Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Indennità di accompagnamento e Alzheimer


Analisi della normativa relativa all'indennità di accompagnamento, con particolare riferimente al morbo di Alzheimer
Indennità di accompagnamento e Alzheimer

Com’è noto, l’articolo 1 della L. 18/1980, modificato dalla Legge 508/1998 ritiene che l’indennità di accompagnamento spetta ai cittadini, italiani ed extracomunitari, di qualunque età, anche minorenni, nei cui confronti sia stata accertata una inabilità totale e che, in aggiunta, si trovino nella impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore o, non essendo in grado di compiere gli atti quotidiani della vita, bisognano di un’assistenza continua, senza che rilevino le sue condizioni economiche.

Di conseguenza, la concessione dell’indennità di accompagnamento è solo subordinata al titolo della minorazione fisica.

L’indennità di accompagnamento può spettare anche a un soggetto sottoposto a trattamento chemioterapico o in caso di ricovero in ospedale pubblico.

La giurisprudenza, inoltre, ha ampliato la platea degli aventi diritto, riconoscendo il diritto all’indennità di accompagnamento:
•    Al sordo minore di diciotto anni, quando, per il concorso di altra infermità o indipendentemente da essa, sussistano le condizioni stabilite per essere dichiarato invalido civile e al tempo stesso sia impossibilitato a compiere gli atti quotidiani di vita senza l’aiuto permanente di un accompagnatore;
    Al soggetto affetto da anoressia e da sintomi psicotici, se alla totale inabilità al lavoro per effetto della malattia si aggiunge l’impossibilità di deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore;
•    Ai bambini in tenera età, ancorché questi, per il solo fatto di essere tali, abbisognino comunque di assistenza;
•    A pazienti affetti da malattie oncologiche, anche per brevi e circoscritti periodi, più o meno equivalenti o coincidenti con la durata dei cicli di terapia chemioterapica, sebbene la giurisprudenza di legittimità abbia rimarcato la necessità che il soggetto sia impossibilitato a deambulare senza l’aiuto permanente di un accompagnatore (C.f.r.: Rocchina Staiano, “Manuale pratico per invalidità civile, autismo, disabilità ed handicap, ed. Maggioli).

Dunque, il requisito dell’impossibilità di deambulare autonomamente connota i requisiti della tutela fornita dall’ordinamento.

Sotto questo aspetto, dunque, si inserisce, necessariamente, il discorso relativo al c.d. “Morbo di Alzheimer”.

Anche in questo caso è utile esaminare attentamente la giurisprudenza.

Significativa, sotto questo aspetto, è Cass. n. 1268 del 21 Gennaio 2005.

In particolare, la Corte evidenzia che “non assume alcuna rilevanza ai fini del riconoscimento all’indennità in esame la circostanza che la necessità di un concreto e fattivo aiuto fornito da terzi sia perdurante per l’intera giornata, potendo anche momenti di attesa, qualificarsi come assistenza passiva, alternarsi nel corso della giornata a momenti di assistenza attiva, nei quali la prestazione dell’accompagnatore deve concretizzarsi in condotte commissive”.

Ne consegue che “è configurabile un diritto all’indennità di accompagnamento in relazione a tutte quelle malattie che, per il grado di gravità espresso, comportano una consistente degenerazione del sistema nervoso e una limitazione delle facoltà cognitive (ad esempio Alzheimer) o impedimenti dell’apparato motorio (Parkinson) o che cagionano infermità mentali con limitazioni dell’intelligenza e che, nello stesso tempo, richiedono una giornaliera assistenza farmacologica al fine di evitare aggravamenti delle già precarie condizioni psico fisiche nonché incombenti pericoli per sè o per gli altri”.

Com’è evidente, si tratta in sostanza di una sentenza anche interpretativa e dalla vis expansiva.

La Corte, in sostanza, ribadisce i presupposti della tutela, cioè l’impossibilità di deambulare autonomamente, ma, al contempo, “aggiunge” anche altri requisiti, come, appunto, la necessità di cure continue.

Sulla stessa linea si colloca, infine Cass. Sezione VI Civile - Ordinanza del 27.11.2014, n. 25255.

Ivi, la Corte, stabilisce espressamente che “Va osservato, in termini generali, che l’indennità di accompagnamento è una prestazione del tutto peculiare in cui l’intervento assistenziale non è indirizzato - come avviene per la pensione di inabilità - al sostentamento dei soggetti minorati nelle loro capacità di lavoro (tanto è vero che l’indennità può essere concessa anche a minori degli anni diciotto e a soggetti che, pur non essendo in grado di deambulare senza l’aiuto di un terzo, svolgano tuttavia un’attività lavorativa al di fuori del proprio domicilio) ma è rivolto principalmente a sostenere il nucleo familiare onde incoraggiare a farsi carico dei suddetti soggetti, evitando così il ricovero in istituti di cura e assistenza, con conseguente diminuzione della relativa spesa sociale”.

Anche in questo caso, si nota dunque un’enunciazione di principio che, di fatto amplia, spiega e definisce i requisiti della tutela.

Dunque, anche l’Alzheimer, di fatto, oggi, grazie anche all’interpretazione giurisprudenziale, può essere tra le patologie che legittimano la concessione dell’indennità di accompagnamento.

