Richiedi una consulenza in studio gratuita!

L’infelice cancellazione delle cartelle fino a 5mila euro


Il recente Decreto Sostegni ha previsto la cancellazione delle cartelle esattoriali fino a 5mile euro, facciamo degli esempi pratici
L’infelice cancellazione delle cartelle fino a 5mila euro

Come noto, 19 marzo 2021, il Governo ha approvato il c.d. Decreto Legge “Sostegni” attraverso il quale sono state avviate una serie di campagne a sostegno di imprese e famiglie al fine di arginare la crisi economica che sta affrontando il nostro paese. Si tratta di un decreto che nasceva sotto la migliore stella, in un’ottica di rinnovamento e di vicinanza verso il cittadino. Invece il Governo ha ufficializzato una bozza di decreto che risulta più come un compromesso grossolano tra le camaleontiche parti politiche che governano, piuttosto che una soluzione per il cittadino.

Tralasciando il sostegno al reddito ed i finanziamenti a fondo perduto, ciò che preme sottolineare con questa comunicazione è l'intervento che riguarda i debiti derivanti da cartelle esattoriali. In detto campo il governo ha stabilito cancellazione delle cartelle esattoriali fino a 5.000 euro del periodo 2000-2010 per i soggetti con reddito inferiore a 30.000 euro, definizione agevolata degli avvisi bonari su periodi di imposta 2017 e 2018 per i soggetti che hanno subito un calo del volume d’affari del 30% rispetto al 2019, proroga dell’attività di riscossione coattiva fino al 30 aprile 2021.

Ebbene, da una prima analisi siamo di fronte ad un decreto che pone una differenziazione tra cittadini. Vengono individuati soggetti meritevoli e soggetti sacrificabili. In pratica solo chi ha determinati requisiti può richiedere gli sgravi e le rottamazioni previste, mentre gli altri vengono lasciati perire e in balia del loro destino. È evidente la disparità di trattamento e la suddivisione in classi. Ma vediamo nel dettaglio come funziona.

Immaginiamo due imprenditori con ditta individuale. Ditta idraulica di Mario con reddito di 29.900 euro; cartelle esattoriali di varia natura iscritte tra il 2000/2010 per euro 40.000. Ditta meccanica di Gino con reddito di 32.000 euro; cartelle esattoriali di varia natura iscritte tra il 2000/2010 per euro 20.000. Tali cartelle esattoriali riguardano contributi personali, imposte e tasse non corrisposte inferiori cadauna a 5.000 euro. Bene, Gino e Mario in linea di principio hanno un reddito quasi identico, un identico potere di spesa, ma un debito differente. Secondo il decreto Sostegni, però Mario è meritevole del beneficio mentre Gino non è meritevole, perchè è “ricco”. Quindi a Mario verranno annullati d’ufficio 40.000 euro, mentre Gino dovrà pagare 20.000 euro. Non serve un'analisi di un accademico per comprendere che ove il decreto venisse pubblicato con questo testo avremo due categorie di beneficiari e molti imprenditori sostanzialmente meritevoli che però rimarranno con i debiti iscritti per un semplice dato formale. Siamo giunti così all’epilogo di questa veloce analisi del Decreto Legge Sostegni.

L’ultima valutazione riguarda la definizione agevolata degli avvisi bonari su periodi di imposta 2017 e 2018 per i soggetti che hanno subito un calo del volume d’affari del 30% rispetto al 2019. Anche in questo caso siamo di fronte ad una disparità di trattamento tra soggetti diversi. Ma non è chiaro se un simile intervento riguarda solo gli avvisi bonari dell’agenzia delle entrate o anche i contributi previdenziali, nè quali siano le condizioni per accedervi e quali sgravi su sanzioni e interessi sono previsti. L’unica cosa certa ad oggi è che il 30 aprile ripartiranno le notifiche.

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Infortunio sul lavoro Covid-19: nesso di responsabilità datore di lavoro

Nesso tra responsabilità penale e civile del datore di lavoro e redazione del DVR

Continua

Riflessioni sull'azione di rimborso per i medici di medicina generale

Il D.lgs. 368/99, recependo la Direttiva comunitaria n. 93/16/CE, ha riconosciuto a tutti i medici specializzandi lo status di lavoratore in formazione

Continua

I rischi della gestione del rapporto di lavoro domestico tipo h24 tramite agenzia

I rischi connessi alla gestione non controllata del rapporto di lavoro domestico mediante ausilio di agenzia di somministrazione di lavoro

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro:i controlli sul lavoratore

Il potere direttivo e disciplinare ei controlli sui lavoratori sono argomenti estremamente delicati e sempre di attualità

