Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il rischio dell'investimento in titoli di stato e obbligazioni


Spread, default e rating dell'emittente, inflazione, rendimenti richiesti dal mercato sono solo alcuni dei fattori di rischio per i bond. Come è possibile difendersi?
Il rischio dell'investimento in titoli di stato e obbligazioni

L'investimento in obbligazioni e titoli di stato viene spesso considerato come quello più “sicuro” in contrapposizione a quello in azioni. Ma titoli di stato e obbligazioni non sono di certo esenti da rischi: per esempio, quando si legge sui giornali dello spread, tutti possono intuire che questo sia un indicatore di maggiore rischiosità. Spread che negli ultimi giorni è tornato di attualità e ci dà l'occasione per parlare dei rischi legati al mondo obbligazionario. Lo spread è un termometro del merito creditizio dell'emittente e un suo incremento porta a una riduzione nel prezzo del titolo.

I bond, nell'arco della loro vita, cioè dal momento in cui vengono emessi e fino alla loro naturale scadenza, presentano, infatti, una volatilità di prezzo. Più precisamente, il prezzo di un'obbligazione tende a scendere quando i rendimenti richiesti dal mercato salgono, mentre tende a salire quando questi scendono. A loro volta, i rendimenti richiesti dal mercato sono influenzati da molte variabili: per esempio l'inflazione attesa o il livello dei tassi ufficiali delle banche centrali. Inoltre, la volatilità del prezzo è tanto maggiore quanto minori sono le cedole pagate dal bond e quanto maggiore è la durata del titolo.

C'è poi quello che viene definito come rischio di default dell'emittente, che comprende il mancato o ritardato pagamento degli interessi e/o del capitale, fino al suo fallimento. Quest'ultimo è ovviamente l'evento più pericoloso per un possessore di obbligazioni o titoli di stato, perchè può comportare la perdita quasi dell'intero capitale investito. Un downgrade del rating dell'emittente impatta anch'esso al ribasso sul prezzo del titolo, essendo un indicatore di una maggiore probabilità di default.

Le variabili che possono portare rischiosità all'investimento in obbligazioni e titoli di stato, come abbiamo visto, sono tante. Il risparmiatore può proteggersi sicuramente aumentando la diversificazione degli emittenti in cui investire e affidarsi a una gestione professionale che valuti il rapporto fra rendimento e rischio dei diversi titoli è un comportamento altrettanto utile.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Investimenti sostenibili, tema sempre più caro a risparmiatori e aziende

“Un affare dove si guadagna soltanto del denaro non è un affare” (Henry Ford)

Continua

Il tempo, un amico per ridurre il rischio degli investimenti azionari

Come la durata temporale di un investimento in azioni incide sulla riduzione del rischio dovuto alla volatilità

Continua

Pianificazione previdenziale aziendale: i vantaggi per l'imprenditore

TFR o Fondo Pensione? Quali le differenze per l'azienda?

Continua

La tecnologia in aiuto della consulenza finanziaria

Le innovazioni tecnologiche non sostituiscono il rapporto umano fra cliente e consulente finanziario, anzi contribuiscono a migliorarlo

Continua