Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La delibera del C.N. CONI n. 1566


L’individuazione delle discipline sportive ai fini dell’iscrizione al Registro delle Associazioni
La delibera del C.N. CONI n. 1566
Eravamo stati facili profeti nel prevedere che vi sarebbero state novità; l’articolo di Giuliano Sinibaldi le analizza nel dettaglio, mentre in queste poche righe cerchiamo di sintetizzarle e commentarle ponendoci dal punto di vista dei primi destinatari di esse, ovvero i sodalizi sportivi (o non più sportivi, o forse non sportivi, o ...)
Due certezze:
- chi è iscritto al registro CONI non viene certo buttato fuori al 1/3/17: era ovvio, ma è stato scritto esplicitamente e non può che farci piacere.
- sono sport anche l’ "attività sportiva ginnastica finalizzata alla salute e al fitness" e le "attività con sovraccarichi e resistenze finalizzate al benessere fisico": le palestre parrebbero quindi definitivamente incluse nel mondo sportivo.
Alcuni dubbi, sui quali spendiamo qualche riga in più, premettendo fin d’ora che non vi piaceranno: molte domande, e pochissime risposte. Ma siamo ancora nella fase in cui si mette la carne al fuoco, che le braci sono ben calde, poi pian piano il cuoco CONI ci dirà quali pezzi verranno cotti a puntino, e quali invece verranno scartati, o si bruceranno.

a) Chi è dentro e chi è fuori
Il primo è quali siano le attività fra quelle non espressamente indicate nell’elenco che si possano considerare ricomprese nelle categorie "residuali", dal Pilates alla zumba (e fin qui parrebbe facile), da MMA a paintball (e anche qui, purtroppo per loro, parrebbe facile), dallo yoga a hydrobike (e qui invece ci pare più difficile ...); l’articolo di Sinibaldi analizza con la consueta precisione la situazione, e ovviamente non possiamo che "auspicare un intervento chiarificatore degli organi competenti".

b) Chi lo decide?
E passiamo a quella che al momento ci pare la questione più delicata: per la attività non espressamente incluse nell’elenco, chi dovrà/potrà controllare se le attività effettivamente svolte rientrano nelle "categorie generali o residuali" incluse nell’elenco? chi valuterà se l’attività in acqua con gestanti o neonati rientra nelle "attività ginnico motorie acquatiche applicative alle discipline del nuoto", se l’acro-yoga rientra nell’ "attività sportiva ginnastica finalizzata alla salute e al fitness" o il ka-atsu rientra nelle "attività con sovraccarichi e resistenze finalizzate al benessere fisico"?
I verificatori fiscali o gli ispettori dell’ufficio del lavoro o dell’INPS?
Il CONI? Le federazioni sportive? Gli Enti di promozione sportiva?
La risposta più naturale, almeno per quanto riguarda le verifiche sui rapporti di lavoro e stando alla Circolare dell’Ispettorato del lavoro (circ. n. 1/2016 del 01/12/2016), dovrebbe essere: le federazioni; ma siamo certi che qualora rilevino a loro avviso irregolarità gli ispettori sospenderanno le indagini e trasmetteranno gli atti alle federazioni? E in tal caso, le federazioni risponderanno? E cosa accade per i sodalizi affiliati agli Enti di promozione?
E ancora, ci sarà la necessità/possibilità di un interpello preventivo al CONI o alla federazione di riferimento? Risponderà? Con che valore?
Se si intende affiliarsi a un ente di promozione, si potrà comunque fare un interpello alla federazione? o sarà l'ente a rispondere autonomamente? o a interpellare la federazione?

c) Ci sono nuove regole o accorgimenti da rispettare?
Come sostenuto da alcuni, è necessario riportare negli statuti l’esatta definizione delle discipline praticate coincidente con quella nell’elenco del CONI? E` necessario/opportuno affiancarvi l’elenco delle attività/metodologie di allenamento effettivamente praticate?

d) Quali erano le richieste degli Enti di promozione, del cui mancato accoglimento essi si "rammaricano profondamente"?
Ci pare cosa non da poco perché, a parte la questione dei termini che si sta sviluppando com’era ovvio che si sviluppasse (chi è dentro rimane sicuramente fino al 31/12/17 e forse anche più avanti, e per chi si iscrive ora ci sarà la consueta multi-proroga), immaginiamo tre ordini di richieste, tutte per ora disattese:
1 - il chiarimento di chi è dentro e chi è fuori, di cui abbiamo già detto
2 - l’inclusione di discipline rimaste escluse
3 - poteri verificatori e/o competenze procedurali.
Per quanto riguarda il primo punto, è probabilmente solo questione di tempo e di ulteriori integrazioni/specificazioni dell’elenco; anche noi ci rammarichiamo ...
Per quanto riguarda il secondo punto, l’analisi dovrebbe essere effettuata disciplina per disciplina, e non possiamo certo farlo qui al buio; certo che, quali che fossero le discipline di cui gli EPS avessero chiesto l’inserimento, accoglimenti se ne vedono veramente pochi: il loro rammarico è pienamente giustificato!
Per quanto riguarda il terzo punto, il rammarico ci pare invece prematuro, perché siamo ancora nella fase del "cosa" e non siamo ancora entrati in quella del "come": come segnalato qui sopra, chi avrà il potere di decidere dentro o fuori, all’interno dei (pochi) margini lasciati dall’elencazione, non ci pare sia ancora chiaramente definito.
Fonte: fiscosport

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Le Discipline Sportive, delibera CONI del 14/02/2017

Mantenute nel 2017 le iscrizioni al registro CONI per quelle ASD/SSD le cui discipline praticate non trovano più rispondenza in quelle approvate dal CONI

Continua

Anche minimi e forfettari nella CU 2017

Certificazione Unica 2017 anche per i titolari di parita Iva in regime dei minimi o forfettario. Ecco tutte le regole e i casi particolari

Continua

Tassa annuale di concessione governativa

Ecco chi è tenuto a pagare il tributo e chi no

Continua

La dichiarazione congiunta : paga la moglie

La dichiarazione congiunta : responsabilità solidale del consorte

Continua

La dichiarazione congiunta: paga la moglie

La dichiarazione congiunta: responsabilità solidale del consorte

Continua

Sponsorizzazione A.S.D./S.S.D.

Inquadramento fiscale della sponsorizzazione A.S.D./S.S.D. e benefici

Continua

Fino a € 200.000 sempre seducibili ASD/SSD

Sempre deducibili le spese di “sponsor” fino a € 200.000 <br />pagate alle ASD/SSD

Continua

Omesso versamento dell`Iva: la vedova non risponde

L’obiettiva impossibilità di far fronte all’obbligazione tributaria e la sua totale estraneità alle vicende assolvono la vedova dal reato iscritto

Continua

Iva da accertamento per le sportive

Base di calcolo dell'Iva dovuta a seguito di accertamento

Continua

Lo sport e la riforma del terzo settore

Lo sport non è stato compreso nella nuova disciplina

Continua

Cda nello Sport: aspetti fiscali

Aspetti fiscali nei CdA dello sport dilettantistico

Continua

Bozza di Bilancio 2018: collaborazioni sportive

Modifiche in materia di collaborazioni rese a fini istituzionali in favore delle associazioni e società sportive

Continua

La società sportiva dilettantistica lucrativa

Legge di Bilancio 2018: le novità in arrivo per le Sportive

Continua

Lo sport bonus

Manovra di bilancio 2018: istituito lo sport bonus

Continua

Sport: contributi per disabili

Manovra 2018 pro sport: contributo straordinario per l’acquisto di ausili per disabili e campagna di sensibilizzazione per minori extracomunitari

Continua

Contratti nel settore sportivo

CO.CO.CO. nel settore sportivo

Continua

Le società sportive dilettantistiche lucrative

Le società sportive dilettantistiche con <br />fine di lucro

Continua

Aliquote IVA: aumenti dal 2019

L'iva continua ad aumentare: aumenti dal 2019

Continua

5 per mille

5 per mille, online il nuovo elenco permanente degli iscritti

Continua

Accertamento ad una polisportiva!!

Accertamento per imposte dirette ed Iva emesso nei confronti di una Polisportiva

Continua

Serie A: perdite sotto controllo...

Perdite al 50%, divieto di tesseramento

Continua

Regolamento Privacy, il Modello GDPR

Il Modello GDPR - Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati sulla Privacy per le sportive

Continua

Addio alle società sportive lucrative

Il D.l. “Dignità” abroga le lucrative

Continua

Democraticità: Cassazione n. 20123 del 30-07-18

Nelle associazioni i principi di democraticità richiesti <br /> dall’art. 148 Tuir vanno rispettati in concreto

Continua

ASD: individuazione delle attività connesse a quelle istituzionali

Estensione della 398/91 alle attività connesse alle attività costituzionali

Continua

Novità modello Eas

Il termine fissato per la presentazione del modello Eas non ha carattere perentorio

Continua

Pace fiscale per A.S.D. E S.S.D.: valutazioni di convenienza

Il Decreto Legge 2018/119 contiene disposizioni specifiche per le A.S.D. e le S.S.D.

Continua