Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Incentivi fiscali per chi si trasferisce in Italia


L'Agenzia delle Entrate ha indicato i benefici di carattere fiscale previsti per favorire l'attrazione di "capitale umano" in Italia
Incentivi fiscali per chi si trasferisce in Italia
La normativa di vantaggio per i "neo residenti" prevede che gli investimenti esteri restino fuori dalla dichiarazione dei redditi e dai controlli fiscali e siano esenti dall’imposta di successione e donazione. Secondo quanto chiartito dall'Agenzia delle entrate, al quadro delle agevolazioni a favore dei nuovi residenti che il sistema tributario ha introdotto per attirare risorse umane e favorire lo sviluppo economico, scientifico e culturale del Paese si aggiunge l’esenzione sul valore dei prodotti finanziari, dei conti correnti e dei libretti di risparmio detenuti all’estero. In generale, la normativa di vantaggio prevede anche incentivi fiscali per i lavoratori "impatriati" e per ricercatori e docenti che acquisiscono la residenza fiscale in Italia. In sostanza, le agevolazioni per attrarre "capitale umano" possono essere concesse sia quando un soggetto si trasferisce senza poi esercitare alcuna particolare attività lavorativa, sia quando una persona viene in Italia per svolgere un lavoro. Nel primo caso è prevista una imposizione forfettaria sui redditi che il neo-residente produce all’estero, nel secondo una tassazione agevolata dei redditi di lavoro autonomo o di lavoro dipendente prodotti in Italia.
I neo residenti
Il regime speciale agevolato per i "neo-residenti" (art. 24-bis, Tuir), è stato introdotto dalla legge di bilancio 2017 per attrarre in Italia persone che possiedono elevati patrimoni.
In alternativa alle regole ordinarie di tassazione, infatti, sui redditi prodotti all’estero è possibile pagare, per 15 anni, un’imposta sostitutiva forfettaria dell’Irpef, nella misura forfettaria di 100mila euro per ogni anno. Rientrano nel regime speciale: il reddito di lavoro autonomo derivante da attività esercitate all’estero e derivante da attività d’impresa svolta all’estero mediante una stabile organizzazione; il reddito di lavoro dipendente prestato all’estero e derivante da un immobile che il neo-residente possiede all’estero; gli interessi derivanti da conti correnti bancari corrisposti al neo-residente; le plusvalenze che il neo-residente realizza a seguito della cessione di partecipazioni non qualificate in società estere. Per contro, al regime dell’imposta sostitutiva non possono essere assoggettate le plusvalenze da cessione di partecipazioni qualificate (detenute in società non residenti) realizzate dal neo-residente nel corso dei primi 5 periodi d’imposta di applicazione del regime agevolato. Ciò per evitare che la persona fisica che detiene una partecipazione qualificata in una società estera, in grado di produrre una considerevole plusvalenza, decida di trasferire la sua residenza in Italia solo per beneficiare della tassazione agevolata.
L’estensione ai familiari
La particolarità del regime riservato ai neo residenti è la possibilità di estendere la sua efficacia ai propri familiari, a patto che anche loro trasferiscano la residenza in Italia. In tal caso, l’imposta che il familiare dovrà versare è pari a 25mila euro per ogni anno. Le somme si pagano in unica soluzione, con il modello F24, entro il termine previsto per il versamento del saldo delle imposte sui redditi.
Gli "impatriati"
Sono laureati che hanno svolto attività lavorative all’estero, studenti che hanno conseguito un titolo accademico all’estero, manager e lavoratori con alte qualificazioni e specializzazioni che trasferiranno la residenza fiscale in Italia potranno beneficiare, per cinque anni, di una tassazione ridotta al 50% sui redditi di lavoro autonomo o dipendente. Per il lavoratore dipendente sarà sufficiente presentare una richiesta scritta al datore di lavoro. I lavoratori autonomi, invece, accederanno al regime di vantaggio direttamente con la presentazione della dichiarazione annuale dei redditi.
Incentivi per ricercatori e docenti
I docenti e i ricercatori che trasferiscono la propria residenza fiscale in Italia possono godere di una tassazione ridotta dei redditi di lavoro dipendente e di lavoro autonomo prodotti in Italia per lo svolgimento dell’attività di docenza e ricerca. In particolare, questi redditi concorrono alla formazione del reddito complessivo nella misura del 10% e sono esclusi dal valore della produzione netta ai fini Irap. Per i lavoratori dipendenti l’agevolazione Irap spetta ai sostituti d’imposta che erogano le retribuzioni per l’attività di docenza o ricerca, mentre per i lavoratori autonomi spetta direttamente ai docenti o ricercatori che svolgono l’attività in qualità di liberi professionisti.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La governance delle coop dopo la legge di bilancio

