In azienda non esistono bugie


Quale verità mi racconta quella fandonia?
In azienda non esistono bugie
La bugia è un atto collaborativo, il cui potere si manifesta solo quando la accettiamo come verità. Chi la subisce ha comunque un ruolo. La bugia è relazionale e impone una riflessione sul rapporto che ha contribuito a generarla. In azienda non esistono bugie. Quando qualcuno mente, quell’informazione è una preziosa verità. Quali sono le pratiche di controllo? Le aspettative sono troppo alte? Gli obiettivi sono ponderati con le competenze? La visione è condivisa? La leadership lascia esprimere l’autonomia? Insomma, quale verità mi racconta quella fandonia? Il modo di considerare la falsità è cambiato. Un tempo il vero torto avveniva verso il tradimento pubblico perché essere leali era un fatto di rilevanza collettiva. Nei confronti di chi mentiva c’era una forma di disprezzo generale. Oggi la lealtà è vista come una faccenda individuale, per questo è più semplice dire il falso. Inquadrare la bugia e il tradimento all’interno della relazione ha due conseguenze. La prima è che non puoi dare tutta la responsabilità a una parte: questo non farà piacere a chi si vede vittima dell’ingannatore o ingannatrice mendace. La seconda è che, solo guardando al rapporto, è possibile elaborare una strategia di superamento del torto subito. Quando consideri quella menzogna o infedeltà come un attacco alla tua persona non riesci a superarla. Se invece li valuti come violazione della relazione instaurata puoi immaginare un modo per ricostruire su nuove e diverse basi oppure imparare dall’evento pur volendo chiudere con quel tizio. Nessun tradimento avviene senza che si sia formato un soggetto collettivo, un noi, un progetto comune, delle regole esplicite o implicite. Per tradire la fiducia ci devono essere delle attese. L’adulterio, per essere tale, deve avvenire nei contesti in cui vige l’esclusività del rapporto sessuale. Nella bugia e nel tradimento si possono leggere informazioni. Le regole del rapporto sono valide? Devono essere riviste? Quella persona condivide veramente le prassi e i valori? Chi ha mentito ha avuto modo di esprimere la sua autonomia nella relazione senza annullarsi in essa? È necessaria una competenza relazionale per scoprire le bugie e per mentire. I bambini, molto piccoli, non sono in grado di farlo. I maschi sono ancora più onesti delle femmine (prima del compimento dei quattro anni!) Le bimbe sviluppano subito una teoria della mente, cominciano a indagare le aspettative degli altri, i sentimenti, i desideri. Per questo mentono prima. Con il tempo la bugia dirà molto della relazione instaurata con i genitori e dell’educazione che respirano. Se essa è basata solo su premi e punizioni, sulla motivazione estrinseca, le frottole potranno emergere con più facilità. Le falsità relazionali crescono nell’eccessiva fusionalità, quando il controllo supera la soglia di tolleranza, quando scompare l’identità della persona nel rapporto. La strategia di impossessarsi dell’altro è perdente. La diffidenza e la pretesa uccidono autonomia, originalità, libera espressione di sé. Perché vi sia vero scambio e conoscenza deve rimanere un qualche elemento di estraneità con l’amico, il collega, il leader, il partner.
Per approfondimenti
Cfr.
Armando Floris, La passione di comunicare. L'arte di convincere sé stessi e gli altri, Historica, 2016

Francesco Tesei, Il potere è nella mente. Rizzoli, 2012
Luca Stanchieri, 101 cose che devi sapere per difenderti dai bugiardi e dai traditori, Newton compton, 2011

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Perchè non si deve avere l’auto più bella del capo

Coloro che mettono alla prova il senso di autostima dell’interlocutore rischiano molto

Continua

Il discorso efficace: come trovare l'idea forza

Oltre le tecniche del public speaking: cosa fa veramente la differenza nel parlare in pubblico? <br />Tre spunti pratici per un intervento memorabile

Continua

Allenamento o adattamento?

La sfida del Coaching formativo

Continua

La montagna del conflitto

Perdere la faccia. Come si passa dalla tensione alla guerra totale

Continua

Pensieri a trazione integrale

L’ultimo giorno dell’anno alcune riflessioni tentano la scalata

Continua

Le due verità sugli obiettivi

Elaborare un buon piano d’azione per il 2017. Parte 1

Continua

Lasciatemi vendere in pace

Cosa precede le tecniche di comunicazione

Continua

L’avvocato antifragile

Distinguersi nella professione forense allenandosi con il coaching

Continua

Persone di carattere

Dimensioni, fascino e allenamento di un concetto dai molteplici significati

Continua

E' credibile?

L'uso delle nostre potenzialità per capire a chi dar credito

Continua

Lo scettico credulone

Paradossi della credibilità tra comunicazione e autogoverno

Continua

La fiducia

Costruire un’alleanza forte andando oltre le tattiche di comunicazione

Continua

Il valore del lavoro genera alleati

Migliora il prodotto e difinisci il significato dell’ opera: avrai solidarietà e supporto

Continua

La risposta corretta alla domanda sbagliata

Riflessioni sul coaching per gli adolescenti

Continua

Altro che meraviglia!

La filosofia di vita cambia grazie ad un atto di ribellione

Continua

L’autogoverno con l’aiutino

Tattiche per darsi un po' di disciplina

Continua

Come affronti le tue battaglie?

L’atteggiamento giusto per tirar fuori risorse e soluzioni

Continua

Quattro domande più una per prendersi sul serio

Un filosofo e un allenatore aziendale alle prese con il tema del cambiamento

Continua

Taccagni ma creativi

Cerchiamo conferme o nuove idee per migliorare la vita?

Continua

Le App non bastano

I nativi digitali alle prese con le scelte importanti

Continua

I dieci comandamenti del formatore

Cosa aver presente prima di entrare in aula

Continua

Anche i gruppi sbagliano

Opportunità e rischi dello scegliere insieme

Continua

Mediocri di successo

Il ruolo di fortuna, talento e antifragilità nella realizzazione professionale

Continua

L'equazione della grinta

Come si arriva dall'attitudine ai risultati

Continua

Pensare la tecnologia

La sfida del miglioramento nel nuovo mondo digitale

Continua