Richiedi una consulenza in studio gratuita!

L'amministrazione di sostegno: funzioni e ruolo


L'amministrazione di sostegno è quell'istituto flessibile che ha il nobile obiettivo di valorizzare l'autodeterminazione del singolo, affiancandolo nel quotidiano
L'amministrazione di sostegno: funzioni e ruolo

La Legge n. 6 del 9 gennaio 2004 ha introdotto nel nostro ordinamento giuridico la figura dell’amministratore di sostegno (regolata dagli artt. 404 e ss. c.c.), affiancandolo agli istituti tradizionali già presenti a tutela delle persone con ridotta capacità di agire, l’interdizione e l’inabilitazione.

A differenza di queste preesistenti tutele, l’amministrazione di sostegno è concepita per soggetti aventi menomazioni fisiche o psichiche che rendano impossibile agli stessi provvedere autonomamente alla determinazione dei propri interessi, ma non totalmente incapaci, come invece sono gli interdetti (che sono completamente sostituiti dal tutore), ovvero gli inabilitati per legge, che conservano limitate capacità di agire.

Nel concreto, l’amministratore di sostegno ha compiti di assistenza, sostenimento e rappresentanza di chi è impossibilitato, in maniera parziale o totale, a provvedere autonomamente ai normali adempimenti quotidiani.

Il Giudice Tutelare nomina l’amministratore e quest’ultimo provvede ad esercitare i propri poteri successivamente al giuramento, da rendere innanzi al Giudice, nel quale si obbliga ad operare secondo fedeltà e diligenza.

Si tratta di uno strumento estremamente flessibile, modulabile secondo le esigenze concrete dell’amministrato, teso a sostenere la capacità residua del soggetto debole, valorizzando il principio di autodeterminazione dello stesso e non necessariamente sostituendosi totalmente a lui.

La categoria dei soggetti a favore dei quali è stata disposta tale misura è ampia e ricomprende, a titolo esemplificativo, persone affette da infermità mentali e menomazioni psichiche come demenze, patologie psichiatriche, ritardo mentale, sindrome di down, autismo, malattie degenerative, ictus, così come situazioni di abuso di sostanze stupefacenti e alcooldipendenza, prodigalità, shopping compulsivo, ludopatia, tutte situazioni che, evidentemente, rendono i soggetti parzialmente o totalmente incapaci di autodeterminarsi (non si intende tacere del fatto che, a volte, è estremamente sottile la linea di demarcazione tra l’ambito di applicazione dell’istituto in esame rispetto a quello dell’interdizione).

Secondo gli artt. 406 e 417 c.c. il procedimento può essere promosso, oltre che dal Pubblico Ministero, da coniuge (unito civilmente e convivente) e dai parenti del soggetto, dal tutore dell’interdetto e dal curatore dell’inabilitato e, ovviamente, dallo stesso beneficiario della misura.

Al PM potranno pervenire segnalazioni ad opera, per esempio, dei responsabili dei servizi sanitari e sociali impegnati nella cura ed assistenza dei soggetti beneficiari della misura, qualora a conoscenza di fatti che giustifichino l’avvio della procedura stessa.

Il Giudice Tutelare, ai sensi dell’art. 407 c.c., deve sentire personalmente, ove possibile, la persona a favore della quale è stata instaurata la procedura e tutti i soggetti indicati dalla disciplina dell’istituto; dispone di ampi poteri istruttori e provvede ad ogni accertamento medico che sia opportuno, oltre a poter disporre, specificamente, consulenze tecniche in ordine alle capacità del beneficiario.

Il provvedimento conclusivo del procedimento è il decreto immediatamente esecutivo, nel quale vengono eventualmente specificati quali atti richiedono la sola assistenza dell’amministratore e quali invece necessitino la rappresentanza esclusiva dello stesso verso i terzi, a seconda del grado di residua capacità del beneficiario.

Nei casi di urgenza indifferibile, il Giudice può provvedere anche inaudita altera parte, nominando un amministratore provvisorio e disponendo i provvedimenti necessari per la conservazione e amministrazione del patrimonio del soggetto debole destinatario della misura di cura e tutela.

Nella maggioranza dei casi, si precisa che il Giudice confermerà l’amministratore che viene designato già nel ricorso dallo stesso beneficiario, qualora capace di effettuare personalmente tale scelta, ovvero dai ricorrenti, usualmente parenti del beneficiario. In mancanza di specifica designazione, ovvero in presenza di gravi motivi, il Giudice potrà scegliere uno dei soggetti indicati dalla norma, aventi un legame di parentela con il beneficiario, oppure attingere dall’elenco apposito (istituito presso ciascun Ufficio giudiziario) formato da professionisti in materie giuridiche ed economiche.

L’amministratore collabora, quindi, con il proprio amministrato e, periodicamente, rendiconta il Giudice in merito alla propria attività.

A fini esemplificativi, si specifica che l’amministratore, nell’ambito del proprio incarico, potrà compiere atti relativi sia al patrimonio del beneficiario (gestione di stipendi, pensioni, investimenti, beni immobili) sia relativi alla sua persona (esprimere il consenso informato in ambito medico, scegliere di avviare percorsi psicoterapici, gestire la ricerca di un’occupazione lavorativa).

 

Lo Studio DMLex, nell'ambito della tutela dei diritti alla persona, ha aperto un apposito settore dedicato alle Amministrazioni di Sostegno.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Separazione di fatto e separazione legale: quale differenza?

