Il ruolo della famiglia nel coping


Una breve panoramica di come la famiglia può influenzare il coping dei figli
Il ruolo della famiglia nel coping
Un peso particolare nella formazione e definizione delle strategie di coping è giocato dalla famiglia. Uno studio di Jaser (2007) ha dimostrato come i figli di genitori depressi facciano maggior ricorso a strategie come l'accettazione, la ricerca di distrazione e, in generale, l'evitamento. Non sono molti gli studi che hanno affrontato il tema della formazione degli stili di coping in ambito familiare, mentre sono numerosi gli studi che hanno affrontato: il ricorso alla famiglia come stile di coping, l'effetto sul coping familiare di familiari disabili, il ruolo della ricerca di supporto sociale familiare nel fronteggiamento dello stress (Aymanns, 1995; Cutrona, 2000; Dolan e Pinkerton, 2007).

Proprio da questi ultimi studi emergono quattro modalità di sostegno allo sviluppo del coping che le famiglie possono offrire:
- concrete support: si tratta di atti di assistenza tra le persone, ad esempio una sorella che tiene il bambino mentre la madre si prende cura di se stessa
- emotional support: comprende gli atti di empatia, di ascolto per qualcuno; generalmente è percepito come utile anche quando viene offerto in alternativa ad altri tipi di esigenze identificate (Cutrona, 2000)
- advice support: l'attività di consigliare; questo tipo di supporto va aldilà del consiglio per la rassicurazione che è in grado di produrre; i consigli in ambito famigliare sembrerebbero fornire più rassicurazioni che linee guida di intervento
- esteem support: il supporto legato all'espressione della stima; in ambito famigliare, l'impegno incondizionato a stimare i propri figli è la prima pietra del sostegno sociale (Cutrona, 2000)

Laudadio e Fiz Perez (2010) hanno esplorato la relazione tra il supporto familiare e il ricorso alla strategia di evitamento. L'analisi dei dati ha evidenziato che i soggetti con alta tendenza all'evitamento esprimono bassi livelli di supporto familiare, in particolare in relazione a due dimensioni: advice supporto ed esteem support. Soggetti che hanno ricevuto esteem support da parte dei familiari e hanno stabilito con loro un rapporto di fiducia, sviluppano una maggior consapevolezza di sè delle proprie risorse: aumentano così le probabilità che di fronte ad una situazione stressante il soggetto agisca piuttosto che eviti. Il modello all'interno del quale si esprime il supporto della famiglia presenta tre dimensioni: emotional support, esteem support ed advice support che inibiscono lo stile di coping "evitante"; il maggior contributo è dato dall'esteem support.

Nonostante l'importanza che la famiglia ricopre nella formazione del coping, uno studio di alcuni autori (Laudadio et al., 2005) ha fatto emergere indicazioni circa il basso livello di conoscenza che i genitori hanno degli stili di coping dei propri figli. I risultati sembrerebbero suggerire l'esistenza di un modo strutturato e pregiudiziale dei genitori di rappresentarsi gli stili di coping del proprio figlio, spesso in modo indipendente dalle modalità reali di coping dello stesso.

Articolo del:


di dott. Lorenzo Zancolich

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse