Richiedi una consulenza in studio gratuita!

In tempi di “contagio” le ferie possono essere imposte


Come giustificare le assenze in queste settimane di assenza dal lavoro
In tempi di “contagio” le ferie possono essere imposte

Gli strumenti legislativi di immediata esecuzione come i Dpcm di questi ultimi giorni raccomandano tutti i datori di lavoro, sia che essi svolgano servizi adattabili al tele lavoro sia che siano coinvolti o meno nella sospensione della propria attività al pubblico, di mantenere il meno possibile i propri dipendenti legati dai classici vincoli orari e spaziali, caldeggiando l'utilizzo delle ferie, congedi retribuiti, nonché gli altri strumenti previsti dalla contrattazione collettiva, propedeutici al contenimento del contagio e a garanzia e a tutela del reddito. Oggi ci occuperemo dell'istituto ferie quale strumento di minimizzazione delle presenze sui luoghi di lavoro, che limita notevolmente lo spostamento da casa del lavoratore.

Così come sancito dalla Costituzione (art.36), le ferie rappresentano un diritto irrinunciabile del lavoratore subordinato, volto a garantire al dipendente sia il recupero delle energie psico-fisiche sia la giusta cura delle proprie relazioni affettive e sociali. La caratteristica di “Diritto irrinunciabile” prescinde dal fatto che il periodo di ferie non potrà mai essere monetizzato in cambio di lavoro, se non al termine del rapporto, durante il conguaglio delle somme spettanti, relativamente a tutto ciò che è stato maturato ma non goduto.

In particolare, l’art. 2109 del codice civile prevede che il lavoratore abbia diritto a un periodo di ferie retribuito, possibilmente continuativo, da fruire nell’arco temporale disposto dal datore di lavoro, tenuto conto delle esigenze aziendali, nonché degli interessi ed esigenze individuali del dipendente. La durata del periodo di ferie è stabilita dalla legge, secondo principio di equità, in proporzione alla durata della prestazione lavorativa: Il D.lgs. 66/2003, infatti, in attuazione delle direttive europee ha sancito in quattro settimane la misura minima, da utilizzare secondo il seguente disposto: due settimane nel corso dell'anno di maturazione, consecutive se richieste dal lavoratore e, le restanti due settimane, entro i diciotto mesi successivi al termine dell'anno di maturazione.

Tutto ciò in linea generale, ma in questo periodo di estrema necessità, ci si pone il dubbio se l'utilizzo dell'istituto della collocazione del periodo di riposo, possa essere deciso unilateralmente da parte datoriale, per esigenze di forza maggiore.

Possiamo tranquillamente affermare che le ferie, se già maturate, davanti un provvedimento governativo avente in oggetto misure urgenti di contenimento del contagio sull'intero territorio nazionale, possono essere utilizzate insindacabilmente dall'imprenditore per “collocare” in casa il proprio dipendente in attuazione dell'azione di prevenzione al contagio; quanto all'utilizzo delle ferie in corso di maturazione, relative cioè all'anno in corso, bisogna a “detta di verità” affermare che entrerebbero a “gamba tesa” le disposizioni dei contratti collettivi che limitano la scelta unilaterale, poiché stabiliscono, alcuni, le procedure concertative, altri, indicando nel secondo semestre dell'anno quale periodo temporale individuabile, la determinazione del calendario feriale. D'altronde i contratti, non potendo prevedere una situazione emergenziale come questa, considerano le ferie quale periodo di mero riposo e non di “assenza forzata”.

La scelta consigliata, vivendo comunque alla giornata, cercando di non esporre l'azienda a successive contestazioni che potrebbero sfociare in provvedimenti del giudice volte al ripristino del monte ferie soprattutto nei casi in cui la chiusura fosse obbligata da un provvedimento dell'Autorità Pubblica, sarebbe quella “prudenziale” di imporre il monte ferie già maturato, concertare con il dipendente l'eventuale porzione non del tutto maturata, i permessi retribuiti da utilizzare, in attesa dell'intervento governativo, a quanto pare imminente, sull'utilizzo degli ammortizzatori sociali, che potranno nuovamente sconvolgere il calendario lavorativo delle settimane seguenti, che imporrà un ritorno sull'argomento, per chiarire in via definitiva la disciplina attuativa che ci appresteremo a seguire.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Corrispettivi elettronici: anno nuovo, scontrino...elettronico nuovo!

