Richiedi una consulenza in studio gratuita!

L’importanza di separare il ruolo coniugale da quello genitoriale


La Mediazione Familiare come strumento che facilita l’esercizio della bigenitorialità
L’importanza di separare il ruolo coniugale da quello genitoriale

Quando una coppia si separa spesso si usano delle dinamiche comportamentale che danno vita a conflitti. Questo perché vengono ad emergere i bisogni della “coppia coniugale” piuttosto che i bisogni della “coppia genitoriale” e, quindi, spesso accade che un coniuge ferito si scagli contro l’altro coniuge rimproverandogli di averli lasciati, includendo anche i figli, ma in realtà i figli non li ha lasciati, perché ha lasciato la moglie/o marito e vorrebbe, invece, mantenere i rapporti con i figli.

Ad ogni modo, quando si verifica una situazione nella quale la moglie/o marito non sono in grado di separare il proprio ruolo di coniuge da quello di genitore, si determina una confusione di ruoli.

Spesso accade che in presenza di una confusione di ruoli i figli anziché ricevere protezione e amore divengano oggetto di contesa e/o ricatto e vengano utilizzati come armi per ferire l’altro, disorientandoli e costringendoli ad un’innaturale scelta forzata.

Quando la separazione dà luogo ad aspri conflitti, i genitori trattano i figli come propri confidenti attuando dei comportamenti che hanno lo scopo di separarli dall’altro genitore e di cementarli a sé creando le cosiddette “alleanze”.

L’esperienza insegna che la strategia di utilizzare i sentimenti dei figli - per scagliarsi contro l’altro al fine di demolirne l’immagine - non rappresenta il modo migliore per tutelare gli interessi del minore, in quanto lo costringe a schierarsi con un genitore (in genere quello affidatario) e a rifiutare l’altro.

Come ricordano Fulvio Scaparro, dell’Associazione Genitori Ancora di Milano e lo psicologo forense Richard Gardner, una gestione sbagliata del conflitto può condurre al maltrattamento da cattiva separazione ed al fenomeno dell’alienazione genitoriale, una patologia relazionale che si manifesta nelle situazioni di separazioni e divorzi conflittuali la cui principale manifestazione è la campagna di denigrazione da parte del figlio nei confronti del genitore non affidatario, a seguito dell’indottrinamento dell’altro genitore.

Secondo vari studi, tra i quali quelli di Robert Emery, per i bambini la separazione è una transizione davvero dolorosa e difficile, ma fortunatamente non rimane tale per sempre; la maggior parte di loro sviluppa una certa resilienza, ossia vengono in qualche modo “plasmati dal divorzio”, ma perché ciò avvenga è necessario, che essi continuino a ricevere l’amore, la cura, l’educazione da entrambi i genitori, che i genitori  collaborino per affrontare il conflitto e per limitarne il loro coinvolgimento nello stesso.

Si comprende allora l’importanza di separare il ruolo coniugale da quello genitoriale poiché se è normale che un genitore impegnato in una separazione possa entrare in confusione circa il ruolo da assumere, se quello genitoriale o coniugale, non è altrettanto normale riversare la rabbia che ciascuno prova come coniuge nei confronti dell’altro come genitore.

In questi ultimi anni, anche la cultura giuridica ha riconosciuto l’importanza di tutelare il bisogno di continuità relazionale del minore con entrambi i genitori e quindi, in applicazione della legge sull’affido condiviso, giudici e avvocati, che ne hanno compreso i vantaggi, inviano le coppie ad un percorso di Mediazione familiare.

Un percorso, complementare all’attività degli operatori del diritto, perché interviene nelle dinamiche comportamentali della coppia in crisi e nelle problematiche connesse all’esercizio congiunto della bigenitorialità da parte dei genitori, con tecniche relative alla gestione dei conflitti di cui i Mediatori familiari sono esperti per specifica formazione professionale.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole

Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

I suoceri invadenti sono la causa della crisi?

Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?

Continua

Il Mediatore familiare, una figura specializzata

Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione

Continua

Il senso della Mediazione Familiare

La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

La mediazione dei conflitti di coppia

Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua

I conflitti inevitabili nella coppia

E’ praticamente impossibile pensare che con il tempo non si creino conflitti nella coppia convivente

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (1^ parte)

Entrambi i partner possono agire dentro una logica del “ Io vinco e tu perdi”, una logica di potere

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (2^ parte)

Entrambi i partner possono agire con la logica del “io vinco e tu vinci”, logica di collaborazione

Continua

Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia

Identificare il conflitto e distinguerlo dalla violenza al fine di prevenire la violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (1^ parte)

Qualunque veste assuma la violenza domestica non deve avere ad oggetto sporadici episodi ma deve costituire una modalità quotidiana d’interazione della coppia

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (2^ parte)

Ecco quali sono le varie tipologie di violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione Familiare (3^ parte)

Le diverse forme di violenza e la differente gravità della stessa ha indotto gli studiosi a compiere un esame sull'opportunità del ricorso alla Mediazione familiare

Continua

Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti

I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori

Continua

“Ho bisogno di voi!”, l'urlo inascoltato di un figlio di genitori separati

La conflittualità che danneggia i figli. La mediazione familiare come valido strumento di recupero dell’alleanza genitoriale

Continua

Riflessioni sull’esperienza di Mediazione familiare

La Mediazione familiare rappresenta un metodo per gestire conflitti attivando le risorse creative della coppia per il cambiamento del rapporto

Continua

La Mediazione familiare nella famiglia allargata

Il triste destino della coppia nella famiglia ricostituita, o allargata, e come essa può divenire artefice della propria sorte

Continua