Imprese Agricole e assunzioni congiunte


Possibilità per il settore delle imprese agricole di assunzioni congiunte
Imprese Agricole e assunzioni congiunte
La Legge 154/2016 inerente disposizioni a favore del settore agricolo e agroalimentare pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale n. 186 del 10/08/2016 che entrerà in vigore il 25/08/2016 amplia le opportunità delle assunzioni congiunte in agricoltura.
Le assunzioni congiunte sono previste dal dl n. 76/2013 convertito in legge n. 99/2013, consentono la possibilità di instaurare un rapporto di lavoro tra più imprese ed un unico lavoratore che potrà svolgere l'attività per diverse aziende.
Tutto questo è stato possibile grazie al nuovo modello Unilav-Congiunto con cui viene inviata la "Co" comunicazione di assunzione, l'eventuale trasformazione o proroga e la successiva cessazione .
E' doveroso precisare che questo tipo di assunzione è possibile solo ed esclusivamente nel settore agricolo.
Possono avvalersi della citata metodologia di assunzione i seguenti datori di lavoro:
imprese legate da un contratto di rete: ossia quando almeno il 50% è rapprasentato da imprese agricole;
imprese agricole comprese le cooperative, purchè siano riconducibili allo stesso proprietario o a soggetti legati tra loro da un vincolo di parentela o di affinità entro il 3°;
imprese agricole, comprese le cooperative che appartengono allo stesso gruppo.
Con riferimento al Referente Unico si utilizzano i medesimi requisiti introdotti dal Ministero del lavoro con decreto del 27 marzo 2014 ossia: il referente è rappresentato dal soggetto che è obbligato ovvero coobbligato da tutte le aziende all'assunzione congiunta che deve effettuare tutti gli adempimenti inerenti il rapporto di lavoro, quindi bisognerà verificare caso per caso se deve essere effettuata dal capogruppo, dallo stesso proprietario o da un soggetto terzo individuato da uno specifico accordo o dal contratto di rete.
La novità rilevante è rappresentata dalla differenza della percentuale delle aziende agricole ovvero fino al 24 agosto 2016 sono considerate imprese legate da contratto di rete quando il 50% sono agricole , dal 25 agosto 2016 invece si considerano le imprese legate da contratto di rete quando almeno il 40% sono agricole.
Questo cambiamento consiste solo in una varazione di percentuale ma non influisce, non influenza gli altri campi, pertanto sia il referente unico sia le varie assunzioni possono e devono consentire al lavoratore di poter svolgere attività per diverse aziende.

Articolo del:


di Dott.ssa Anna De Filippo

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse