Richiedi una consulenza in studio gratuita!

Il traffico di persone tra Brasile e Italia


Per circa cinque anni, l'advogado italo-brasiliano Luiz Scarpelli del Foro di Roma ha denunciato le attività criminali dell’organizzazione criminosa "Coyotes"
Il traffico di persone tra Brasile e Italia

Il sistema criminoso della cittadinanza italiana truffata in Italia per il traffico di essere umani

Per circa cinque anni l'advogado italo-brasiliano Luiz Scarpelli del Foro di Roma ha denunciato le attività criminali dell’organizzazione criminosa conosciuta come “Cittadinanza Italiana Truffata”, in Brasile e in Italia.

Questa organizzazione criminosa transazionale ha già distrutto la vita di più di sette mila famiglie di cittadini di ceppo italiano nati all’estero, con l'offerta di residenze fittizie in Italia, falsità ideologica e rilascio di documenti falsi in Brasile e in Italia: "è una lotta instancabile, contro centinaia di banditi della peggior specie possibile, senza nome, senza volto, senza identità e senza indirizzo. Sono nomadi digitali del crimine sulle reti sociali".

L'ambiente virtuale è favorevole all'azione dei banditi per trovare decine di migliaia di persone, che a volte, con promesse di una vita facile in Italia, contattano questa organizzazione criminale transnazionale per la creazione di fascicoli di documenti falsi per l’ottenimento della falsa cittadinanza italiana iure sanguinis, che sono fatte in centinaia di comuni italiani. Sfortunatamente, tante volte, sono stati aiutati da dipendenti pubblici corrotti che utilizzano della loro funzione per profittare centinai di migliaia di euro con questo business illecito.

Peggio ancora è contrastare questo fenomeno, perché è impossibile per un dipendente pubblico in Italia riconoscere o capire quali sono i certificati falsi e quali sono i certificati veri prodotti in Brasile. Questi criminali si sono infiltrati in falsi gruppi sui social e in reti sociali con centinaia di profili falsi, creando una rete di fake news con l'intenzione di cacciare i clienti, ingannare la gente e infangare chi li denuncia. Questo business della "cittadinanza italiana truffata" movimenta più di 250 milioni di euro all’anno. I consulenti che lavorano con questo, conosciuti come Coyotes, chiedono tra 5 e 8 mila euro a testa per una cittadinanza italiana truffata rilasciata entro 30 e 90 giorni. In alcuni casi, ci sono comuni in cui il consulente lavora senza problemi per più di 10 anni, e è già diventato miliardario.    

Il maggiore esempio di impunità nel fenomeno della Cittadinanza Italiana Truffata fino oggi, è quello del famoso consulente disbrigo pratiche, cittadino italo-brasiliano che si auto intitola il Re della cittadinanza italiana e che ha fatto più di 1.000 pratiche con false residenze in Italia in ben 18 comuni nella regione della Toscana dal 2006 a oggi. Alcuni dei comuni italiani molto utilizzati da lui, sono: Piombino, Cecina, Follonica, Rosignano Marittimo, Pontedera, Livorno, Pisa e Podenzana.  D’accordo con i calcoli lui ha guadagnato in Italia con questo sistema criminoso più di 6 milioni di euro, senza pagare un centesimo di tasse.

Nel 2016 dopo che la polizia italiana ha iniziato le indagini in Italia per accertare i crimini di questo truffatore questo bugiardo fugge in Inghilterra. Senza poter lavorare in Italia, inizia a creare corsi online, il più famoso dei quali è il falso corso professionale noto come "ricercatori di documenti". Con questo, la sua fortuna raddoppiò.

Il corso consiste nel formare migliaia di persone a lavorare con le "ricerche di documenti in Italia" di certificati di nascita e di matrimonio di antenati italiani per i cittadini di origine italiana nati all'estero. E che hanno bisogno di questi certificati per riconoscere la loro cittadinanza italiana. La vergogna di questo business è che i certificati sono rilasciati gratuitamente dai comuni italiani, ma sono venduti sul mercato da questi criminali per importi che vanno da 500 a 1.000 euro. È lo sfruttamento vergognoso della pubblica amministrazione italiana.

