Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il tempo della “Non-Esistenza”


La tensione nell’attesa di una risposta ad un messaggio. Alcune riflessioni dall’articolo di O. Burkeman
Il tempo della “Non-Esistenza”
Un articolo di O. Burkeman, ("Se i vostri messaggi restano senza risposta, rilassatevi") pubblicato su l’Internazionale illustra come la comunicazione digitale abbia modificato la nostra capacità di gestire l’ansia nell’attesa di un messaggio. Ci attendiamo infatti risposte immediate e fino a quando non la riceviamo entriamo in tensione, guardiamo continuamente il cell...eppure un tempo aspettavano giorni per la risposta di una lettera.

Abbiamo forse perso la capacità di gestire questo tipo di frustrazione o è davvero una nuova frustrazione?

Senza dubbio la comunicazione digitale ha modificato i rapporti sociali e le modalità di gestirli ed effettivamente siamo meno in grado di attendere, di viverci gli eventi. E’ vero però che questa ansia richiama al nostro bisogno di conferme, che è un bisogno antico e fondamentale nell’esistenza umana.

Questo bisogno è implicito nella comunicazione umana in ogni sua forma. Dagli studi sulla Pragmatica della Comunicazione apprendiamo che ogni messaggio implica due livelli: un livello di contenuto (ciò che si vuole comunicare) e un livello di relazione (Meta-comunicazione, che definisce la natura della relazione), ed è proprio questa meta-comunicazione il terreno per l’ansia dell’attesa.

Quando comunichiamo, ci aspettiamo una risposta, anche negativa, perché questa è comunque il segno che l’altro ci ha considerato e che riconosce il valore della nostra relazione. L’assenza di una risposta equivale alla DISCONFERMA, al messaggio "Tu non esisti", che è anche alla base di diverse forme di psicopatologia.

Ecco allora che la comunicazione digitale ci ha esposto a questa frustrazione più velocemente. Ricevere la risposta equivale al messaggio "Tu esisti", mentre i minuti che passano nell’attesa diventano il tempo della "non esistenza".

L’articolo si chiude con un’altra importante riflessione sulla trasformazione dei rapporti umani che sembrano andare verso il disimpegno; disimpegno che è figlio della Disconferma.

Un piccolo suggerimento per gestire meglio l'attesa proviamo a non concentrarci solo sulla risposta, ma consideriamo la cornice più ampia che è la relazione per non arrivare subito a conclusioni drastiche e negative (non mi considera, non mi vuole più), cercando anche di ricordare l’altra persona, i suoi impegni, i suoi atteggiamenti, le sue abitudini.


Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La crisi di coppia: significato ed evoluzione

La costituzione della coppia. La crisi di coppia: definizione ed effetti. La crisi come possibilità di cambiamento

Continua

Il bisogno e la paura dell’altro

Alcune riflessioni sull’uso e abuso dei social network

Continua

Aiuto!!! Il colloquio con gli insegnanti

Ansie e preoccupazioni sul colloquio con gli insegnanti. Il colloquio come giudizio. Il colloquio come scambio

Continua

Gli adulti dove sono?

Il branco e i fenomeni di devianza giovanile. Disagio giovanile come problema sociale. Ruolo della famiglia, della Scuola e delle Istituzioni

Continua

La relazione che cura

Principi generali della psicoterapia ad orientamento sistemico-relazionale

Continua

La violenza sulle donne è "cosa nostra"

La violenza di genere come problema sociale

Continua

Difendersi dalle emozioni

Brevi cenni sull'esperienza emotiva e sulla dissociazione alla base di molti disturbi psichici

Continua

Ma è la persona giusta?

Il ruolo delle aspettative nella scelta e nella dinamica di relazione

Continua

Lei, Lui e...i suoi figli

Gestire i rapporti con i figli dei propri compagni. Dinamiche di relazione e definizione dei giusti confini

Continua

La paura che fa la differenza

Breve analisi sui fattori psicologici dietro la rabbia e la paura verso i migranti

Continua

Il rientro a scuola come rito di passaggio

Le emozioni attivate dall'ingresso nei diversi cicli scolastici. I disagi legati al cambiamento

Continua

Il senso di inadeguatezza

Origine e significati del senso di inadeguatezza nelle relazioni familiari. Aspetti clinici.

Continua

Il significato del dono nella relazione

Il dono inteso come atto basato sulla reciprocità della relazione. Differenza fra dono e regalo

Continua

Le emozioni possono essere contagiose

Le emozioni si trasmettono e possono insinuarsi nel nostro stato emotivo. E' importante riconoscerle

Continua

Lo Psicologo in corsia, una risorsa preziosa

Lo Psicologo in ospedale è una risorsa preziosa, come professionista è in grado di sostenere pazienti e familiari quando vengono “colpiti” da una diagnosi di malattia

Continua

Gestire la timidezza?... Si può!

La timidezza e l'insicurezza personale. Come scoprire i punti forza per avere un'altra immagine di sè nel confronto con gli altri

Continua

La Resilienza: la risorsa "nascosta"

Attribuire un nuovo senso alla propria vita in seguito a un evento drammatico. Attivazione di nuove risorse e possibilità

Continua

IL TRIANGOLO NO! Il bambino nella lotta fra i genitori

La triangolazione del bambino nella separazione, quando il figlio viene considerato come alleato o nemico

Continua

L'esame di maturità:...è solo un esame!

Esame di maturità come rito di passaggio. Ansie, aspettative e significati

Continua

La mia vita non cambierà mai!

Le aspettative che bloccano il cambiamento. Ansia e paura come segnali di stati emotivi più complessi

Continua

"Io sono le mie relazioni". Stile di attaccamento e personalità

E' nella relazione che si manifestano i nostri tratti di personalità, che nei casi sintomatici danno corpo ai disturbi di personalità

Continua

Il rientro dalle vacanze non è solo il ritorno alla routine

La funzione protettiva della routine. Riscoprire se stessi attivando processi di cambiamento

Continua