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: presupposti

Nella gestione del contenzioso disciplinare è essenziale conoscere ed applicare correttamente le principali norme di riferimento

Continua

Il potere disciplinare del datore di lavoro: riflessi gestionali

Nell’analisi del potere direttivo e disciplinare, una serie di considerazioni particolari vanno riservate agli aspetti gestionali ed amministrativi

Continua

Aspetti inerenti la tredicesima mensilità nel comparto scuola

Effettuare un numero di giorni di servizio nel comparto scuola pari a 182 risulta corrispondente ad un anno di servizio

Continua

Breve cronistoria della vicenda del rinnovo contrattuale CAS Sicilia

Adeguamenti contrattuali economici dei dipendenti del consorzio Autostrade siciliane su base degli aggiornamenti CCNL Autostrade e Trafori

Continua

Come ottimizzare la produttività del lavoro pubblico

Ecco qual è la logica del DDL 2031/2009 collegato alla manovra finanziaria sull’ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico

Continua

IL COSTO DI GESTIONE DEL PERSONALE NELLA GARA D'APPALTO-PARTE PRIMA

Una variabile non trascurabile nella presentazione dell’offerta economica per la partecipazione ad una gara d’appalto riguarda il costo del personale

Continua

Autoferrotranvieri: differenze retributive per attività di conducente e indennità di guida

Ricorso autisti effettuato sulla base dell’art. 414 cpc contro l'Azienda Trasporti Messina ex CCNL Autoferrotranvieri 27.10.2000

Continua

Il costo di gestione del personale nella gara d'appalto (Parte seconda)

La variabile del calcolo del costo del lavoro nell’offerta economica della gara d’appalto muove sempre dai dati contrattuali e legali vigenti nel periodo considerato

Continua

Profili di responsabilità giuridica del dirigente d’azienda pre-virus

Adeguare e sviluppare in maniera programmatica l'evoluzione professionale dei dirigenti e dei quadri superiori, nonché anche la cultura imprenditoriale, risulta urgente

Continua

Riflessioni sul rapporto tra cuneo fiscale ed holding societaria

Cuneo fiscale ed Holding societaria. Riflessioni sulla protezione patrimoniale dell’imprenditore

Continua

Sicurezza nei luoghi di lavoro condominiali e DVR

Infortunio sul lavoro in ambito condominiale e nesso di resposabilità del datore di lavoro per redazione del DVR

Continua

Oltre la subordinazione, le nuove tutele per i rider

La recente sentenza della Cassazione ha riconosciuto nuove tutele per i rider, ma è solo la degna successione giurisprudenziale al decreto 81/2015 e alla legge 128/2019

Continua

Oltre lo Statuto dei lavoratori…una sentenza tortuosa non è giustizia

La sentenza della Corte di Cassazione n. 1633/2020 ha segnato il solco ma la strada delle tutele sarà ancora “lunga” nel mondo dei tempi “contratti” del profitto

Continua

I costi della sicurezza sul lavoro

I costi della sicurezza sul lavoro con la stima dei costi relativi all'emergenza Covid-19

Continua

Telelavoro, Smart working, innovation working: riflessioni di sociologia

Lo smartworking non è, come spesso si crede, il telelavoro o il lavoro da remoto. Infatti il telelavoro è il lavoro fatto da casa mentre lo smartworking è cosa diversa

Continua

Licenziamento per rifiuto del cambio dell'orario lavorativo

È ricorrente il caso in cui venga chiesto al lavoratore il cambio dell'orario di lavoro. Spesso questa modifica riguarda una situazione di crisi

Continua

Il contratto di cessione d'azienda: brevi considerazioni

Parliamo di cessione e affitto d'azienda, similarità e differenze, contratto di cessione d'azienda e brevi considerazioni di economia aziendale

Continua

Il contratto di affitto d'azienda: brevi riflessioni

Cessione e affitto d'azienda: similarità e differenze. Brevi riflessioni di economia aziendale

Continua

Formule di attribuzione del punteggio economico

Formule di attribuzione del punteggio economico ad opera della stazione appaltante nelle gare d'appalto

Continua

L’evoluzione del modello organizzativo del sistema produzione

L’evoluzione del modello organizzativo del sistema produzione: riflessioni di sociologia del lavoro

Continua

LA COOPERATIVA E LA "CONDOTTA" DEL SOCIO LAVORATORE

LA COOPERATIVA E LA "CONDOTTA" DEL SOCIO LAVORATORE. RIFLESSIONI DI DIRITTO DEL LAVORO APPLICATO.

Continua

INTRODUZIONE ALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE UFFICIO GARE APPALTO

INTRODUZIONE ALLA FORMAZIONE DEL PERSONALE UFFICIO GARE APPALTO

Continua