Richiedi una consulenza in studio gratuita!

L’evoluzione della vecchia rottamazione: cosa succederà ora?


Cosa accade con la nuova rottamazione in riferimento alle precedenti definizioni agevolate
L’evoluzione della vecchia rottamazione: cosa succederà ora?

Vorrei analizzare in tale articolo quello che sarà e come bisognerà comportarsi con l’entrata in vigore della nuova rottamazione in riferimento alle precedenti definizioni agevolate:

L'integrale pagamento, entro il termine differito al 7.12.2018, delle residue somme dovute ai sensi della precedente definizione agevolata dei carichi di cui all’art. 1, cc. 6 e 8, lett. b), n. 2) D.L. 148/2017, in scadenza nei mesi di luglio, settembre e ottobre 2018, determina, per i debitori che vi provvedono, il differimento automatico del versamento delle restanti somme, che è effettuato in 10 rate consecutive di pari importo, con scadenza il 31.07 e il 30.11 di ciascun anno a decorrere dal 2019, sulle quali sono dovuti, dal 1.08.2019, gli interessi al tasso dello 0,3% annuo.

A tal fine, entro il 30.06.2019, senza alcun adempimento a carico dei debitori interessati, l'agente della riscossione invierà a questi ultimi apposita comunicazione, unitamente ai bollettini precompilati per il pagamento delle somme dovute alle nuove scadenze.

Ricordiamo, inoltre, che il pagamento della prima o unica rata delle somme dovute a titolo di definizione determina l'estinzione delle procedure esecutive precedentemente avviate, salvo che non si sia tenuto il primo incanto con esito positivo.

I debiti però relativi ai carichi per i quali non è stato effettuato l'integrale pagamento, entro il 7.12.2018, delle somme da versare nello stesso termine non possono essere definiti secondo le nuove disposizioni e la dichiarazione eventualmente presentata per tali debiti è improcedibile.

Infine potranno essere definiti, secondo le nuove disposizioni, anche i debiti relativi ai carichi già oggetto di precedenti dichiarazioni rese ai sensi:

a) dell'art. 6, c. 2 D.L. 193/2016, per le quali il debitore non ha perfezionato la definizione con l'integrale, tempestivo pagamento delle somme dovute a tal fine;

b) dell'art. 1, c. 5 D.L. 148/2017, per le quali il debitore non ha provveduto all'integrale, tempestivo pagamento delle somme dovute.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Le Start Up Innovative ed il ruolo dei Ventur Capital

La disponibilità dei capitali è il problema quotidiano degli imprenditori

Continua

Elementi fondamentali della rottamazione TER

Ecco scadenze e modalità della rottamazione TER

Continua

Restare competitivi con il controllo di gestione

Imprese, per sovravvivere è necessario il monitoraggio interno dei costi e dei processi

Continua

Il nuovo codice della crisi di impresa: gli strumenti di allerta

Non basteranno più le “sensazioni del titolare” tipiche nelle aziende familiari, ma la chiarezza e l’immediatezza dei numeri

Continua

Start up innovative e agevolazioni fiscali 2019

Ecco un ulteriore approfondimento nel mondo start up innovative

Continua

Dall'idea alla nascita di una start up

Dopo aver individuato un bisogno dei consumatori occorre una gestione aziendale da implementare per step. Ecco come fare

Continua

Perchè il caso Carige è un "campanello di allarme"

Il grande gestore del risparmio Blackrock considera rischioso il nostro paese non tanto per i rendimenti dell’operazione quanto per la propria “reputazione"

Continua

L'unico modello di sviluppo per il futuro

Data l’insostenibilità dell’attuale modello di sviluppo, è necessario progettare il futuro con nuovi criteri di sostenibilità

Continua

Operazioni di distrazione di massa sugli Italiani

La crisi decennale continua ad annebbiare il giudizio degli Italiani con la complicità di un progetto Europeo mai completato

Continua