Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il tax credit alberghi e le strutture termali


La legge di Bilancio 2018 ha esteso alle strutture termali il credito d’imposta per alberghi e agriturismi
Il tax credit alberghi e le strutture termali
Dalla manutenzione straordinaria agli arredi, dal restauro e risanamento conservativo all’incremento dell’efficienza energetica, dalla ristrutturazione edilizia alle misure antisismiche, dall’eliminazione delle barriere architettoniche alle attrezzature professionali per la ristorazione.
Sono queste le tipologie di interventi ammesse al credito d’imposta del 65% concedibile per la riqualificazione di alberghi e agriturismi. Dopo l’istituzione di nuovi fondi per il settore ricettivo da parte della legge di bilancio 2018, il Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo (Mibact) è intervenuto con il decreto del 20 dicembre 2017 per fornire le disposizioni applicative ai fini dell’attribuzione del "bonus alberghi" (o tax credit) con riferimento, fra l’altro, alle tipologie di strutture ricettive ammesse al credito d'imposta, alle tipologie di interventi ammessi al beneficio, alle soglie massime di spesa eleggibile, nonché alle procedure per l'ammissione delle spese all’agevolazione. Il credito d’imposta, istituito dall’art. 10 del d.l. 83/2017, ampliato e potenziato dalla legge di bilancio 2017 (dal 30% al 65%), è stato esteso agli stabilimenti termali con la manovra 2018, e potrà essere concesso a fronte delle spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2018.

Il tax credit
Il bonus alberghi inizialmente era destinato esclusivamente alle strutture alberghiere esistenti alla data del 1° gennaio 2012 e, nella prima versione, era ripartito in tre quote annuali di pari importo (ora in due quote), nel limite del 30% delle spese sostenute nel triennio 2014-2016. Già nel 2017 il tax credit è stato potenziato dalla precedente legge di Bilancio ed esteso anche agli agriturismi: la soglia del credito riconosciuto è stata innalzata dal 30% al 65% delle spese sostenute. La manovra 2018 ha prorogato ulteriormente questo bonus fiscale, ampliando anche la platea dei destinatari: oltre ad alberghi ed agriturismi anche le strutture termali potranno accedere al credito, mentre resta confermata l’aliquota al 65% e l’elenco delle spese agevolabili.
Con la legge di bilancio 2018 alle imprese alberghiere e agli agriturismi, esistenti alla data del 1° gennaio 2012, il credito d'imposta è riconosciuto per le spese sostenute dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2018, relative ad interventi che abbiano finalità di ristrutturazione edilizia, di riqualificazione (a condizione che abbiano anche finalità di incremento dell'efficienza energetica o di riqualificazione antisismica), all’acquisto di mobili e componenti d'arredo destinati esclusivamente alle strutture ricettive agevolabili. Il beneficiario non potrà cedere a terzi né destinare a finalità estranee all'esercizio di impresa i beni oggetto degli investimenti prima dell'ottavo periodo d'imposta successivo. Il credito d'imposta è ripartito in due quote annuali di pari importo. Le domande per poter accedere al bonus dovranno essere inoltrate entro il 28 febbraio 2018 al Mibact. Il tax credit non va confuso con il bonus ristrutturazioni 2018 che prevede una detrazione pari al 50%.

Interventi agevolabili
Le strutture avranno diritto a richiedere un credito d’imposta del 65%, per un massimo di 200 mila euro, se tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2018 avranno eseguito una delle seguenti opere:
1) interventi di manutenzione straordinaria;
2) ristrutturazioni, sia per rinnovo che per sostituzione di parti strutturali degli edifici, demolizione e ricostruzione;
3) restauro e risanamento conservativo;
4) eliminazione delle barriere architettoniche, come ad esempio ristrutturazione delle scale, degli ascensori oppure realizzazioni di bagni e sistemi per disabili;
5) riqualificazione energetica;
6) riqualificazione antisismica;
7) potenziamento e/o sostituzione di nuovi arredi, componenti d’arredo, cucine professionali, arredi da esterno, attrezzature sportive e per centri benessere.
L'importo totale delle spese eleggibili è, in ogni caso, limitato alla somma di euro
307.692,30 per ciascuna impresa ricettiva la quale, di conseguenza, potrà beneficiare di un
credito d'imposta massimo complessivo pari a 200 mila euro, fermi restando i limiti del regime de minimis.

