Richiedi una consulenza in studio gratuita!

IRPEF, è possibile azzerarla? Sì, investendo in start up


Investendo in start up innovative è possibile ottenere una detrazione di imposta, oltre a realizzare una plusvalenza esente da tassazione
IRPEF, è possibile azzerarla? Sì, investendo in start up

Quello che in apparenza sembrerebbe un titolo “acchiappa click” non è altro che un semplice ragionamento che qualsiasi persona lungimirante può compiere. Il meccanismo è molto semplice.

L’investimento in start up innovative ha tra i suoi benefici la possibilità di ottenere una detrazione di imposta, calcolata in base ad una specifica percentuale che varia a seconda dei casi.

In cosa consiste la detrazione? La detrazione, a differenza della deduzione, ha il compito di abbattere letteralmente l’importo dell’Irpef dovuto dai contribuenti. Così facendo, è possibile arrivare ad azzerare completamente l’Irpef dovuta e contestualmente detenere una partecipazione di valore in una start up. Ma è così semplice come sembra? Andiamo con ordine.

 

Perchè è possibile abbattere l’IRPEF investendo in Start up?

Partiamo dal principio. Le Start Up Innovative sono state introdotte dal Legislatore nel 2012 con il D.L. 179/2012. Qual è la caratteristica che le contraddistinguono? Fin dal principio, il presupposto fondamentale che le società di capitali devono possedere per essere etichettate come tali consisteva nello sviluppo, la produzione e/o la realizzazione di prodotti e/o servizi innovativi ad alto contenuto tecnologico (tralasciamo in questa sede l’elenco degli altri requisiti per ottenere lo status e i benefici delle start up e vi rimandiamo ad un nostro precedente contributo qualora vogliate approfondire).

L’allora Ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera introdusse a favore degli investimenti nei confronti di questo tipo di realtà, una prima detrazione fiscale che si assestava al 19%. L’obiettivo dello Stato era palese: incentivare il più possibile gli investimenti nei confronti di tutte le realtà in grado di produrre innovazione.

In altre parole, lo Stato mirava a sostenere il progresso tecnologico dell’Italia attraverso la crescita di realtà imprenditoriali che avrebbero costantemente investito in ricerca, sviluppo, digitalizzazione e tecnologia.

Successivamente l’agevolazione venne aumentata al 30% nel 2017, per poi salire al 40% solo due anni dopo. Infine, con l’art. 38 del D. L. n. 34/2020, è stata affiancata un ulteriore ipotesi alla percentuale di agevolazione prevista dall’originario D.L. 179/2012. In quest’ultimo caso è possibile, infatti, ottenere una detrazione Irpef pari al 50% della somma investita nel capitale sociale di start up innovative.

La fruizione della detrazione Irpef può avvenire nell’anno di imposta in cui viene effettuato l’investimento e fino ai due anni successivi. Inoltre, per poter usufruire della detrazione è necessario che i soci mantengano il loro investimento nella start up per 3 anni consecutivi. In pratica, non devono cedere le quote per tre anni.

 

Le Start up nell'anno della pandemia

Nell’anno del Covid, le Startup innovative hanno registrato un numero di 2.006 nuove aziende contro le 1701 nel 2019; pariamo di un tasso di crescita complessivo del 18%. Tale crescita si assesta sopra 5 punti alla dinamica complessiva delle nuove registrazioni in tutti gli altri i settori (+13,3%). A livello geografico a primeggiare è la Lombardia con una quota del 29,5 per cento. Seguono Lazio (13,5%), Campania (8%), Veneto (7,3%); poi Emilia-Romagna (7,1%), Piemonte (5,9%) e Puglia (4,6%). Entrando nel merito dell’analisi riportata da ilsole24ore.com quasi una su 5 sono imprese fondate da under-35. La speranza è che nonostante le recenti novità in merito alle modalità di costituzione, il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza agevoli il trend positivo manifestato in un anno nefasto come quello della pandemia.

Fatta questa doverosa premessa, procediamo con un esempio numerico per verificare come un investimento in una start up innovativa possa abbattere l’Irpef dovuta dalle persone fisiche.

In un’ottica prudenziale, nel nostro esempio considereremo come percentuale di detrazione quella del 30%. La neo percentuale del 50 possiede, infatti, dei requisiti leggermente differenti che non approfonderemo in questa sede.

