Richiedi una consulenza in studio gratuita!

L'obbligo di fedeltà nel tempo


L’ennesimo attacco alla famiglia, verso l’abolizione dell’obbligo di fedeltà
L'obbligo di fedeltà nel tempo

La Legge Cirinnà (L. n. 76/2016), recante la disciplina sulle Unioni Civili, ha sollevato molteplici dibattiti in merito ad una delle sostanziali differenze tra le unioni di fatto e le coppie sposate: l’obbligo di fedeltà.

Infatti, se nell’unione matrimoniale l’obbligo di fedeltà è di fatto imposto dalla Legge come specificatamente previsto dall’art. 143 c.c. tra i diritti e doveri reciproci dei coniugi, il testo di Legge sulle unioni civili, nel prevedere i diritti e i doveri, da una parte richiama letteralmente quelli derivanti dal matrimonio, quali l’assistenza morale e materiale e la coabitazione, senza tuttavia menzionare l’obbligo di fedeltà.

In questo scenario sufficientemente dibattuto, si introduce la proposta di Legge presentata al Senato nel febbraio 2016 volta ad eliminare dal Codice Civile l’obbligo di fedeltà reciproca anche tra coniugi, ritenendolo una “visione ormai superata della coppia”, un “retaggio del passato”.

Con la Legge n. 21/2012 è stata, in parte, superata l’annosa distinzione tra figli legittimi e figli naturali; distinzione, questa, che aveva portato il Legislatore a prevedere l'obbligo di fedeltà tra i coniugi: secondo i firmatari del disegno di legge innanzi citato, infatti, la ratio originaria dell'art. 143 c.c. era quella di garantire la legittimità dei figli imponendo l’obbligo di fedeltà, in particolare, alla donna; superata tale distinzione “l’obbligo alla fedeltà deve essere inteso non solo come fedeltà sessuale ma anche, e soprattutto, come fiducia e rispetto dell’altro e, pertanto, non può certo ascriversi tra i doveri da imporre con legge dello Stato".

Il tema, estremamente delicato, divide e contrappone l’opinione pubblica non solo perché riguarda uno dei capisaldi del matrimonio ma anche poiché tale rivoluzione porta con sé molteplici implicazioni soprattutto nell’ambito dei procedimenti di separazione e divorzio, dal momento che l’infedeltà costituisce una delle principali cause di disgregazione del nucleo familiare e che la violazione del dovere di fedeltà può essere considerata causa di addebito della separazione dei coniugi se causa diretta che ha determinato l’impossibilità di proseguire la relazione affettiva tra i coniugi.

Si ritiene che sul disegno di legge in esame vada fatta una riflessione profonda: se si cancella l’obbligo di fedeltà che, oltre ad essere un valore laico e condiviso, costituisce una delle colonne portanti dell’unione coniugale, cosa rimarrebbe?

Senza fedeltà una relazione non può definirsi tale. Eliminare l'obbligo di fedeltà dal Codice Civile significherebbe stravolgere il concetto di matrimonio e di unione in senso lato, con conseguente svilimento personale della coppia.

E, dunque, è indispensabile aggiornare la Legge sulle Unioni Civili in tal senso.

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La Coordinazione Genitoriale

Nuove frontiere per risolvere il conflitto genitoriale

Continua

I diritti dei nonni nei confronti dei nipoti

La presenza dei nonni nell'educazione e nella crescita dei nipoti: l'importanza e la conoscenza delle proprie origini

Continua

Nuovi partner nella vita dei figli

Nuove relazioni e nuovi legami affettivi dopo la separazione: rapporti tra genitori, figli e nuovi partner

Continua

Il collocamento del figlio minore presso il papà

Oltre il criterio della “maternal preference”

Continua

Il tradimento on-line è causa di addebito

La rivoluzione introdotta dalla Cassazione pone l’accento sul tradimento che si consuma tramite social network e mezzi digitali

Continua

Un curatore speciale per il minore se i genitori sono inadeguati

Il curatore speciale rappresenta il minore in giudizio quando i genitori sono incapaci a tutelarlo

Continua

Mantenimento al figlio non riconosciuto: a chi spetta?

Padre naturale: l’obbligo del mantenimento sorge con la nascita del figlio

Continua

Affido condiviso: cosa prevede il DDL Pillon

Separazioni e affido dei minori: "DDL Pillon" con molte ombre e poche luci

Continua

Mediazione familiare: tutte le coppie sono mediabili?

La mediazione impossibile, quando il conflitto non è superabile

Continua

Affidamento al servizio sociale “in sostituzione dei genitori”

Affidamento all'Ente, decadenza e limitazione della responsabilità genitoriale

Continua

Separazione e divorzio: risvolti emotivi e psicologici

Quando il divorzio psicologico non si raggiunge: la guerra del legame disperante

Continua

L’ascolto del minore nei procedimenti che lo riguardano

E’ opportuno l’ascolto del minore nei procedimenti di separazione e divorzio dei genitori?

Continua

Riflessioni sull'alienazione genitoriale

L’Alienazione Genitoriale: di cosa si tratta, come si manifesta e come si valuta

Continua

La figura del CTU e del CTP nelle procedure di affidamento e collocamento

Una riflessione sul ruolo del CTU e del CTP nei casi di separazione, divorzio, affido e collocamento

Continua

Mantenimento dei figli maggiorenni: fino a quando è dovuto?

Non vi è alcuna cessazione automatica dell'obbligo al raggiungimento della maggiore età dei figli

Continua

Scelta fra scuola pubblica e privata in caso di separazione

Dopo la separazione, chi decide la scuola dei figli?

Continua