Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il risarcimento del danno patrimoniale spetta anche ai disoccupati


Anche i disoccupati, e tutti quelli che non percepiscono alcun reddito, hanno diritto al risarcimento del danno patrimoniale da lucro cessante
Il risarcimento del danno patrimoniale spetta anche ai disoccupati

 

Quando si tratta di quantificare in modo adeguato il danno patito dalla vittima di un incidente stradale, di un infortunio sul lavoro, di un caso di responsabilità medica o di qualsiasi altro atto illecito, uno dei problemi di più difficile soluzione è quello del danno patrimoniale.

In particolare, spesso vengono ingiustamente sottovalutate le conseguenze dannose che non si riflettono direttamente sul fisico o sulla psiche del soggetto infortunato, ma sulla sua capacità di produrre reddito.

Per esempio, una persona che non lavora ancora, o che non ha mai lavorato, ha diritto di ottenere il risarcimento del danno patrimoniale da “lucro cessante”, cioè da perdita di reddito?

La Corte di Cassazione, con la pronuncia nr. 9682 del 26.05.2020 è tornata su questo tema non ancora sufficientemente chiaro a molti operatori del settore.

I giudici della Suprema Corte hanno ricordato che – di fronte alla domanda concernente la capacità lavorativa della vittima di un sinistro – il giudice di merito dovrebbe chiedersi due cose:

1) se l’infortunato – qualora fosse rimasto sano – avrebbe verosimilmente svolto un qualche lavoro redditizio;

2) se l'invalidità permanente riportata gli impedirà, in tutto o in parte, di svolgere un lavoro in futuro.

A questo punto, la questione va risolta attraverso un doppio step. In primo luogo, bisogna chiedersi se il soggetto (incappato nell’incidente) avrebbe (in assenza dell’infortunio) cercato e trovato un lavoro adatto al proprio curriculum professionale, alla propria esperienza precedente e alle proprie capacità personali.
Se la risposta a questo interrogativo è positiva, il giudice dovrà cominciare ad affrontare il tema del risarcimento dovuto a questa persona.

Quindi, non è un valido motivo per negare all’infortunato il ristoro del danno patrimoniale (da lucro cessante), il fatto che quest’ultimo non fosse occupato o non fosse percettore di reddito, al momento del fatto.

A maggior ragione, in un periodo storico in cui il numero dei disoccupati non solo è molto più diffuso che in altre epoche storiche, ma rappresenta addirittura, e purtroppo, un problema endemico (vale a dire, cronico) della nostra società.

Devono essere quindi rispedite al mittente, come illegittime e ingiustificate, tutte le sentenze che negano il risarcimento del danno patrimoniale sulla base di una constatazione tanto lapalissiana quanto fuorviante: e cioè la circostanza che la vittima non abbia dimostrato una contrazione del proprio reddito. È, infatti, impossibile provare la diminuzione di qualcosa che non si possiede ancora, o di qualcosa che non si possiede più.

Il secondo passaggio che deve compiere un giudice – lungo la strada diretta a un congruo, ed equo, risarcimento del danno patrimoniale – è il seguente: capire se i postumi residuati in capo all’infortunato permettano a quest’ultimo, in futuro, di svolgere (in tutto o in parte) un lavoro confacente al suo profilo professionale.

Nel caso affrontato dalla Corte, l’attrice, prima dell’evento in cui rimase sfortunatamente coinvolta (e all’esito del quale riportò un danno biologico del 65 per cento), era sul punto di ottenere la laurea in architettura.

La Corte di Appello le aveva negato il ristoro del pregiudizio patrimoniale perché la poveretta non era ancora ufficialmente laureata e, quindi, non avrebbe potuto svolgere la professione di architetto.

In realtà, e in base ai criteri sopra illustrati, i giudici avrebbero dovuto chiedersi se fosse verosimile che, rimanendo sana, la vittima avrebbe conseguito la laurea. E se fosse, altresì, plausibile – aggiungiamo noi – che la danneggiata, dopo aver ottenuto la laurea, iniziasse una carriera di architetto o fosse in grado di intraprendere una qualsiasi professione.

Orbene, se le due circostanze “verosimili” di cui sopra sono state vanificate dalle lesioni conseguenti al sinistro, il risarcimento del danno patrimoniale è certamente dovuto. L’unico problema ulteriore da affrontare consisterà evidentemente nell’individuare, e applicare, idonei parametri di quantificazione del danno patrimoniale in esame.


Avv. Francesco Carraro
www.avvocatocarraro.it

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Danno tanatologico e diritto al risarcimento

Ha diritto al risarcimento del danno (trasmissibile agli eredi) anche chi rimane in vita per pochi minuti, in stato di coscienza vigile, prima del decesso

Continua

Il consenso informato e la nascita indesiderata

La Cassazione ribadisce l'importanza del consenso informato in ambito di prestazioni sanitarie. Il principio vale anche nel caso di nascita indesiderata

Continua

Come ottenere un giusto risarcimento del danno da morte

Guida al contenuto e ai criteri di utilizzo delle cosiddette Tabelle Milanesi per un giusto e completo risarcimento del danno da lesioni e da morte

Continua

Sei il parente di un macroleso? Anche tu hai diritto al risarcimento!

Con una storica sentenza, la Cassazione ha riconosciuto il risarcimento alla moglie di un soggetto con lesioni inferiori al 50 per cento di invalidità permanente

Continua

Il danno morale e il danno esistenziale vanno sempre risarciti

I danni conseguenti a un incidente vanno sempre risarciti per intero, compresi quelli dovuti alle sofferenze morali e ai disagi esistenziali subiti

Continua

Anche chi ha "preso una multa" può aver diritto al risarcimento

Anche chi è stato multato per una contravvenzione al Codice della Strada può aver diritto al risarcimento dei danni subiti in un sinistro

Continua

Il pedone ha (quasi) sempre ragione

In caso di sinistro stradale, il pedone è tutelato dalla legge con una norma ad hoc che rende più facile agire per il risarcimento dei danni subiti

Continua

Il risarcimento per incapacità lavorativa va richiesto nel modo giusto

Il danno da incapacità lavorativa generica, o da cenestesi lavorativa, è un danno non patrimoniale che non va confuso con il danno da lucro cessante

Continua

Trasfusioni da sangue infetto: quando vince il paziente

Quando l'azienda sanitaria non riesce a provare da dove provengono le sacche di sangue, il paziente ha diritto al risarcimento del danno da infezione

Continua

Come si calcola il danno patrimoniale da lucro cessante

Tutto ciò che c'è da sapere per calcolare bene, e rapidamente, il danno patrimoniale da perdita di reddito presente e futuro

Continua

Il Coronavirus e gli aspetti civili e penali per contagio sul lavoro

Il Covid-19 e le sue conseguenze più rilevanti sul piano del diritto civile e penale, in particolare con riferimento agli infortuni sul lavoro

Continua