Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Risarcimento possibile per l'infortunio di un alunno in un torneo scolastico di pallamano?


Quali i presupposti del risarcimento danni a carico della scuola e del MIUR nel caso di infortunio di un alunno. Breve commento all’ordinanza di Cassazione 9983/2019
Risarcimento possibile per l'infortunio di un alunno in un torneo scolastico di pallamano?

I) Inquadramento della fattispecie. Articolo 2048 cod. civ. comma 2

L’articolo 2048, comma 2, cod. civ., prevede la responsabilità dei precettori e di coloro che insegnano un mestiere o un’arte per l’illecito commesso dagli allievi e apprendisti sotto la loro vigilanza.

La nozione di precettore è intesa in senso ampio.

Sono tali gli insegnanti pubblici o privati di qualsiasi ordine e rango, a prescindere dal titolo in forza del quale l’insegnamento è svolto e dalla durata in carico.

Responsabile è colui al quale il minore è affidato dai genitori per fini di istruzione.

La responsabilità ex articolo 2048 cod. civ. comma 2 si fonda su una omessa vigilanza e non concerne pertanto l’intero sistema educativo (Fratini, Manuale di diritto civile, pag. 754, NelDiritto Editore).


II) Inquadramento della fattispecie. Articolo 2050 cod. civ.

Ai sensi dell’articolo 2050 cod.civ. “chiunque cagiona danno ad altri nello svolgimento di una attività pericolosa, per sua natura o per la natura dei mezzi adoperati, è tenuto al risarcimento, se non prova di aver adottato tutte le misure idonee a evitare il danno”.

La circostanza che il legislatore faccia riferimento a una “attività” porta a ritenere che il presupposto della responsabilità in esame sia la sussistenza di un minimo di continuità di atti e predisposizione di mezzi e non il mero atto isolato, ancorché molto pericoloso.

La giurisprudenza ha, così, distinto tra pericolosità della condotta e pericolosità dell’attività in quanto tale, affermando che “la prima riguarda un’attività normalmente innocua, che assume i caratteri della pericolosità a causa della condotta imprudente o negligente dell’operatore ed è elemento costitutivo della responsabilità ai sensi dell’articolo 2043 cod. civ.; la seconda concerne un’attività che, invece, è potenzialmente dannosa di per sé per l’alta percentuale di danni che può provocare in ragione della sua natura o della tipologia dei mezzi adoperati e rappresenta una componente della responsabilità disciplinata dall’articolo 2050 cod. civ.” (C.f.r. Cass. 21 Ottobre 2005 n. 20357).

L’attività deve poi essere “pericolosa”.

L’articolo 2050 cod. civ. indica due criteri:
1. La natura dell’attività
2. La qualità dei mezzi adoperati (Fratini pag. 756, cit.).


III) Inquadramento della fattispecie. Articolo 2051 cod. civ.

L’articolo 2051 cod. civ. pone a carico del custode l’obbligo di risarcire i danni cagionati a terzi dalla res custodita, salvo il caso fortuito.

Dal punto di vista dogmatico si sono contrapposti in dottrina diversi orientamenti.
E’ stata elaborata una prima ricostruzione in termini di responsabilità per colpa presunta, legata all’idea di imprescindibilità della colpa.

Altra teoria, prevalente in giurisprudenza, rimanda a un modello di responsabilità oggettiva, alla ricerca di criteri più efficienti di riparazione del danno, orientati dalla finalità di trasferire il peso economico di un evento pregiudizievole sul soggetto che, in ultima analisi, beneficia degli effetti favorevoli discendenti dall’esercizio di una attività o dalla disponibilità di una certa cosa (Fratini, cit. pag. 758).

 

IV) Il diritto applicabile e l’interpretazione data dalla Cassazione

Qual è, dunque, il diritto applicabile nel caso in cui in un torneo di pallamano indetto dalla scuola taluno subisca un infortunio?

Lo ha stabilito la Cassazione, con l’ordinanza 9983 del 10 aprile 2019.

La vicenda può essere così sintetizzata.

