Richiedi una consulenza in studio gratuita!

L’utilità del Business plan al tempo del Covid-19


Nonostante gli interventi governativi tesi a semplificare l’accesso al credito, diviene fondamentale avere a disposizione un business plan
L’utilità del Business plan al tempo del Covid-19

Nonostante gli interventi governativi tesi a semplificare l’accesso al credito, per i finanziamenti oltre 25 mila euro, diviene fondamentale avere a disposizione un business plan. Questo non solo per rispondere al dettato normativo sugli adeguati assetti organizzativi articolo 2086 c.c, ma per due motivi legati alla natura stessa del Business plan.

Il Business Plan, o piano industriale, è il documento che permette di definire e riepilogare il progetto imprenditoriale, le linee strategiche, gli obiettivi e la pianificazione patrimoniale, economica e finanziaria dell’impresa.

Il suo ruolo è duplice:

1) guida i processi decisionali interni all’azienda: analizzando i dati passati l’imprenditore può avere una stima dei suoi margini operativi futuri, verificando i ricavi minimi per pareggiare i costi (break even point) e i rendimenti attesi della sua attività;

2) una funzione informativa esterna. Infatti, il piano di impresa risulta essere lo strumento con il quale si cerca di convincere gli operatori economici, estranei all’impresa, circa la credibilità del business aziendale.


Quindi permette di analizzare il proprio business e permette di presentarsi all’esterno. Il contenuto del business plan deve prevedere almeno 3 aspetti:

1. Presentazione realtà aziendale e competenze professionali dell’imprenditore. E’ importante che sia ben chiara la mission e la vision dell’azienda, indicando il settore in cui si opera o si vuole operare (esempio commercio al dettaglio) e come lo si vuole realizzare (negozio, on-line, prodotti a km zero etc...);

2. Analisi del mercato con particolare riguardo:
• disamina dei prodotti o servizi commerciali offerti (il mercato, il prodotto, ecc.).  Possono anche essere racchiusi in categorie omogenee (esempio prodotti per la casa). Questa fase è sicuramente la più delicata e tecnica, ma anche la più sottovalutata. Richiede un’analisi attenta e puntale del mercato (es. analisi macro-economica, concorrenza, andamento del mercato negli ultimi due anni e principali clienti e fornitori dell’azienda);
• organizzazione interna. In questa fase è importante delineare anche le strategie di marketing e comunicazione dell’impresa.

3. Presentazione del piano degli investimenti e dei bilanci prospettici che deve specificare:
• l’entità degli investimenti, specificando
- investimenti in macchinari e attrezzature di produzione (macchinari e attrezzature necessarie allo svolgimento dell’attività caratteristica dell’impresa);
- investimenti in attrezzature generiche e di servizio (mobilio, strumenti informatici, ecc.);
- investimenti in scorte o merci;
- investimenti necessari all’acquisizione di altri fattori di produzione (dipendenti, affitto dei locali, fornitori di servizi, ecc.) ovvero liquidità.
• specificare se gli investimenti sono finanziamenti attraverso autofinanziamento o capitale di rischio (capitale proprio) ovvero attraverso capitale di terzi (contributi pubblici a fondo perduto, banche, ecc.).


Il piano industriale può sembrare aleatorio già in tempi normali, con la recente pandemia può sembrare un inutile orpello. Invece è vero il contrario, adesso più che mai stimare i ricavi futuri, le probabilità di successo, i rischi e le opportunità diviene fondamentale per riuscire ad operare sul mercato. Tutte le attività di successo sono iniziate con un’idea e con una programmazione, che ovviamente deve essere parametrata alla grandezza dell’attività che si vuole svolgere.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Nuove regole per la nomina dell'organo di controllo

Con l'entrata in vigore del codice della crisi d'impresa si amplia la platea di società soggette alla nomina di un organo di controllo

Continua

Regime forfettario: a chi conviene veramente?

La Legge di Bilancio del 2019 ha ampliato la platea di persone fisiche che possono accedere al regime forfettario, ma non a tutti conviene accedere.

Continua

Analisi Settore Caseario: andamento dei flussi di cassa

Negli ultimi anni il settore caseario ha perso marginalità, mentre è cresciuto l'indebitamento. Si analizza come sono stati utilizzati i flussi di cassa

Continua

Rating aziendale e costo del debito

Il rating di una società è un dato fondamentale per verificare l'adeguatezza del tasso d'interesse richiesto dall'intermediario finanziario

Continua

Rivalutazioni dei beni d'impresa: i vantaggi per le società di persone

La rivalutazione presenta vari vantaggi per le società in contabilità semplificata e le società in trasparenza i cui redditi sono tassati in base agli scaglioni IRPEF

Continua

Rottamazione-ter: i vantaggi per le persone fisiche

La rottamazione-ter, oltre ad ampliare i termini di dilazione del pagamento, permette di stralciare le imposte sulla base del valore dell'ISEE

Continua

L’ accantonamento degli utili riduce l’aliquota I'Ires

La Legge di bilancio 2019 ha abrogato l'ACE e ha introdotto la mini IRES. Ecco i criteri di calcolo

Continua

La rivalutazione delle partecipazioni: quando conviene farlo

Con la rivalutazione fiscale delle partecipazioni si può godere di una tassazione minore sulla plusvalenza in caso di vendita

Continua

Decreto Crescita: novità per mini IRES e IMU

Il Decreto crescita semplifica la Mini-Ires e aumenta la deducibilità dell'IMU per gli immobili strumentali

Continua

Microcredito: una garanzia poco conosciuta

Il microcredito, garanzia statale per accedere ai finanziamenti bancari, in Italia è ancora poco conosciuto e diffuso

Continua

L’innovazione e la ricerca quale volano di crescita dell’azienda

Troppo spesso si sente parlare di innovazione e di ricerca, ma in realtà sono argomenti ancora lontani dalla prassi aziendale

Continua

Codice crisi impresa: ultima chiamata per la nomina dell'organo di controllo

Entro il 16 Dicembre diventerà obbligatoria la nomina dell’organo di controllo o di un revisore nelle società di capitali. Ecco i consigli operativi per adempiere

Continua

Legge di Bilancio 2020: la rivalutazione dei beni d’impresa

Rivalutazioni dei beni d’impresa: aumentano i vantaggi per le società di persone e diventa appetibile anche per le società di capitali

Continua