Il Trust


Alcuni possibili casi di applicazione
Il Trust
CASO 1 - UNA NONNA PREOCCUPATA
Una nonna ha un nipote diversamente abile, figlio della figlia scomparsa dandola alla luce. La nonna ha sempre contribuito economicamente alle esigenze del nipote. Qualcuno le ha suggerito di sottoscrivere una polizza vita a copertura delle esigenze del nipote, ma la nonna non era convinta della soluzione in quanto:
1 vuole evitare che:
· alla sua morte, la somma pagata dalla compagnia assicuratrice venga erogata, anche solo nella forma di rendita, al nipote disabile, perché non sarebbe in grado di gestirla;
· la somma venga erogata ad altri soggetti, in quanto questi non avrebbero alcun vincolo giuridico di destinazione circa il suo impiego a favore del nipote e potrebbero liberamente disporne;
· la somma pervenga al padre del disabile, in quanto la nonna non ripone alcuna fiducia in lui, il quale, tra l’altro, è in procinto di risposarsi.
2 desidera che:
· la somma giunga al nipote disabile poco alla volta e secondo i criteri che lei ha sempre ritenuto giusti;
· sia impiegata per sostenere le necessità di vita del nipote disabile;
· alla morte del disabile, quanto residuerà della somma vada ai suoi fratelli
QUALE POSSIBILE SOLUZIONE? In questo caso ha senso correre al Trust in quanto l’effetto segregativo consente di isolare economicamente e giuridicamente un certo bene per destinarlo alla soddisfazione di un certo interesse non tutelato del nostro ordinamento.

CASO 2 - UN PADRE PREVIDENTE
Un professionista, medico chirurgo quarantenne, vuole destinare alcuni dei suoi beni (denaro, immobili e quote societarie) per esigenze di vita future della famiglia e di sua figlia, ora minorenne.
Oltre a ciò vuole realizzare anche i seguenti ulteriori desideri:
a) che i redditi derivanti dai beni siano accumulati ed impiegati per le esigenze di vita della famiglia;
b) che alcuni beni possano essere impiegati per le necessità di vita o mediche sue e di sua moglie, qualora non sia in grado di farvi fronte con il proprio reddito;
c) che uno degli immobili (la casa di campagna) sia goduto dai suoi discendenti, ma che possa mai essere venduto (tranne in casi eccezionali da lui previsti), in quanto appartiene alla sua famiglia da generazioni.
QUALE POSSIBILE SOLUZIONE? In questo caso il Trust consente di realizzare gli obiettivi di tutela e trasferimento del patrimonio di famiglia. Conferendo nel Trust il proprio patrimonio immobiliare, finanziario e societario, il medico da un lato lo protegge dai rischi professionali e dall’altro ne garantisce la continuità nel tempo. Sarà inoltre possibile stabilire che un immobile al quale il medico è particolarmente legato, sia goduto dai suoi discendenti ma anche dagli stessi non possa mai essere venduto.

CASO 3 - UNA MAMMA IN ANSIA PER IL SUO PATRIMONIO
Una signora nel corso della sua vita ha donato parte dei suoi beni al figlio, soggetto scialacquatore dedito solo alla bella vita. Ora ha deciso di proteggere i restanti sui beni (immobili, denaro e opere d’arte), corrispondenti alla quota disponibile del suo patrimonio, dalla loro caduta in successione al figlio scialacquatore.
Inoltre intende realizzare anche i seguenti desideri:
che i beni siano destinati alla nipotina, per sostenerla negli studi o per iniziare una professione, e che sino ad allora siano gestiti in modo oculato;
che sino a che la signora sarà in vita i redditi prodotti dai beni saranno accumulati e le saranno, eventualmente, attribuiti per quella parte necessaria ad integrare il suo reddito in caso di necessità mediche;
che il figlio sia aiutato, ma solo in caso di gravi motivi di salute e che possa continuare ad abitare per tutta la vita in uno degli immobili.
QUALE POSSIBILE SOLUZIONE? Il Trust protegge il patrimonio della signora da eventuali aggressioni patrimoniali e consente, alla sua morte, di tutelare la nipotina. Sarà infatti il trustee, secondo le istruzioni ricevute, a garantirle una rendita necessaria a completare il suo percorso universitario o per l’avvio della professione. Allo stesso tempo, la signora si tutela nel caso in cui dovesse avere necessità di attingere dal suo patrimonio in presenza di malattie invalidanti.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Idea Pensione

L'importanza di un'educazione previdenziale

Continua

Evoluzione del contesto

La Consulenza Evoluta - I parte

Continua

Evoluzione del contesto

La Consulenza Evoluta - II parte

Continua

Evoluzione del contesto

La Consulenza Evoluta - III parte

Continua

Piani di accumulo

I PAC sono i prodotti ideali per coloro che vogliono crearsi un capitale nel tempo mettendo da parte piccole cifre pianificando entrate e uscite

Continua

I pir e l`incentivo fiscale

I PIR, introdotti nell’ordinamento italiano con la legge 11 dicembre 2016, n. 232, sono uno strumento di investimento di medio - lungo periodo

Continua

Banche armate

Alcuni istituti di credito mettono a disposizione i loro conti correnti alle grandi aziende armate

Continua

Trappole comportamentali: regole per evitarle

Per gli esperti di finanza comportamentale gli operatori sui mercati finanziari non prendono decisioni seguendo la ragione

Continua

La protezione patrimoniale

Prima parte: i rischi e gli obiettivi

Continua

La protezione patrimoniale

Parte seconda: i soggetti interessati

Continua

La protezione patrimoniale

Parte terza: gli errori comportamentali 1

Continua

La protezione patrimoniale

Parte quarta: gli errori comportamentali 2

Continua

Gli strumenti di protezione del patrimonio

Società fiduciarie e intestazione fiduciaria

Continua