Consideriamo, quindi, un contribuente con un reddito imponibile di 30.000 euro. Quest’ultimo dovrebbe pagare un’ Irpef lorda di 7.720 euro che si riduce a 3.600 euro di Irpef netta a seguito delle varie deduzioni e detrazioni. Se il nostro contribuente investisse 12.000 euro nel capitale sociale di una Start Up, beneficerebbe di una detrazione fiscale del 30% sui 12.000 investiti. In parole povere, parliamo di 3.600 euro che andrebbero ad abbattere immediatamente l’Irpef da lui dovuta allo Stato.

 

Una volta investito nel capitale di una Start up, cosa posso fare?

Una volta effettuato l’investimento, il nostro contribuente si troverebbe proprietario di una partecipazione in una società di capitali, nel nostro caso una start up innovativa. Come abbiamo detto, queste realtà investono costantemente in innovazione e sviluppo, e sono caratterizzate da tassi di crescita spesso a doppia cifra. E’ facilmente intuibile come il valore dell’investimento in questo tipo di realtà possa apportare un ulteriore beneficio economico. Se dopo 3 anni dall’iniziale investimento la propria partecipazione è aumentata di valore, è possibile seguire due vie. La prima, prevede la cessione a terzi della propria quota, realizzando una plusvalenza che, con il Decreto Sostegni bis si prevede sia esente da tassazione. Per poter cedere la propria partecipazione è sufficiente sfruttare le piattaforme ad hoc oppure rivolgersi al nostro studio. I nostri consulenti sapranno mettervi in contatto con potenziali acquirenti ed assistervi fino alla redazione del vero e proprio atto di cessione di quote.

La seconda via praticabile prevede il recesso della società: in questo caso il valore della partecipazione deve per forza di cose essere aggiornato al valore di mercato al momento della manifestazione della volontà di recedere.

 

Detrazione Irpef per investimenti in Start up: consclusioni

Abbiamo visto come investendo in un Start up innovativa sia possibile abbattere l’Irpef. E in certi casi, in aggiunta al beneficio fiscale iniziale derivante dalla percentuale di detrazione, sussiste altresì un potenziale beneficio fiscale futuro dato dall’esenzione dell’eventuale plusvalenza.

Concludendo, è doveroso rammentare alcuni ultimi aspetti fondamentali. 

Primo aspetto: investire nel capitale di una Start up si è rivelato storicamente molto rischioso. Start Up non è sempre sinonimo di alto rendimento, e qualora lo diventasse equivarrebbe ad associare un profilo di rischio al proprio investimento molto alto.

Questa considerazione ci porta inevitabilmente a valutare un secondo aspetto. Non è sufficiente che l’idea imprenditoriale sia innovativa per essere sostenibile. Prima di valutare il profilo tecnologico dell’idea di business, è vitale essere affiancati da un professionista che supporti il potenziale investitore nel valutare l’azienda target sotto i profili qualitativi e quantitativi.

Terzo aspetto cardine: prima di effettuare l’investimento è fondamentale consultare un dottore commercialista per verificare la propria situazione personale e l’effettiva possibilità di beneficiare delle detrazioni Irpef di cui abbiamo parlato. Per questi e altri motivi vi invitiamo a contattare il nostro studio o visitare il nostro sito www.studiobrega.it

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Bonus 2021: credito d'imposta al 50% per i beni strumentali

Tra i bonus 2021 inseriti nella neo nata Legge di Bilancio 2021, troviamo il potenziamento del credito di imposta per i beni strumentali, la cosiddetta "Industria 4.0"

Continua

Auto aziendale assegnata ai dipendenti: le ultime novità

Ecco quali sono le novità relative alla fiscalità dell'auto aziendale assegnata ai dipendenti

Continua

Assumere dipendenti 2021: risparmio fino a 6 mila euro annui

La neo nata Legge di Bilancio 2021 ha introdotto esoneri contributivi a carico dei datori di lavoro. Vediamo di cosa si tratta

Continua

Superbonus 110%: conviene cedere il credito alle banche?

