Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Investire in PIR: situazione attuale e prospettive


Dopo la chiusura pessima del 2018 con il mercato italiano in forte discesa stiamo assistendo a un 2019 euforico dove il PIR si conferma un vantaggioso investimento
Investire in PIR: situazione attuale e prospettive

Dopo la chiusura pessima del 2018 con il mercato italiano in forte discesa stiamo assistendo ad un 2019 euforico.

Da una parte è trascinato all’insù dalla straordinaria ripresa dei mercati globali, e dall’altra c’è un risvolto positivo derivante dagli atti del Governo.

Come pensavo, l’ultimo intervento di Mario Draghi ha dato il là ad una forte ripresa dei mercati europei ed italiano insieme ad essi. Il fatto di promettere nuova liquidità e, se necessario, un nuovo QE è stato davvero un’iniezione di benzina nel motore delle Borse europee e questo ha fatto sì che il famoso e vituperato spread tra BTP e Bund tedeschi sia sceso sotto i 250 punti, dando ossigeno all’economia italiana.

Un’ulteriore spinta è derivata dalla manovra correttiva concordata con la UE. I risparmi di spesa approvati dal Governo italiano portano ad evitare la procedura d’infrazione e il patto di non sforare il deficit oltre l’1.9% neanche dopo la finanziaria del 2019, ha fatto crescere i mercati italiani di oltre il 3% negli ultimi due gg, con un crollo dello spread sotto i 200 con ulteriori risparmi di spesa per interessi.

A questo punto il mercato italiano ha recuperato i valori persi nella seconda metà dell’anno ed è immaginabile una spinta più forte di quella cui stiamo assistendo finora.

In tutto ciò i fondi PIR da me collocati continuano a correre e hanno rimesso a posto le quotazioni. In particolare, i rendimenti hanno raggiunto tra il 16% e il 18% da inizio anno per i fondi da me collocati in prevalenza.

Nei mesi scorsi, vedendo la ripresa del mercato italiano avevo sollecitato la prosecuzione negli investimenti nei fondi PIR perché intravedevo la possibilità di comprare “bassi” (come si dice nel gergo finanziario), ma ancora di più con la prevedibile ripresa dell’economia italiana e con le rasserenate condizioni delle Borse sembra ancora più interessante dare fiducia al mercato delle PMI italiane rappresentate nei fondi PIR.

Voglio ricordare che è possibile investire fino a 30 mila euro l’anno nei fondi PIR di prima generazione e ottenere la detassazione totale del capital gain dopo 5 anni di detenzione dell’investimento.

La reattività dei fondi scelti mi lascia tranquillo nel considerare la buona riuscita di questi investimenti, così come un Governo che finalmente sembra aver messo la testa a posto per quanto riguarda la contabilità finanziaria può aiutare molto a far crescere le quotazioni.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Piani Individuali di Risparmio - PIR

Piani individuali di Risparmio. Cosa sono? Quali sono i vantaggi?

Continua

Macrotrend

Andamento dei mercati e consigli su come orientarsi in momenti di nervosismo come quello che stiamo vivendo in questo inizio 2018

Continua

Asset Allocation: strategie di allocazione

Asset Allocation significa diversificare per limitare i rischi; come e perchè?

Continua

ESG - Enviromental, social and governance

ESG - Enviromental, social and governance: l’acronimo che è diventato uno standard per definire l’approccio sostenibile agli investimenti

Continua

Salone del Risparmio 2018

Idee e strategie per il 2018

Continua

Mercato italiano e Pir

Analisi del primo quadrimestre della Borsa italiana e dei fondi Pir

Continua

Sell in may and go away?

Mercati in ripresa e previsioni più ottimistiche per l'estate finanziaria

Continua

Le incognite politiche e la volatilità della borsa

Caos politico e borse nervose: Italia e Spagna sull'otto volante

Continua

Long Term Care: assicurazione cure a lungo termine

Per chi ha la necessità di una assistenza h 24 per tutto quello che concerne le funzioni di base come mangiare, muoversi o lavarsi

Continua

1° Semestre in borsa: ritorna la volatilità

Il primo semestre 2018 si caratterizza per la volatilità dei mercati

Continua

Ultimo quarter dell'anno: la ripresa ci sarà?

Un'estate altalenante sui mercati: la politica degli "annunci" non paga!

Continua

Disruption, la rivoluzione digitale

Nel mondo della Finanza si sta assistendo ad una vera e propria rivoluzione digitale

Continua

Fine anno: prove di rimbalzo

Le elezioni di Mid Term in America potrebbero aiutare il rimbalzo delle borse

Continua

Finanza, il 2019 registra un buon inizio!

Il 2019 inizia bene con fondamentali in ordine, ma sempre sotto la spada di Damocle delle decisioni

Continua

Borse: il miglior gennaio dal 1987!

Per gli amanti delle statistiche è un ottimo auspicio poiché 9 volte su 10 quando gennaio si chiude bene poi l’annata intera sarà positiva

Continua

Tra tweets e dazi: marzo mese decisivo per le borse

Gli accordi commerciali USA/Cina tengono le borse sul filo

Continua

Ambiente e Finanza: i fondi tematici e lo sviluppo sostenibile

I 17 Sustainable Development Goals che compongono l’Agenda 2030 si riferiscono a diversi ambiti dello sviluppo sociale, economico e ambientale

Continua

Expert Investors in Europe: un meeting illuminante!

Come agire, analizzare e gestire il risparmio in un'ottica di customer satisfaction

Continua

Tassi d'interesse ed espansione: gli ultimi mesi di Draghi alla BCE

I mercati temono sostanzialmente due cose: la recessione e la diminuzione della liquidità nei mercati finanziari

Continua