Non contento, il maggiore truffatore della cittadinanza italiana in Italia ha anche creato il corso online per la formazione dei consulenti (Coyotes) per la falsa residenza in Italia nel processo amministrativo della cittadinanza italiana truffata. E in questo corso promette agli studenti iscritti ricchezza e alti guadagni a tempo breve. E garantisce agli iscritti ricchezza facile attraverso lo sfruttamento della pubblica amministrazione italiana. Dal 2016 ad oggi lui ha formato in Italia più di 500 consulenti che fanno oggi esattamente quello che lui ha fatto liberamente e criminosamente dal 2006 al 2016. Questo furbone è diventato una specie di mentore del crimine nella cittadinanza italiana. E continua i suoi crimini senza problemi, anche perché è tornato in Italia e ha annunciato che attiverà il business un’altra volta.

Secondo Scarpelli, i criminali non cancellano i profili falsi su Internet, né le informazioni bugiarde e vili che pubblicano sulle reti sociali. Promettono una vita facile in Italia e distruggono anche intere famiglie, che rimangono senza i soldi investiti e il sogno realizzato. Così, via gli strumenti come il messenger e WhatsApp, principalmente Facebook, iniziano una mega operazione collettiva di vendita di "lotti sulla luna", insieme alla distruzione dell'immagine di chi li denuncia.

Ma l’Advogado italo-brasiliano Luiz Scarpelli del Foro di Roma dice che continuerà a denunciare, a mostrare la verità a tutti i cittadini di ceppo italiano che vivono a l’estero e a difendere i discendenti italiani nella strada della legalità innanzi il Tribunale di Roma. "Sono in questa lotta fino alla fine e sono pienamente coinvolto nelle questioni della cittadinanza iure sanguinis e della difesa della verità (discendenza italiana materna e paterna nella strada giudiziale)" dice Scarpelli è orgoglioso di lavorare per ostacolare gli affari del crimine organizzato. Racconta che in cerca di facili guadagni, i Coyotes sono sempre molto ben equipaggiati, e fanno costantemente promesse di una vita facile in Europa.

Sappiamo tutti che “i Coyotes e questa organizzazione criminale stanno anche collaborando con avvocati senza scrupoli sui social network, dove promettono di catturare (accaparramento di clientela) servizi in cambio di commissioni, che è vietato nella professione legale", dice Scarpelli. Grave è il fenomeno che già esiste: la falsa residenza per la strada giudiziale in Italia, per l’ottenimento di sentenze veloci nei tribunali provinciali che hanno meno volume di lavoro comparato al Tribunale Civile di Roma.

E peggio ancora, quando i truffatori spesso si presentano come avvocati pubblicamente sul social, alle vittime delle truffe, senza nemmeno essere iscritti a nessun ordine degli avvocati, in qualsiasi parte del mondo. La persona paga, i suoi documenti spariscono e non viene fatto alcun lavoro in Italia. Sono truffatori del più alto grado di pericolosità. Ecco i presunti crimini commessi dall'organizzazione criminale transnazionale “Cittadinanza Italiana Truffata”, in Brasile e in Italia, dal 2005 a oggi, che sono della conoscenza di tutti i consolati d'Italia all'estero, nel momento in cui sono richieste le "non rinuncia" dai comuni in Italia per concludere la pratica amministrativa con la falsa residenza. 

  • Traffico internazionale di esseri umani
  • Falsificazione di documenti pubblici
  • Traffico internazionale di droga
  • Promozione della prostituzione
  • Vendita di documenti pubblici
  • Cospirazione per frode
  • Riciclaggio di denaro
  • Corruzione passiva
  • Evasione di denaro
  • Corruzione attiva
  • Falsità ideologica
  • Corruzione attiva
  • Estorsione
  • Minaccia

Una serie di arresti sono stati effettuati in Italia e diversi comuni italiani sono indagati. Diverse città italiane sono già state "fatte a pezzi" dalla polizia italiana, e questa organizzazione criminale potrebbe aver distrutto la vita e i sogni di circa 40.000 persone. È frequente che questa organizzazione criminale realizzi in una sola città tra 200 e 1200 pratiche di cittadinanza e di residenza simultaneamente nella stessa proprietà, ogni mese, realizzando un profitto tra di 1.000.000 a 6.000.000 milioni di euro in una sola città. In molti casi, i documenti per il processo di cittadinanza erano falsificati e venivano preparati da un ramo della mafia in Brasile che aveva partnership con criminali e proprietari di uffici di stato civile.

