Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il senso della Mediazione Familiare


La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli
Il senso della Mediazione Familiare
La separazione è di per sé un evento conflittuale per cui, anche quando la coppia sceglie di separarsi consensualmente, riesce difficile immaginare che quei coniugi che sono in presenza d’ incompatibilità e di conflittualità riescano da soli, ad elaborare la separazione, ad avere come obiettivo l’interesse superiore dei propri figli e a raggiungere un accordo che sia realmente condiviso. Quella scelta oltre ad essere dettata da una necessità legale può essere accompagnata dal desiderio di chiudere in fretta la questione per evitare le lungaggini tipiche dei processi civili, dalla necessità di ridurre i costi o dalla volontà di non affrontare in prima persona i propri conflitti. Trattative e reciproche concessioni avvengono dunque per il tramite degli avvocati e delle "battaglie" condotte dagli stessi che mal si conciliano con la opportuna necessità di mantenere un dialogo nell’interesse dei figli, d’instaurare un rapporto di fiducia e di collaborazione tra genitori per tutta la durata della crescita degli stessi. Se il contenzioso giudiziale adito dalla coppia genitoriale che non sa darsi delle regole, diventa il luogo dove far divenire la situazione più incandescente, poiché contesto ideale affinché entrambi i genitori rinforzino l’idea che è l’altro ad essere l’intruso, non è da escludere che elementi di conflittualità possano emergere anche dalle separazioni consensuali. Questo lo si osserva a posteriori ove spesso, anche dopo separazioni o divorzi consensuali, affiorano ancora sentimenti di risentimento e di rabbia, gravi difficoltà comunicative tra gli ex-coniugi. Questo perché gli accordi precedenti non sono stati conclusi attraverso una Mediazione familiare e per cui risultano: carenti, non sufficientemente condivisi con l’ex partner per propria scelta, privi del lavoro di ricostruzione della comunicazione e della relazione genitoriale. Ad emergere dunque è la conflittualità relativa all’affidamento dei figli, per le modalità del contributo, per spese straordinarie in favore dei figli come per es.: quelle relative ai libri di testo, alle gite scolastiche, alle spese mediche o sportive, per l’educazione ecc.. Quando una coppia si separa o si divorzia sia consensualmente che giudizialmente si vengono a formare due nuclei familiari. Nel primo nucleo vi è il genitore che passa molto più tempo con il figlio rispetto all’altro, che lo accudisce più dell’altro, nel secondo nucleo familiare vi è il genitore che sperimenta l’assenza del figlio, una riduzione dei tempi e della qualità del tempo trascorso, il così detto genitore "ludico", con compiti marginali sia nell’accudimento che nell’educazione e che si trova a dover assolvere la sola parte economica. Il punto centrale della situazione è che con il trascorrere del tempo il genitore rimasto solo col figlio, percepisce la responsabilità e il peso di questo accudimento, sia da un punto di vista dell’impegno quotidiano che di quello economico, come strettamente correlato alle mancanze del genitore assente e il genitore privato del figlio percepisce il dover provvedere al mantenimento del figlio senza poterlo vedere e incontrare come si vorrebbe come una responsabilità dell’altro. La Mediazione familiare assume allora un senso solo se si è protagonisti della propria vita, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se le scelte vengono condivise e se si ha a cuore il bene dei propri figli.
Dott.ssa Maria Antonietta Canestrino, Mediatrice Familiare e sociale, Codroipo (Ud).

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole

Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

I suoceri invadenti sono la causa della crisi?

Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?

Continua

Il Mediatore familiare, una figura specializzata

Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

La mediazione dei conflitti di coppia

Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua

I conflitti inevitabili nella coppia

E’ praticamente impossibile pensare che con il tempo non si creino conflitti nella coppia convivente

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (1^ parte)

Entrambi i partner possono agire dentro una logica del “ Io vinco e tu perdi”, una logica di potere

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (2^ parte)

Entrambi i partner possono agire con la logica del “io vinco e tu vinci”, logica di collaborazione

Continua

Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia

Identificare il conflitto e distinguerlo dalla violenza al fine di prevenire la violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (1^ parte)

Qualunque veste assuma la violenza domestica non deve avere ad oggetto sporadici episodi ma deve costituire una modalità quotidiana d’interazione della coppia

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (2^ parte)

Ecco quali sono le varie tipologie di violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione Familiare (3^ parte)

Le diverse forme di violenza e la differente gravità della stessa ha indotto gli studiosi a compiere un esame sull'opportunità del ricorso alla Mediazione familiare

Continua

Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti

I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori

Continua