La legge di bilancio 2018 ha vietato l'amministratore unico a tempo indeterminato nelle cooperative

Continua

Il credito d'imposta per investimenti pubblicitari

Il Bonus pubblicità 2017 è riservato solo per gli investimenti incrementali effettuati sulla stampa, anche online

Continua

Super e iper ammortamento nel modello SC 2018

Le proroghe delle agevolazioni che riguardano il super ammortamento e l’iper ammortamento impattano sul modello SC 2018

Continua

L’impresa sociale nel modello SC2018

L’impresa sociale entra per la prima volta nel modello SC 2018.

Continua

L’impresa sociale nel modello SC2018

L’impresa sociale entra per la prima volta nel modello SC 2018.

Continua

Erogazioni liberali agevolate dopo la Riforma

Non profit: anche gli enti commerciali possono rientrare nel sistema di agevolazioni fiscali previsto dalla riforma del terzo settore

Continua

Il periodo transitorio nell’attuazione del CTS

Doppio binario per il controllo dei requisiti necessari all’iscrizione nei registri degli enti del terzo settore

Continua

Le regole del CTS applicabili da subito

Secondo il Codice del Terzo settore ci sono alcune regole applicabili da subito, in attesa dell'operatività del Rubts

Continua

Statuto standardizzato delle start-up innovative

Il Mise ha chiarito quando è utilizzabile il modello standard per le modifiche allo statuto delle start-up innovative

Continua

Il tax credit alberghi e le strutture termali

La legge di Bilancio 2018 ha esteso alle strutture termali il credito d’imposta per alberghi e agriturismi

Continua

Il Voucher per l'internazionalizzazione

Le assegnatarie del voucher internazionalizzazione dovranno trasmettere i contratti di servizio con le società fornitrici del Temporary export manager

Continua

La Riforma degli Enti del Terzo Settore

La Riforma del Terzo settore e dell’Impresa Sociale ha introdotto importanti misure per la promozione e il sostegno del complesso mondo "non profit"

Continua

Regime forfetario per gli enti del terzo settore

Per il non profit è previsto un regime contabile e fiscale semplificato per le attività i cui ricavi non superino i 130 mila euro

Continua

Il regime fiscale per enti non commerciali

La Riforma ha introdotto nuovo regime per la determinazione forfetaria del reddito degli enti non commerciali appartenenti al mondo del “non profit”

Continua

Cancellazione dal Runts e devoluzione patrimonio

La cancellazione dal Registro Unico Nazionale del Terzo Settore (RUNTS) dell’ente non profit comporta l’obbligo di devoluzione del suo patrimonio.

Continua

La Riforma degli enti del terzo settore

La Riforma del Terzo settore e dell’Impresa Sociale ha introdotto misure per favorire la promozione e il sostegno del complesso mondo non profit

Continua

Il nuovo modello per la successione telematica

Dal 15 marzo è utilizzabile da oggi la nuova versione del modello di `Dichiarazione di successione e domanda di volture catastali`

Continua

Le ristrutturazioni edilizie secondo le Entrate.

Bonus ristrutturazioni: prorogata la maggiore detrazione Irpef del 50%, con il limite massimo di spesa di 96 mila euro

Continua

Imprese del Terzo Settore: modifiche in arrivo

Il Consiglio dei Ministri ha approvato in esame preliminare, norme integrative e correttive del Codice del Terzo settore e dell'impresa sociale

Continua

Personalità giuridica per Enti del Terzo Settore

Alle associazioni e fondazioni la personalità giuridica la conferisce il notaio al quale spetta l’onere del controllo dei requisiti

Continua

Le agevolazioni fiscali e contributive per le SSDL

La Legge di Bilancio 2018 ha riservato alla società sportiva dilettantistica lucrativa agevolazioni sul piano fiscale e del lavoro

Continua

Entro il 3 aprile il Mod. EAS per enti associativi

Gli Enti associativi devono comunicare all'Agenzia delle Entrate i dati di variazione del 2017 per poter fruire dei benefici fiscali

Continua

I finanziamenti per l'economia sociale

I limiti e gli adempimenti che le imprese sociali devono rispettare per ottenere i finanziamenti finalizzati al rafforzamento dell'economia sociale

Continua

Correttivi anticrisi per studi di settore 2017

Il decreto tiene conto della riduzione delle tariffe professionali e della redditività in altri ambiti economici (servizi, commercio, manifatture)

Continua