Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Iva indetraibile su fatture ‘17 registrate nel ‘18


Se non registrate entro dicembre, le fatture del 2017 consentiranno il recupero dell’Iva solo nella dichiarazione annuale e non oltre il 30.4.2018
Iva indetraibile su fatture ‘17 registrate nel ‘18
Il D.L. n. 50/2017 - Manovra Correttiva 2017 ha modificato sensibilmente i termini e le condizioni della detraibilità dell’Iva sulle fatture di acquisto. In particolare, l’art. 2 della Manovra ha modificato l’art. 19 della legge Iva riducendo sensibilmente - da due anni a soli quattro mesi - il termine entro il quale l’Iva può essere detratta. Rimane immutato il principio per cui il diritto di detrazione IVA sorge al momento in cui l’imposta diviene esigibile, che corrisponde al momento in cui ha origine il corrispondente debito d’imposta a carico del fornitore, vale a dire il momento in cui l’operazione si considera effettuata (di regola, la consegna o spedizione per la vendita di merci), da cui decorre tale ridotto termine.

Di rilievo è anche l’ulteriore modifica apportata dall’art. 2 della Manovra all’art. 19 della Legge Iva, che ora così dispone: "il diritto alla detrazione dell’imposta relativa ai beni e servizi acquistati sorge nel momento in cui l’imposta diviene esigibile ed è esercitato al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto è sorto ed alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo".

Poiché è opinione comune (sebbene il sottoscritto non sia d'accordo) che l’imposta sugli acquisti sia ora detraibile solo nell’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto, cioè nell’anno in cui l’operazione di compravendita si è perfezionata (e non nell’anno in cui la relativa fattura è stata registrata nei libri Iva), ne consegue ad esempio che per gli acquisti di dicembre è necessario registrare la fattura nel mese di dicembre stesso onde poter recuperare immediatamente l’Iva, che non sarà deducibile dalle liquidazioni dei primi mesi del 2018 qualora venisse registrata in essi. Se la fattura venisse registrata nel 2018, ci si chiede come si dovrà fare a recuperare successivamente, nella dichiarazione Iva relativa al 2017, l’Iva non detratta nel 2018: sul punto vi sono molte incertezze e si attendono chiarimenti dall’Agenzia delle Entrate, che si auspica vengano forniti tempestivamente (ma, al momento, non vi è certezza al riguardo).

Non si deve dimenticare, a tal fine, che la disciplina dell’esercizio del diritto alle detrazioni IVA è regolata, oltre che dall’art. 19, anche dall’art. 25, comma 1, del D.P.R. n. 633/1972; e, a livello comunitario, dagli articoli 168 e 178 della direttiva UE n. 112/2006.

Il predetto art. 2 della Manovra ha modificato anche l’art. 25, che riguarda i termini di registrazione nel "libro Iva acquisti" delle fatture dei fornitori, prevedendo che i documenti d’acquisto debbano essere registrati "in apposito registro anteriormente alla liquidazione periodica nella quale è esercitato il diritto alla detrazione della relativa imposta e comunque entro il termine di presentazione della dichiarazione annuale relativa all’anno di ricezione della fattura e con riferimento al medesimo anno".

Circolano oggi varie ipotesi circa gli adempimenti formali da eseguire per poter recuperare l’Iva sulle fatture relative a operazioni eseguite nel 2017 le cui fatture non siano state registrate in tale anno. Si ripete, non vi è chiarezza al riguardo e, comunque, rispetto al passato l’applicazione della norma genera un aggravio finanziario, rinviando al successivo momento della presentazione della dichiarazione Iva, anziché al momento della registrazione contabile, la detrazione dell’imposta.

Si raccomanda quindi di registrare tempestivamente le fatture relative alle operazioni di acquisto conclusesi nel 2017. In particolare, è opportuno che le fatture ricevute nel mese di dicembre siano registrate in tale mese. Per le fatture ricevute nei primi 15 giorni di gennaio, ci si chiede che interpretazione pratica debba essere data all’inciso della nuova norma che dispone che la registrazione debba avvenire "anteriormente alla liquidazione periodica nella quale è esercitato il diritto alla detrazione": poiché la liquidazione di dicembre è effettuata entro il 16 gennaio, pare dedursi il diritto di recuperare in dicembre la relativa imposta.
Per le operazioni 2017 per le quali non si sia in grado di recuperare l’Iva nella liquidazione di dicembre, si raccomanda di tenerne conto nella dichiarazione annuale Iva per il 2017, il cui termine scade il 30.4.2018 e coincide col termine ultimo per l’esercizio del diritto di detrazione dell’Iva, per quanto detto in apertura del presente articolo.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Novità fiscali per società di persone e imprese

La legge 232/2016 ha introdotto rilevanti novità per la tassazione di società di persone e imprese, consentendo opzioni che vanno prontamente valutate

Continua

2017: contabilità semplificate tassate per cassa

Dal 2017 le imprese e società in contabilità semplificata verranno tassate su incassi e pagamenti effettivi e non più "per competenza"

Continua

Sanzioni alla metà per chi non fa uso del contante

Anche per il 2017 è in vigore la norma che prevede la riduzione alla metà delle sanzioni tributarie a chi non fa alcun uso di contante

Continua

Aboliti alcuni adempimenti fiscali, eccone altri

Il 2017 vede l’abolizione di alcuni adempimenti fiscali per società e imprese e, per contro, la nascita di nuovi obblighi dichiarativi

Continua

IVA: dichiarazioni di intento da rifare a febbraio

Cessano di aver valore col 28 febbraio le dichiarazioni degli esportatori abituali che prevedono la non applicazione dell’Iva per un periodo temporale

Continua

Amministratori: prestazioni gratuite con cautela

Sempre più frequentemente l’Agenzia delle Entrate presume compensi agli amministratori di società che prestano gratuitamente la propria opera

Continua

Contrordine: risorgono i modelli Intra 2 acquisti

È in fase di reintroduzione, con effetto da oggi, l’obbligo di presentazione degli Intra 2 relativi agli acquisti intracomunitari, da poco abolito

Continua

Entro oggi le domande per il “credito vigilanza”

La legge 208/2015 ha concesso un credito di imposta per le spese personali del 2016 per i servizi di vigilanza e gli impianti di videosorveglianza

Continua

Al 10 aprile la presentazione dello “spesometro”

Scade il 10 aprile il termine per la presentazione dello “spesometro” relativo al 2016 per i contribuenti con liquidazioni mensili dell’Iva

Continua

Bingo! “credito vigilanza” al 100%

L’Agenzia delle Entrate ha determinato la misura del credito di imposta ex legge 208/2015 per spese di vigilanza in importo pari alle spese sostenute

Continua

Dal 2016 contabilizzazione dei “derivati” obbligatoria

L’adozione, dal 2016, dei Principi Contabili Internazionali rende obbligatori complessi calcoli per contabilizzare i contratti derivati

Continua

F24: stop alle compensazioni con Home Banking

Nuove norme per le compensazioni in F24 e soglia ridotta per il visto di conformità; nuove forme tecniche per spedire le liquidazioni trimestrali

Continua

Franchigia doppia per donazioni e successioni

La Cassazione ha chiarito che le donazioni fatte in vita dal de cuius non riducono la franchigia riconosciuta agli eredi per l’imposta di successione

Continua