Richiedi una consulenza in studio gratuita!

L'esame di maturità:...è solo un esame!


Esame di maturità come rito di passaggio. Ansie, aspettative e significati
L'esame di maturità:...è solo un esame!

L’anno scolastico è finito da poco e per gli studenti dell’ultimo anno della secondaria superiore è il tempo degli esami di maturità. Il tempo di ansie, giornate di studio intenso, ma anche di ambizioni, di progetti e aspettative.

L’esame di maturità, anche se non si tratta dell’unico esame di fine corso (pensiamo agli esami di licenza media oppure anche agli esami universitari), viene vissuto con una sua unicità; il nome stesso con cui viene designato non rimanda solo a una prova scolastica, ma a una prova di vita.

Ha, infatti, un valore simbolico perché connota l’ingresso nell’età adulta. E’ una sorta di rito di passaggio.

Per questo attiva emozioni e vissuti particolari (ansia, paura del fallimento) non solo nello studente ma anche in tutta la famiglia, si tratta di emozioni che non sono legate solo all’evento in se (un esame appunto), ma anche alle aspettative, ai significati che vengono attribuiti alla vita adulta e più o meno consapevolmente condivisi.

Tutto questo fa sì che un evento, già di suo stressante ed emotivamente coinvolgente, possa rappresentare un ostacolo difficile da superare, una sorta di spettro con cui ci si deve confrontare, che alimenta emozioni negative e disagi che potrebbero essere difficili da gestire.

L’esame di maturità è sì inteso come un rito di passaggio, ma è soprattutto un esame, una prova che suggella la fine di un percorso scolastico, come potrebbe esserlo il compito in classe di fine quadrimestre. E’ la prova finale è vero, ma è parte di un percorso, per cui contano non solo i giorni precedenti all’esame, ma tutto il cammino scolastico dell’allievo/a.

E’ una prova scolastica e non il verdetto sulle future capacità del giovane di essere un adulto “maturo”, quindi capace di scelte responsabili e coerenti.

La vita adulta si gioca in molte altre “prove” (lavoro, famiglia, difficoltà quotidiane, salute) e il modo in cui si affronteranno, l’esito che avranno dipende da tanti fattori (esperienza di vita, personalità, momento storico ecc.). Questo gli adulti lo sanno bene e dovrebbero pertanto sostenere e tranquillizzare il “candidato/a”.

E’ tipico, spesso, riversare su questi le proprie ansie, le proprie aspettative, ma così facendo il ragazzo/a si sentirà costretto a raggiungere un obiettivo o una motivazione che non gli appartengono, proverà emozioni che non sarà sempre in grado di riconoscere.

E’ fondamentale, invece, stabilire un confine tra i vissuti che circolano in casa, questo permette di creare uno spazio in cui ci sia la possibilità di ascoltare e accogliere le paure, i vissuti del ragazzo/a dando loro la possibilità di una diversa elaborazione. Si crea così anche un clima di sostegno che sicuramente è quello più utile.

In questo modo concediamo sia a noi stessi come adulti e soprattutto ai nostri ragazzi la possibilità di una "diversa prova di maturità".

E’ questa un’altra e importante prova di maturità che da adulti possiamo concederci e soprattutto concedere ai nostri ragazzi.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La crisi di coppia: significato ed evoluzione

La costituzione della coppia. La crisi di coppia: definizione ed effetti. La crisi come possibilità di cambiamento

Continua

Il bisogno e la paura dell’altro

Alcune riflessioni sull’uso e abuso dei social network

Continua

Aiuto!!! Il colloquio con gli insegnanti

Ansie e preoccupazioni sul colloquio con gli insegnanti. Il colloquio come giudizio. Il colloquio come scambio

Continua

Gli adulti dove sono?

Il branco e i fenomeni di devianza giovanile. Disagio giovanile come problema sociale. Ruolo della famiglia, della Scuola e delle Istituzioni

Continua

La relazione che cura

Principi generali della psicoterapia ad orientamento sistemico-relazionale

Continua

La violenza sulle donne è "cosa nostra"

La violenza di genere come problema sociale

Continua

Difendersi dalle emozioni

Brevi cenni sull'esperienza emotiva e sulla dissociazione alla base di molti disturbi psichici

Continua

Il tempo della “Non-Esistenza”

La tensione nell’attesa di una risposta ad un messaggio. Alcune riflessioni dall’articolo di O. Burkeman

Continua

Ma è la persona giusta?

Il ruolo delle aspettative nella scelta e nella dinamica di relazione

Continua

Lei, Lui e...i suoi figli

Gestire i rapporti con i figli dei propri compagni. Dinamiche di relazione e definizione dei giusti confini

Continua

La paura che fa la differenza

Breve analisi sui fattori psicologici dietro la rabbia e la paura verso i migranti

Continua

Il rientro a scuola come rito di passaggio

Le emozioni attivate dall'ingresso nei diversi cicli scolastici. I disagi legati al cambiamento

Continua

Il senso di inadeguatezza

Origine e significati del senso di inadeguatezza nelle relazioni familiari. Aspetti clinici.

Continua

Il significato del dono nella relazione

Il dono inteso come atto basato sulla reciprocità della relazione. Differenza fra dono e regalo

Continua

Le emozioni possono essere contagiose

Le emozioni si trasmettono e possono insinuarsi nel nostro stato emotivo. E' importante riconoscerle

Continua

Lo Psicologo in corsia, una risorsa preziosa

Lo Psicologo in ospedale è una risorsa preziosa, come professionista è in grado di sostenere pazienti e familiari quando vengono “colpiti” da una diagnosi di malattia

Continua

Gestire la timidezza?... Si può!

La timidezza e l'insicurezza personale. Come scoprire i punti forza per avere un'altra immagine di sè nel confronto con gli altri

Continua

La Resilienza: la risorsa "nascosta"

Attribuire un nuovo senso alla propria vita in seguito a un evento drammatico. Attivazione di nuove risorse e possibilità

Continua

IL TRIANGOLO NO! Il bambino nella lotta fra i genitori

La triangolazione del bambino nella separazione, quando il figlio viene considerato come alleato o nemico

Continua

La mia vita non cambierà mai!

Le aspettative che bloccano il cambiamento. Ansia e paura come segnali di stati emotivi più complessi

Continua

"Io sono le mie relazioni". Stile di attaccamento e personalità

E' nella relazione che si manifestano i nostri tratti di personalità, che nei casi sintomatici danno corpo ai disturbi di personalità

Continua

Il rientro dalle vacanze non è solo il ritorno alla routine

La funzione protettiva della routine. Riscoprire se stessi attivando processi di cambiamento

Continua