Ecco un breve vademecum sullo scontrino elettronico al quale quasi tutti gli esercenti al minuto dovranno confrontarsi da quest'anno

Continua

Sale il "bonus Renzi" in busta paga

A partire daI 1° luglio 2020 i lavoratori si troveranno un "bonus Renzi" maggiorato in busta paga

Continua

La rivalutazione dei terreni, riaperti i termini fino al 30 giugno 2020

Anche quest'anno la legge di bilancio ripropone la possibilità di rideterminare il costo di acquisto di terreni edificabili e agricoli

Continua

Nuovi limiti al contante: chiarimenti su Pos, prelevamenti e buste paga

Ecco cosa cambia nel 2020 in merito a Pos obbligatorio, prelevamenti bancomat e retribuzione dei dipendenti

Continua

Pensioni con la Legge di Bilancio 2020, cosa cambia

Ecco quali sono le poche novità rispetto al 2019 e un quadro riassuntivo sulle vie d'uscita

Continua

Assenze da Coronavirus, quale gestione da parte del datore di lavoro

Fondazione Studi Consulenti del Lavoro, fattispecie legate alle assenze dal posto del lavoro per il pericolo di contagio

Continua

Slitta la scadenza per CU, 730 e precompilati

Ecco cosa prevede il Decreto Coronavirus in merito alle scadenze relative agli adempimenti dichiarativi

Continua

Come si deducono i contributi nel regime forfettario

Ecco qual è il metodo per dedurre i contributi nel regime forfettario

Continua

Il Covid-19 entra nel Documento di Valutazione dei Rischi

I datori di lavoro hanno l'obbligo di aggiornare il documento valutazione rischi

Continua

Credito d'imposta su locazioni commerciali interessati dalla chiusura

Nel decreto anti COVID-19 un nuovo credito di imposta per aiutare gli imprenditori in crisi

Continua

A Marzo ricavi e compensi senza ritenute

Fino al 31 marzo i ricavi non scomputano le ritenute. Introdotta l’esenzione delle ritenute d'acconto a beneficio di taluni soggetti

Continua

Nuovo rinvio delle scadenze di Aprile e Maggio, ma non per tutti

Le nuove moratorie su imposte e contributi previste dal nuovo "Decreto liquidità"

Continua

Decreto liquidità: i mini prestiti e le altre disposizioni fiscali

I prestiti bancari garantiti alle piccole e medie imprese e le ulteriori proroghe sugli adempimenti

Continua

Arriva il super bonus di 100 euro in busta paga di aprile

100 euro in busta paga a tutti coloro che hanno lavorato in sede nel mese di marzo e hanno dichiarato nel 2019 un reddito da lavoro dipendente sotto i 40 mila euro

Continua

La cassa integrazione durante maternità, permessi, ferie e congedi

Le compatibilità delle misure sulla gestione degli ammortizzatori sociali adottate dal Governo in presenza di più eventi tipici del rapporto di lavoro

Continua

730/2020: novità anche per gli eredi

Da quest'anno c'è la possibilità di presentare il modello 730 anche per il contribuente deceduto

Continua

Il decreto "Rilancio" riscrive la mappa delle scadenze

Varato il DL "Rilancio" ci apprestiamo a ridisegnare il calendario delle scadenze, tra vecchi e nuovi rinvii

Continua

Lo "slalom" tra indennità e finanziamenti a fondo perduto

Sotto la lente le novità del decreto "Rilancio", in attesa degli emendamenti in Parlamento

Continua

Rivalutazione dei terreni, riapertura dei termini fino al 30/09/2020

Il Decreto "Rilancio" ha prorogato per la seconda volta, nello stesso anno, il termine per la rideterminazione del prezzo di acquisto di terreni e partecipazioni

Continua

Come compilare l'istanza per gli aiuti a fondo perduto

Vademecum alla compilazione delle istanze per gli aiuti a fondo perduto che potranno essere inviate a partire dal 15 giugno e non oltre il 13 agosto

Continua

Dal 1° luglio nuova stretta alle auto aziendali

Aumenta la tassazione alle auto aziendali in base al tasso si inquinamento del veicolo

Continua