Nel marzo di quest'anno una mega operazione della polizia italiana ha arrestato almeno sette brasiliani accusati di frode, e revocato più di 800 passaporti di brasiliani che hanno ottenuto la cittadinanza italiana in modo irregolare dallo schema criminale, tra cui giudici, procuratori, uomini d'affari e anche un giocatore di calcio brasiliano. E nel mese scorso fortunatamente il Ministero dell’Interno ha iniziato a notificare tutti i comuni in Italia consigliandoli di non fare e di non accettare più le pratiche di cittadinanze italiane attraverso questa organizzazione criminosa e con la falsa residenza in Italia. Il problema e il rischio a tuti i dipendenti pubblici in Italia che non bloccano questa vergogna, è rispondere per corruzione passiva, compresi altri reati.

Scarpelli ha formalizzato decine di denunce penale in Brasile contro questa organizzazione criminale. E ha portato anche un dossier alla Procura della Repubblica di Roma, al Ministero dell'Interno, alla Polizia di Stato, al Ministero della Giustizia, all'Interpol e all'Ordine Degli Avvocati di Roma. I dossier contro la “mafia della cittadinanza italiana” e i Coyotes sono stati presentati anche all'ordine degli avvocati brasiliani, al Senato federale, alla Camera dei Deputati, il Ministero della Giustizia e all'Ambasciata d’Italia a Brasilia. La situazione è grave e la Polizia di Stato italiana ha sequestrato fino oggi più di 10mila passaporti.

Per concludere, non si sa ancora perché la pubblica amministrazione italiana accetta queste pratiche amministrative di riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis in Italia, sapendo che tutte queste residenze sono indiscutibilmente false, e che questo business vergognoso è controllato da criminosi che sono diventati miliardari sfruttando della buona volontà dei comuni e dei dipendenti pubblici italiani.

Quali sono oggi le opzioni legali a disposizione dei cittadini di sangue italiano (iure sanguinis) per realizzare questo sogno all'interno della legge?

  • Aprire una procedura amministrativa davanti al Consolato italiano (in qualsiasi parte del mondo), nella giurisdizione in cui il cittadino risiede legalmente, e aspettare in media dai 6 ai 15 anni per essere convocati a presentare i documenti, che possono anche essere negati dalla pubblica amministrazione italiana dopo un'analisi che può durare fino a 2 anni, essendo obbligati a pagare in anticipo le tasse consolari che ammontano a 300 euro a persona, senza alcuna garanzia. I requisiti documentali sono spesso impossibili da soddisfare e richiedono addirittura documenti che non sono nemmeno previsti dall'ordinamento giuridico italiano.

  • Aprire una causa davanti al Tribunale Ordinario di Roma, sia per madre che per padre, attraverso un avvocato legalmente registrato in Italia, sia esso italiano, brasiliano o di qualsiasi altra nazionalità. I documenti richiesti nel processo giudiziario sono molto più semplici di quelli richiesti dai consolati, semplificando il processo e la compilazione del dossier di documenti. Nel processo giudiziario 1, 3, 5, 8, 12, 15, 20 o anche 40 persone possono essere messe in azione. E i costi possono essere divisi tra i membri dell'azione. Non è necessario comparire in Italia in nessuna fase della procedura. Tutto si fa attraverso un avvocato, legalmente costituito, davanti alla magistratura italiana. Un giudice italiano darà un verdetto di merito dopo aver esaminato la richiesta. Il processo giudiziario a Roma può durare da 90 a 730 giorni. Oltre ad essere il modo più sicuro per ottenere la cittadinanza italiana, il processo è molto conveniente, poiché non è necessario venire in Italia e le spese sono condivise dalla famiglia.