Solo la separazione legale - consensuale o giudiziale - ha efficacia giuridica e ciò la distingue dalla separazione di fatto

Continua

I vantaggi di una separazione e di un divorzio congiunto

Procedura più snella, spese contenute, mantenimento dei rapporti interfamiliari: ecco le ragioni per preferire un accordo di separazione e di divorzio

Continua

Come quantificare il mantenimento pro (ex) coniuge e figli?

Tra gli elementi che influiscono sulla misura del mantenimento v'è l'assegnazione della casa familiare. Esempi pratici per comprendere meglio l'istituto

Continua

Convivenza e unione civile, differenze e tutele

Accanto alla famiglia tradizionale fondata sul matrimonio, si affermano sempre più le convivenze e le unioni civili. Il ruolo fondamentale del legale in questo ambito

Continua

Ai diritti dei bambini corrispondono i doveri dei genitori

Tutelare il superiore interesse del minore significa anche non esporlo ai conflitti tra genitori

Continua

Il fondo patrimoniale: cassaforte del patrimonio della famiglia

Il fondo patrimoniale, se usato propriamente, può assicurare risorse ai bisogni della famiglia

Continua

Tutti possono guardare al futuro con più ottimismo!

La legge sul dopo di noi, mediante la regolamentazione del trust, ha introdotto tutele a favore dei disabili

Continua

Il testamento: tutela dell’individuo e della sua volontà

Il testamento è l’atto che contiene le disposizioni di ultima volontà. Per questo va redatto come prescrive la legge

Continua

Infortuni sul lavoro e inosservanza delle misure di sicurezza

La mancata attuazione delle misure di sicurezza e il conseguente infortunio sul lavoro espongono il datore di lavoro inadempiente a una responsabilità civile e penale

Continua

Fondo di Garanzia Inps, recupero dei crediti nei rapporti di lavoro

Tra gli istituti a tutela del lavoratore, il Fondo di Garanzia Inps ha un ruolo decisivo in caso di fallimento del datore di lavoro

Continua

Licenziamento, conoscere l'istituto per una maggiore tutela

Il licenziamento per giusta causa e il licenziamento per giustificato motivo oggettivo. Quali tutele per il datore di lavoro e per il lavoratore

Continua

Il mobbing: caratteristiche, risvolti procedurali e risarcitori

Il mobbing, nelle sue varie accezioni (verticale/orizzontale, straining), implica un comportamento, reiterato, che incide sulla salute psichica del lavoratore

Continua

Il procedimento disciplinare per lavoratore e datore di lavoro

Il procedimento disciplinare: dalla contestazione all'(eventuale) irrogazione della sanzione

Continua

Il Coronavirus e gli effetti sui contratti già stipulati

Le limitazioni imposte dal Governo per fronteggiare l’emergenza sanitaria da Covit-19 quali causa di risoluzione dei contratti per impossibilità sopravvenuta

Continua

Covid-19: tutela del diritto di visita di genitori separati/divorziati

Resta inalterato il diritto di visita dei figli, trattandosi di spostamento necessario rientrante tra le situazioni di necessità

Continua

Gli effetti del Coronavirus sui contratti di locazione

Sospensione/riduzione dei canoni di locazione per immobili sia ad uso abitativo sia ad uso commerciale. Cenni agli studenti universitari, lavoratori emigrati e negozi.

Continua

Coronavirus, asili e scuole private: sono dovute le rette?

Scuole e asili chiusi a causa dell’emergenza epidemiologica da Covid-19: linee guida se le scuole private chiedono il pagamento delle rette

Continua

Smart working, lavorare ai tempi del Coronavirus

Lo smart - working, oggi largamente imposto a tutela della salute pubblica, se usato in modo intelligente, può inaugurare un nuovo rapporto tra lavoratori e datori

Continua

No al licenziamento per il lavoratore assente che assiste il disabile

Con la chiusura dei centri residenziali per i provvedimenti restrittivi da Covid-19, molti lavoratori si trovano licenziati per aver assistito il familiare disabile

Continua

Apertura e gestione del conto o del libretto pupillare: serve il giudice tutelare?

Trattasi di operazioni rientranti negli atti di ordinaria amministrazione, ragion per cui è superflua l'autorizzazione del Giudice Tutelare

Continua

Minori in conflitto di interesse con i genitori. Il curatore speciale

Tra i casi in cui è opportuna la nomina del Curatore Speciale v'è la sussistenza di un conflitto di interessi tra figlio e genitori: ruolo e funzioni

Continua

Coronavirus: mantenimento dei figli nelle separazioni e nei divorzi

La crisi economica da Coronavirus ha inevitabilmente effetti nelle famiglie di genitori separati e divorziati con riguardo al quantum del mantenimento pro figli

Continua

Family Act in arrivo: ecco cosa prevede

Il Family Act prevede una serie di misure per il sostegno economico delle famiglie con figli a carico. Illustriamone il contenuto

Continua

Bigenitorialità e tutela del minore

Perché è importante per il minore mantenere il rapporto con entrambi i genitori anche in fase di separazione e divorzio. Il pernottamento presso il padre

Continua

I diritti relazionali nell'infanzia e il ruolo dei nonni

Quanto i nonni e i parenti sono importanti per la crescita dei minori. Vivere in armonia è possibile se tutti si danno da fare!

Continua

Covid-19 e locazione commerciale: riconosciuta la riduzione del canone

Riconosciuta anche dal Giudice la opportunità di rinegoziare i canoni di locazione relativi a immobili non utilizzabili in ragione delle misure limitative per Covid-19

Continua