E' una delle domande che ci pongono più spesso i nostri clienti: conviene cedere il credito alla banche? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Superbonus 110% e cessione del credito: 3 esempi per capire quando conviene

La cessione del credito da superbonus è sempre convenente? E a che condizioni? Abbiamo ipotizzato 3 differenti casi per comprendere al meglio

Continua

Start up innovativa: come si costituisce con pochi euro

Cos'è una start up? Come posso crearne una? La mia azienda può essere definita una start up? Proviamo a fare chiarezza

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

L'investimento in ricerca e sviluppo permette di ottenere un cospicuo credito di imposta. Un'opportunità molto interessante per gli imprenditori.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Uno degli ultimi strumenti utili ad ottenere finanziamenti agevolati. Vediamo nel dettaglio di cosa si tratta

Continua

Ricerca e sviluppo: bonus investimento fino al 45%

La legge di bilancio 2021 proroga fino al 31/12/22 e potenzia il bonus ricerca e sviluppo.

Continua

Finanza agevolata: come ottenerla in soli 3 giorni

Nello Studio Brega abbiamo sempre dedicato ampio spazio alla finanza agevolata, tematica diventata sempre più centrale per tutti gli imprenditori

Continua

Superbonus e sconto in fattura: è possibile fare i lavori gratis?

Superbonus 110%, tre vie per il recupero. Dichiarazione dei redditi, cessione del credito o sconto in fattura

Continua

Regime forfettario, addio definitivo alla Flat Tax?

Nel 2020 oltre 215 mila persone hanno aderito al regime forfettario. Quale sarà il futuro per questo particolare regime agevolato?

Continua

Beni strumentali e industria 4.0: tax planning fondamentale

La Legge di Bilancio 2021 ha potenziato il premio fiscale per gli acquisti di beni strumentali. Vediamo nel dettaglio a quanto ammonta l'agevolazione.

Continua

Comprare bitcoin: come comportarsi con il fisco?

Abbiamo appurato come il mondo di internet abbia rivoluzionato i mercati finanziari. Oggi comprare bitcoin è diventata un’operazione quasi ordinaria. Vediamo però come

Continua

Bonus 110%: è possibile cedere il credito a parenti e amici?

In merito alla cessione del bonus 110 %, l’A.E. chiarisce una questione di non poca importanza. E’ possibile cedere il credito d’imposta ad amici e parenti?

Continua

Smart working e zero tasse? Si può, ma non in Italia

Diversi Stati si stanno organizzando per attirare nel proprio territorio tutti i lavoratori in smart working a colpi di agevolazioni fiscali

Continua

Cessione credito 110: cosa fare prima di scegliere la banca

Nell'ambito della cessione credito 110 vediamo cosa fare prima di scegliere la banca

Continua

18app: come ottenere il bonus cultura di 500 euro

In questo articolo vediamo come ottenere il bonus cultura di 500 euro attraverso 18app

Continua

Contributo a fondo perduto per imprese al femminile

Arriva il contributo a fondo perduto per incentivare la creazione di imprese a partecipazione giovanile o femminile

Continua

Bonus 110% con abusi edilizi, è possibile sfruttarlo?

In questo articolo analizziamo gli abusi edlizi in relazione al bonus 110%

Continua

Riscatto laurea: conviene veramente?

Un 30enne, che inizia a lavorare oggi nel settore privato, cosa deve aspettarsi in termini di trattamento pensionistico? Lo rivela uno studio di Moneyfarm

Continua

730, allarme pagamenti in contanti: quali sono le novità?

In questo articolo analizziamo le novità relative al modello 730

Continua

Mutuo prima casa giovani e Sostegni bis: le novità

Vediamo quali sono tutte le novità previste dal Decreto Sostegni Bis in cui rientrano anche gli aiuti per consentire ai giovani under 36 di acquistare la prima casa

Continua

Start up: ecco gli ultimi incentivi e contributi a fondo perduto

Parliamo oggi degli ultimi incentivi e contributi a fondo perduto dedicati al mondo delle start up

Continua

Detrazioni fiscali Start Up: come sfruttarle al massimo

E' opportuno che gli investitori valutino attentamente se ricorrere all’incentivo del 30% o all’incentivo del 50%

Continua

Commissioni pagamenti POS: come recuperare il 100%

Per le commissioni addebitate agli esercenti in relazione ai pagamenti elettronici ricevuti dai privati spetta un credito d’imposta del 100%

Continua

Agevolazioni prima casa under 36: quali sono le trappole?

Alcuni punti del bonus casa under 36 sono ancora da chiarire e potrebbero causare non poche perplessità

Continua

Agevolazioni start up: quando posso detrarre il 50% dell'investimento?

Ma come è possibile investire e sfruttare al massimo le agevolazioni previste per le start up? A quanto ammontano le agevolazioni?

Continua