Adv. Luiz Scarpelli, iscritto in BRASILE come advogado presso cinque consigli dell’Ordine Degli Avvocati Brasiliani: São Paulo, Rio de Janeiro, Minas Gerais, Espírito Santo, Goiás; PORTOGALLO nel Consiglio di Coimbra dell’Ordine Degli Avvocati Portoghese; e in ITALIA anche come advogado con il titolo di avvocato stabilito nel Consiglio Dell’Ordine Degli Avvocati di Roma. In EUROPA è iscritto come advogado presso il Council Of Bars and Laws Societies of Europe in Bruxelles, BELGIO. Master Of Laws in Anticorruzione e Sistema Istituzionale nell’Università Sapienza di Roma. Master Of Laws in Criminologia, Psicologia Giuridica e Psichiatria Forense nell’Università Sapienza di Roma. Inscritto presso l’IAMG – Istituto Degli Advogados di Minas Gerais, Brasile. Criminologo iscritto presso l’ANCRIM – Associazione Nazionale Criminologi e Criminalisti, iscritta nell’elenco delle associazioni professionali presso il Ministero dello Sviluppo Economico in Italia. Socio dell'Associazione ORGOGLIO DI TOGA con sede a Roma e fondatore della #catenadelbene su YouTube, che ha aiutato decine di migliaia di cittadine di ceppo italiano nati a l’estero contro le organizzazioni criminose e i coyotes della cittadinanza italiana truffata che operano in Brasile e in Italia, e che hanno distrutto la vita di più di 7mila famiglie. 

#correntedobem, #luizscarpelli, #scarpelli, #advogadoscarpelli, #advocaciascarpelli, #advluizscarpelli, #cidadaniaitaliana, #antenatoitaliano, #passaporteitaliano, #vivernaitalia, #vivernaeuropa, #cidadaniaitalianalegal, #cidadaniaitalianajudicial, #viamaternajudicial, #viapaternajudicial, #açãocontraasfilasdosconsulados, #açãocontraasfilas, #advogadoemroma, #tribunaleordinariodiroma, #ordineavvocatiroma, #ordinedegliavvocatidiroma, #consiglionazionaleforense, #iuresanguinis, #cittadinanzaitaliana, #tribunaleordinariodiroma, #tribunalecivilediroma, #passaportoitaliano, #identitaitaliana, #passaportorosso, #cittadinanzaitaliana, #mafiadacidadaniaitaliana, #viatrentinajudicial, cittadinanzaitalianatruffata, #concettamanfra, #coyotes, #grandenaturalizzazione1889

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L’analisi dei documenti nel processo di Cittadinanza Italiana!

Come funziona il processo di riconoscimento di cittadinanza italiana iure sanguinis e come devono essere trattati i documenti (certificati)!

Continua

Preparazione dei documenti in Brasile per la cittadinanza italiana

La preparazione dei documenti nel Processo di Riconoscimento della Cittadinanza Italiana iure sanguinis, per i cittadini italiani di ceppo italiano nati a l’estero!!!

Continua

La cittadinanza italiana giudiziale e il principio IURE SANGUINIS!

Sono riconosciuti dalla Costituzione italiana come cittadini, i figli di padre e/o di madre cittadini italiani, cioè la base è il principio IURE SANGUINIS!

Continua

I documenti necessari per il riconoscimento della cittadinanza italiana

Per il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis è necessario dimostrare il sangue italiano, cioè di essere figlio o figlia di cittadini italiani

Continua

Chi ha diritto di riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Tutti i cittadini di ceppo italiano, nati in Italia o all’estero, senza limite generazionale, hanno il diritto di riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Continua

Chi è l'Advogado che ha denunciato la cittadinanza truffata in Italia?

L'advogado italo-brasiliano Dott. Luiz Scarpelli, del Foro di Roma, fornisce consulenza legale in materia di cittadinanza italiana e diritto immigratorio nell'UE!

Continua

Il rischio della strada amministrativa nella cittadinanza italiana!

È sicuro cercare il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis in un Comune in Italia, nella strada amministrativa, con l'aiuto di un consulente?

Continua

Strade legale per riconoscere la cittadinanza italiana iure sanguinis!

Quali sono le strade legale disponibili per il riconoscimento della cittadinanza italiana iure sanguinis?

Continua

Cos'è e cosa significa "Spazio Schengen"?

L’area Schengen comprende 26 paesi europei che hanno deciso di rimuovere tutti i controlli alle frontiere interne

Continua

L'immigrazione degli italiani all'estero dagli anni 1780 al 1945

Dagli anni 1780 al 1945, sono andati all’estero, ovvero emigrati, circa 26 milioni di cittadini italiani, per fuggire dalla fame, dalla povertà e dalle guerre

Continua

La criminalità organizzata e la truffa nella cittadinanza italiana!

È sicuro cercare il riconoscimento della cittadinanza italiana in Comune attraverso la via amministrativa con l'aiuto di un "consulente disbrigo pratiche"?