Laddove poi tali misura non dovesse essere concessa, è oggi possibile, con la recente riforma del codice, proporre ricorso ex articolo 445 bis c.p.c, i cui aspetti salienti, tuttavia, andrebbero affrontati in ulteriore sede, cui, eventualmente, si rimanda.

 

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto del lavoro
Vissani Michele
VIA MASSARELLI,60
62027 - San Severino Marche (MC), Marche


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Danni da fauna selvatica agli automobilisti

Imputabilità: chi risponde dei danni? Il comportamento colposo della Pubblica Amministrazione e il danno della prova

Continua

Danno da disservizio telefonico

Problematiche di ordine generale e Giurisprudenza di merito. Prova del danno. Sentenze di merito

Continua

Mobilità Scuola

1) Norme costituzionali, Famiglia <br />2) Norme costituzionali, Algoritmo <br />3) Giurisdizione. Giudice ordinario o amministrativo? <br /> 4) Competenza territoriale

Continua

Competenza Territoriale Assegnazione Provvisoria

I) Problematica essenziale per il ricorrente. <br />II) Orientamenti di Legittimità rilevanti. III) Aspetti sostanziali. <br />IV) Orientamenti di merito

Continua

Disciplina delle mansioni e inattività lavorativa

I) Riforma della disciplina delle mansioni. <br />II) Casistica. Danni da inattività lavorativa. Considerazioni. <br />III) Brevi conclusioni

Continua

Mobbing e Straining: differenze

Mobbing e Straining: differenze tracciate dalla Cassazione Civile, sezione lavoro, ordinanza 19/02/2018 n° 3977

Continua

Danni da fauna selvatica: sentenze e commenti

Responsabilità solidale degli enti. Sentenza del Giudice di Pace di Pinerolo 25 Gennaio 2018

Continua

Foodora e subordinazione

Breve analisi della subordinazione e del caso Foodora anche ai fini dei contratti che vengono sottoposti ai lavoratori

Continua

Un punto sull'algoritmo

Alcune pronunce giurisprudenziali di merito sulla questione dell'algoritmo nella mobilità scolastica e alcune brevi considerazioni

Continua

Comodato: a chi spetta la manutenzione straordinaria

Breve commento e illustrazione delle motivazioni della recente sentenza di Cassazione Sezione Prima Civile 15 marzo 14 giugno 2018 15699

Continua

Comodato familiare e recesso

Un breve commento al recente orientamento della Cassazione sul recesso al contratto di comodato familiare

Continua

Commento alla sentenza Corte Cost. 158/2018 sulla Maternità

Alcune considerazioni sull’importante recente pronuncia del Giudice delle Leggi in tema di maternità

Continua

Pensione di invalidità. A chi spetta

Pensione di invalidità. Spetta solo ai residenti in Italia. Commento a Cass. 21901/2018

Continua

Infortunio in itinere. Anche in Bicicletta

Recente pronuncia di Cassazione: l'infortunio in itinere è risarcibile anche se in bicicletta

Continua

Parificazione servizi scuola. Commento a CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Un breve commento sulla recente pronuncia CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Continua

Mobbing: finalmente è una malattia professionale tabellata

Cass. Sez. Lav. 20774/2018: il mobbing è ora malattia tabellata INAIL

Continua

Criteri di calcolo del licenziamento illegittimo a seguito dell'incostituzionalità del Jobs act

Un commento alla recente sentenza del Tribunale di Taranto sui criteri per il licenziamento

Continua

Riconoscimento dei servizi pre-ruolo

Un breve excursus giurisprudenziale su alcuni orientamenti in merito al servizio pre -ruolo

Continua

Capacità di intendere e di volere e contratto di lavoro

E' sufficiente un turbamento psichico per impedire la volontà cosciente di rassegnare le dimissioni

Continua

Accertamento tecnico preventivo in materia di invalidità civile

Un breve commento e alcune brevi considerazioni sull'articolo 445 bis cpc a completamento delle questioni sulla tutela per l'invalidità

Continua

Precariato Scolastico. Riflessioni da una sentenza di merito

Qualche considerazione in merito alla sentenza del Tribunale di Napoli Nord con la quale il MIUR è stato condannato al risarcimento nei confronti di un precario ATA

Continua

Licenziamento legittimo per condotte disdicevoli dei lavoratori nella vita privata

Il lavoratore che ha un comportamento disdicevole in orario extra lavorativo mina il rapporto di fiducia con il datore di lavoro e può essere licenziato

Continua

I limiti del diritto di critica nell’ambito del rapporto di lavoro

Il diritto di critica del dipendente nei confronti del datore di lavoro va rapportato ai criteri della pertinenza, della continenza e della riservatezza

Continua

Licenziamento, correttezza e buona fede nel rapporto di lavoro

Il licenziamento è legittimo se viene meno il rapporo di fiducia con il lavoratore anche se quest'ultimo ha generato danni di lieve entità

Continua

Risarcimento possibile per l'infortunio di un alunno in un torneo scolastico di pallamano?

Quali i presupposti del risarcimento danni a carico della scuola e del MIUR nel caso di infortunio di un alunno. Breve commento all’ordinanza di Cassazione 9983/2019

Continua

La nullità del contratto di transazione

In base al principio di conservazione del contratto, laddove il motivo non osti alla declaratoria di invalidità del contratto, lo stesso rimane valido

Continua