Richiedi una consulenza in studio gratuita!

L'Agente della riscossione risponde in solido con l’Ente creditore


In caso di nullità della cartella, l’AdE Riscossione risponde in solido per le spese processuali
L'Agente della riscossione risponde in solido con l’Ente creditore

 

La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 809 del 15 gennaio 2018, si è pronunciata su un delicato tema, ossia quello della solidarietà delle spese di lite tra Amministrazione ed Esattore.


Nello specifico, i Giudici di Piazza Cavour hanno affermato che: “Anche quando l'impugnazione sia riconducibile al vizio del credito presupposto, l'esattore deve rispondere delle spese processuali nei confronti dell'opponente vittorioso, in base al principio di causalità, che informa quello della soccombenza, perché comunque la lite trae origine dalla notificazione della cartella di pagamento, sebbene eseguita dall'esattore in esecuzione del rapporto che ha ad oggetto il servizio di riscossione e tenendo, peraltro, conto che l'esattore, proprio perché ha una generale legittimazione passiva nelle controversie aventi ad oggetto la riscossione delle somme di cui è incaricato, ai sensi dell'art. 39 D.lgs. n. 112/1999 deve rispondere dell'esito della lite pure con riguardo alle spese processuali”.


Tale importante pronuncia trae origine dalla vicenda di un contribuente il quale proponeva ricorso avverso una sentenza emessa dalla Commissione Tributaria Regionale del Lazio; quest’ultima, infatti, provvedeva ad annullare una cartella di pagamento relativa ad un credito prescritto senza, però, riconoscere il pagamento delle spese di giudizio.


La corte di Cassazione ha evidenziato che le spese di lite vanno poste, in solido tra loro, a carico dell’Ente titolare del credito e dell’Ente di riscossione, che siano stati convenuti insieme dal contribuente, essendo entrambi soccombenti rispetto all’opponente, in base al principio di causalità.


Avvocato Giulio Costanzo

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Contagio da HIV: prescrizione del diritto al risarcimento dei danni

La Cassazione interviene in materia di prescrizione del risarcimento dei danni da emotrasfusioni

Continua

Responsabilità del medico: condotta colposa innanzi a sintomi aspecifici

La Cassazione interviene nuovamente in materia di responsabilità del medico

Continua

La Cassazione interviene in materia di risarcimento del danno da morte al convivente more uxorio

Il risarcimento del danno spetta anche nell’ipotesi di morte del convivente more uxorio

Continua

Danni provocati da un bene destinato al culto: chi risarcisce?

La Corte di Cassazione interviene in materia di danni ex art. 2051 c.c. provocati da un bene destinato al culto

Continua

Quando la condotta dell’avvocato è disciplinarmente sanzionabile?

È legittima la sanzione della sospensione per l’avvocato che fa riferimento ad una proposta transattiva non corrispondente alla realtà

Continua

Efficacia probatoria delle riproduzioni informatiche ex art. 2712 c.c.

La Cassazione ribadisce i principi in materia di efficacia probatoria delle riproduzioni informatiche e delle corrette modalità di disconoscimento delle stesse

Continua

Risarcimento danni da riduzione o perdita della capacità lavorativa

Dovrà essere risarcito per la perdita o riduzione della capacità lavorativa anche colui che non ha un lavoro

Continua

Appalto e vizi dell'opera, gravi difetti anche su elementi secondari e accessori

Sono gravi difetti dell'opera, rilevanti ai fini dell'art. 1669 c.c., anche quelli che riguardino elementi secondari e accessori

Continua

Insussistenza del concorso di colpa per rifiuto di trattamento medico

Ai sensi del comma 2 dell’art. 32 della Costituzione “Nessuno può essere obbligato ad un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge"

Continua

Risarcimento danni verso Bankitalia e Consob, competenza del giudice ordinario

Le controversie relative al risarcimento danni promosse dagli investitori nei confronti di Bankitalia e Consob sono devolute alla giurisdizione del giudice ordinario

Continua