Continua

Il permesso di soggiorno per residenza elettiva in Italia

Per gli stranieri che sono interessati a trasferirsi e vivere in Italia è prevista la possibilità di ottenere un permesso di soggiorno per residenza elettiva

Continua

Ius soli: cosa rappresenta esattamente questo istituto?

Prima di tutto, dobbiamo concettualizzare l'espressione latina così ben nota a tutti noi, che prende sempre più spazio nelle notizie stampa!

Continua

Cos'è esattamente e come si ottiene la Carta d'Identita italiana?

La carta d’identità è un documento di identità, munito di fotografia, rilasciato dallo Stato (tramite i Comuni), su supporto cartaceo, magnetico o informatico

Continua

Il sistema di Pantouflage per combattere la corruzione nella P.A.

Istituto del Pantouflage: ha lo scopo di evitare che il dipendente pubblico possa sfruttare la conoscenza della struttura organizzativa della P.A. per trarne vantaggio

Continua

L'importanza dell'Istituto Open Government Partnership

Come strumento per prevenire la corruzione, l’Agenzia Nazionale Anticorruzione (ANAC) ha avviato una strategica e fondamentale operazione di trasparenza...

Continua

Whistleblower nella pubblica amministrazione in Italia!

Il dipendente pubblico non può scegliere se segnalare o no un atto illecito o di corruzione nella pubblica amministrazione. E' un dovere

Continua

Il fenomeno corruttivo, un cancro da contrastare!

Prima di tutto, vorrei dire che la prevenzione alla corruzione ovviamente non è facile. Sì tratta di un fenomeno diffuso, complesso!!!

Continua

La responsabilità amministrativa dei dipendenti pubblici nella p.a.

Prima di tutto è necessario capire bene quali siano le differenze tra la responsabilità amministrativa, la responsabilità civile e la responsabilità contabile

Continua

Il modello europeo della prevenzione alla corruzione

Prima di tutto è importante chiarire che c’è sempre stata una preoccupazione internazionale nel perseguimento della pace nel mantenimento e rafforzamento dello Stato

Continua

Accesso civico nella P.A. semplice e generalizzato: cos'è e quale evoluzione?

Quando parliamo di pubblicità e trasparenza stiamo parlando di principi generali dell’attività amministrativa della P.A. previsti nell’articolo 1 dalla legge 241/1990

Continua

Il Lobbying nella Pubblica Amministrazione: problematiche e soluzioni!

Parliamo di lobbying, nelle sue diverse forme e variazioni, sia a livello ufficiale, sia a livello non ufficiale, però ad ogni modo una attività antipatica...

Continua

L'importanza della consapevolezza nella prevenzione alla corruzione

Per lottare veramente contro il fenomeno corruttivo è necessario assimilare e sanare le debilitazioni gestionali e organizzative dentro la p.a.

Continua

La discrezionalità della p.a. nei contratti e negli appalti pubblici

Il target principale delle organizzazioni criminose in Italia sono i contratti e gli appalti pubblici...qui si trova il problema centrale

Continua

La lotta alla corruzione in materia di sanità (Appalti - COVID-19)

L'incidenza della pianificazione anticorruzione quale strumento di ottimizzazione del procurement in sanità

Continua

L'immigrazione e la grande naturalizzazione degli italiani in Brasile

La c.d. “Grande Naturalizzazione” del 1889-1891 è stata introdotta con il “Decreto n. 58 A” emanato il 15.12.1889 dal Governo provvisorio brasiliano

Continua

La cittadinanza italiana truffata e la falsa residenza!

In questo articolo vengono denunciate le attività criminali dell’organizzazione "cittadinanza italiana truffata", in Italia

Continua

Il fascismo italiano 1925-1943: la storia non può essere dimenticata

L'Italia fascista, chiamata anche regime del Duce, è il periodo disastroso della storia italiana del governo fascista di Benito Mussolini alleato di Adolf Hitler!

Continua

La vergogna ha un nome: xenofobia

Ho deciso di scrivere questo articolo perché i livelli di xenofobia in Italia sono cresciuti in modo allarmante, soprattutto contro i cittadini brasiliani

Continua

L’immigrazione in America dal XVI al XIX secolo

Parliamo dell'immigrazione in America in un dato periodo vediamo il significato dell'espressione latina nota come ius soli

Continua