazione dell'obbligo di fedeltà insito nel matrimonio, addebito della separazione, causa della crisi coniugale o conseguenza

Continua

Riconoscimento del figlio

Figlio nato fuori dal matrimonio: modalità di riconoscimento e conseguenze

Continua

Mancato pagamento del contributo di mantenimento 2

Interventi a favore del genitore debole economicamente

Continua

Affidamento condiviso dell'animale familiare

Tribunale di Roma: disposto l'affidamento condiviso. Intanto resta fermo in Parlamento un disegno di legge in materia

Continua

Mantenimento dei figli, intervengono i nonni

Quando il genitore non è in grado di contribuire al mantenimento del figlio intervengono i nonni

Continua

Registrare una conversazione non è reato

Quando e come la registrazione può essere utilizzata in giudizio

Continua

Dovete separarvi o divorziare?

Ecco, in linguaggio semplice, un tutorial che vi spiega cosa potete fare

Continua

L'assegno di divorzio

Il presupposto dell’attribuzione diviene la mancanza di adeguati mezzi economici o la difficoltà di procurarseli per ragioni oggettive

Continua

E' legittimo TruCam?

Possibilità di ricorrere avverso le contestazioni delle violazioni

Continua