I genitori dell’alunno rimasto infortunato convenivano in giudizio il MIUR e l’istituto scolastico frequentato dal proprio figlio, al fine di ottenere il risarcimento dei danni subiti in occasione di un torneo di pallamano organizzato dalla scuola.

Il ragazzo era rimasto, infatti, infortunato mentre rincorreva un avversario che gli aveva sottratto il possesso della palla senza toccarlo.

•    Poiché era emerso che la partita rientrava nella normale attività della scuola.
•    Poiché non vi era stata alcuna azione scorretta o comunque fallosa di altri giocatori.
•    Poiché la partita si era svolta sotto il controllo dell’insegnante.
•    Poiché il campo di gioco era perfettamente libero e idoneo alla partita.
•    Poiché l’insegnante aveva preventivamente istruito i giocatori.
•    Poiché concorrevano tutte queste circostanze veniva dunque escluso il risarcimento del danno (per ogni riferimento clicca qui).

Nella parte motiva dell’ordinanza summenzionata, perlopiù motivando sotto l’aspetto dell’articolo 2048 cod.civ., la Corte motivava che il danno avrebbe dovuto essere conseguenza del fatto illecito di altro studente impegnato nella gara e che la scuola avrebbe dovuto predisporre tutte le misure per evitare il danno.

Come si vede, a fronte di tutte le norme citate sopra (2048- 2050-2051 cod. civ) che presuppongono anche tipi di responsabilità diversificati tra loro, l’interpretazione creativa della giurisprudenza consente, non solo di creare diritto, anche nel caso concreto, ma, altresì, di trovare un tratto comune per escludere il nesso di causalità, ovvero il fatto illecito di altro giocatore o la predisposizione di misure per evitare il danno.

Altrimenti, qui, dove veniva praticata la pallamano, vige il rispetto delle regole sportive, desumibili anche dal regolamento del gioco della pallamano.

Laddove, dunque, tutto rientri nell’alea del gioco, nelle regole dello stesso, chiaramente è esclusa la pericolosità e, quindi, la sussistenza dei presupposti di cui all’articolo 2050 cod. civ., anche perché i giocatori, accettando le regole, consentono anche dei loro diritti.

Sentenza, dunque, molto interessante.

Creativa, come si accennava.

Da tenere in conto ogni qual volta capiti un infortunio.

 

Articolo del:



L'autore è esperto in Diritto del lavoro
Vissani Michele
VIA MASSARELLI,60
62027 - San Severino Marche (MC), Marche


L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Danni da fauna selvatica agli automobilisti

Imputabilità: chi risponde dei danni? Il comportamento colposo della Pubblica Amministrazione e il danno della prova

Continua

Danno da disservizio telefonico

Problematiche di ordine generale e Giurisprudenza di merito. Prova del danno. Sentenze di merito

Continua

Mobilità Scuola

1) Norme costituzionali, Famiglia <br />2) Norme costituzionali, Algoritmo <br />3) Giurisdizione. Giudice ordinario o amministrativo? <br /> 4) Competenza territoriale

Continua

Competenza Territoriale Assegnazione Provvisoria

I) Problematica essenziale per il ricorrente. <br />II) Orientamenti di Legittimità rilevanti. III) Aspetti sostanziali. <br />IV) Orientamenti di merito

Continua

Disciplina delle mansioni e inattività lavorativa

I) Riforma della disciplina delle mansioni. <br />II) Casistica. Danni da inattività lavorativa. Considerazioni. <br />III) Brevi conclusioni

Continua

Mobbing e Straining: differenze

Mobbing e Straining: differenze tracciate dalla Cassazione Civile, sezione lavoro, ordinanza 19/02/2018 n° 3977

Continua

Danni da fauna selvatica: sentenze e commenti

Responsabilità solidale degli enti. Sentenza del Giudice di Pace di Pinerolo 25 Gennaio 2018

Continua

Foodora e subordinazione

Breve analisi della subordinazione e del caso Foodora anche ai fini dei contratti che vengono sottoposti ai lavoratori