Domande
Le date per la compilazione e l’invio delle domande relative ai costi sostenuti nel 2017. La compilazione deve essere effettuata esclusivamente dalle ore 10,00 del 25 gennaio alle ore 16,00 del 19 febbraio 2018; per l’invio delle domande vale il click day: dalle ore 10,00 del 26 febbraio alle 16,00 del 27 febbraio 2018.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La governance delle coop dopo la legge di bilancio

La legge di bilancio 2018 ha vietato l'amministratore unico a tempo indeterminato nelle cooperative

Continua

Il credito d'imposta per investimenti pubblicitari

Il Bonus pubblicità 2017 è riservato solo per gli investimenti incrementali effettuati sulla stampa, anche online

Continua

Super e iper ammortamento nel modello SC 2018

Le proroghe delle agevolazioni che riguardano il super ammortamento e l’iper ammortamento impattano sul modello SC 2018

Continua

L’impresa sociale nel modello SC2018

L’impresa sociale entra per la prima volta nel modello SC 2018.

Continua

L’impresa sociale nel modello SC2018

L’impresa sociale entra per la prima volta nel modello SC 2018.

Continua

Erogazioni liberali agevolate dopo la Riforma

Non profit: anche gli enti commerciali possono rientrare nel sistema di agevolazioni fiscali previsto dalla riforma del terzo settore

Continua

Il periodo transitorio nell’attuazione del CTS

Doppio binario per il controllo dei requisiti necessari all’iscrizione nei registri degli enti del terzo settore

Continua

Le regole del CTS applicabili da subito

Secondo il Codice del Terzo settore ci sono alcune regole applicabili da subito, in attesa dell'operatività del Rubts

Continua

Statuto standardizzato delle start-up innovative

Il Mise ha chiarito quando è utilizzabile il modello standard per le modifiche allo statuto delle start-up innovative

Continua

Il Voucher per l'internazionalizzazione

Le assegnatarie del voucher internazionalizzazione dovranno trasmettere i contratti di servizio con le società fornitrici del Temporary export manager

Continua

La Riforma degli Enti del Terzo Settore

La Riforma del Terzo settore e dell’Impresa Sociale ha introdotto importanti misure per la promozione e il sostegno del complesso mondo "non profit"

Continua

Regime forfetario per gli enti del terzo settore

Per il non profit è previsto un regime contabile e fiscale semplificato per le attività i cui ricavi non superino i 130 mila euro

Continua

Il regime fiscale per enti non commerciali

La Riforma ha introdotto nuovo regime per la determinazione forfetaria del reddito degli enti non commerciali appartenenti al mondo del “non profit”

Continua

Cancellazione dal Runts e devoluzione patrimonio

La cancellazione dal Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) dell’ente non profit comporta l’obbligo di devoluzione del suo patrimonio.

Continua

La Riforma degli enti del terzo settore

La Riforma del Terzo settore e dell’Impresa Sociale ha introdotto misure per favorire la promozione e il sostegno del complesso mondo non profit

Continua

Il nuovo modello per la successione telematica

Dal 15 marzo è utilizzabile da oggi la nuova versione del modello di `Dichiarazione di successione e domanda di volture catastali`

Continua

Le ristrutturazioni edilizie secondo le Entrate.

Bonus ristrutturazioni: prorogata la maggiore detrazione Irpef del 50%, con il limite massimo di spesa di 96 mila euro

Continua

Imprese del Terzo Settore: modifiche in arrivo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame preliminare, norme integrative e correttive del Codice del Terzo settore e dell'impresa sociale

Continua

Personalità giuridica per Enti del Terzo Settore

Alle associazioni e fondazioni la personalità giuridica la conferisce il notaio al quale spetta l’onere del controllo dei requisiti

Continua

Le agevolazioni fiscali e contributive per le SSDL

La Legge di Bilancio 2018 ha riservato alla società sportiva dilettantistica lucrativa agevolazioni sul piano fiscale e del lavoro

Continua

Entro il 3 aprile il Mod. EAS per enti associativi

Gli Enti associativi devono comunicare all'Agenzia delle Entrate i dati di variazione del 2017 per poter fruire dei benefici fiscali

Continua

I finanziamenti per l'economia sociale

I limiti e gli adempimenti che le imprese sociali devono rispettare per ottenere i finanziamenti finalizzati al rafforzamento dell'economia sociale

Continua

Incentivi fiscali per chi si trasferisce in Italia

L'Agenzia delle Entrate ha indicato i benefici di carattere fiscale previsti per favorire l'attrazione di "capitale umano" in Italia

Continua

Correttivi anticrisi per studi di settore 2017

Il decreto tiene conto della riduzione delle tariffe professionali e della redditività in altri ambiti economici (servizi, commercio, manifatture)

Continua