Continua

Un punto sull'algoritmo

Alcune pronunce giurisprudenziali di merito sulla questione dell'algoritmo nella mobilità scolastica e alcune brevi considerazioni

Continua

Comodato: a chi spetta la manutenzione straordinaria

Breve commento e illustrazione delle motivazioni della recente sentenza di Cassazione Sezione Prima Civile 15 marzo 14 giugno 2018 15699

Continua

Comodato familiare e recesso

Un breve commento al recente orientamento della Cassazione sul recesso al contratto di comodato familiare

Continua

Commento alla sentenza Corte Cost. 158/2018 sulla Maternità

Alcune considerazioni sull’importante recente pronuncia del Giudice delle Leggi in tema di maternità

Continua

Pensione di invalidità. A chi spetta

Pensione di invalidità. Spetta solo ai residenti in Italia. Commento a Cass. 21901/2018

Continua

Infortunio in itinere. Anche in Bicicletta

Recente pronuncia di Cassazione: l'infortunio in itinere è risarcibile anche se in bicicletta

Continua

Parificazione servizi scuola. Commento a CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Un breve commento sulla recente pronuncia CEDU VI Sezione 20 settembre 2018

Continua

Mobbing: finalmente è una malattia professionale tabellata

Cass. Sez. Lav. 20774/2018: il mobbing è ora malattia tabellata INAIL

Continua

Criteri di calcolo del licenziamento illegittimo a seguito dell'incostituzionalità del Jobs act

Un commento alla recente sentenza del Tribunale di Taranto sui criteri per il licenziamento

Continua

Riconoscimento dei servizi pre-ruolo

Un breve excursus giurisprudenziale su alcuni orientamenti in merito al servizio pre -ruolo

Continua

Capacità di intendere e di volere e contratto di lavoro

E' sufficiente un turbamento psichico per impedire la volontà cosciente di rassegnare le dimissioni

Continua

Indennità di accompagnamento e Alzheimer

Analisi della normativa relativa all'indennità di accompagnamento, con particolare riferimente al morbo di Alzheimer

Continua

Accertamento tecnico preventivo in materia di invalidità civile

Un breve commento e alcune brevi considerazioni sull'articolo 445 bis cpc a completamento delle questioni sulla tutela per l'invalidità

Continua

Precariato Scolastico. Riflessioni da una sentenza di merito

Qualche considerazione in merito alla sentenza del Tribunale di Napoli Nord con la quale il MIUR è stato condannato al risarcimento nei confronti di un precario ATA

Continua

Licenziamento legittimo per condotte disdicevoli dei lavoratori nella vita privata

Il lavoratore che ha un comportamento disdicevole in orario extra lavorativo mina il rapporto di fiducia con il datore di lavoro e può essere licenziato

Continua

I limiti del diritto di critica nell’ambito del rapporto di lavoro

Il diritto di critica del dipendente nei confronti del datore di lavoro va rapportato ai criteri della pertinenza, della continenza e della riservatezza

Continua

Licenziamento, correttezza e buona fede nel rapporto di lavoro

Il licenziamento è legittimo se viene meno il rapporo di fiducia con il lavoratore anche se quest'ultimo ha generato danni di lieve entità

Continua

La nullità del contratto di transazione

In base al principio di conservazione del contratto, laddove il motivo non osti alla declaratoria di invalidità del contratto, lo stesso rimane valido

Continua

Alcune problematiche legate al periodo di comporto e terapie salvavita

Questioni di costituzionalità rimesse al Giudice delle Leggi in merito alla disciplina delle terapie salvavita e la relativa tutela dei lavoratori

Continua

Il licenziamento per calo dei profitti

La giurisprudenza, a partire dal 2016, ha superato il proprio precedente orientamento in merito al licenziamento per calo dei profitti

Continua

Licenziamento ritorsivo: alcune questioni e considerazioni

Alla luce delle riforme sul contratto a tutele crescenti, una delle problematiche di maggior spessore è la questione dell’applicazione del licenziamento ritorsivo

Continua