Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La differenza fra speculazione e investimento, fra cattivi e buoni?


La Raider Tax toglierebbe ai cattivi per dare ai buoni l'ennesima fantasiosa versione del capital gain contaminata dalla politica e che non trova riscontro nella realtà
La differenza fra speculazione e investimento, fra cattivi e buoni?

Nei giorni scorsi ho sentito una notizia che mi ha colpito: dopo la fallimentare Tobin Tax, che ha prodotto poco gettito e molti costi organizzativi e una distorsione sulle operazioni intraday, adesso un senatore M5S ha proposto una “Raider Tax” che dovrebbe, come Robin Hood, colpire la speculazione finanziaria e garantire un flusso di risorse, ben 2/3 mld di euro, per ridurre le tasse a famiglie e professionisti.

Anche questa volta si cerca di distinguere in via legislativa fra speculazione “cattiva” e investimento “buono”; dimenticando che la speculazione “cattiva”, cioè il contrapporsi di due visioni, è quella che giornalmente crea la liquidità necessaria per far sì che l’investimento, quando si vuole, sia realmente liquidabile.

A questo punto mi son chiesto: ma è così semplice distinguere fra speculazione e investimento?

La raider tax dovrebbe gravare proporzionalmente sui profitti in base al tempo per cui l’investimento è stato mantenuto.

Il senatore, anche professore di economia aziendale, è riuscito là dove anni di studi economici non sono arrivati, perché l’unica cosa su cui tutti gli studiosi concordano è che la distinzione fra speculazione finanziaria e investimento è psicologica e non certo legata al tempo!

Anzi, colpendo le operazioni a breve si riduce la liquidità, si allargano gli spread, disincentivi la quotazione di nuove aziende in borsa che dovranno ricorrere a finanziamenti sempre più legati al sistema bancario.

Tralasciando le fantasiose idee normative per raggranellare del gettito fiscale in più, quando semplicemente, se c’è un guadagno, si paga l’imposta sia che si è realizzato in 1 minuto come in 10 anni; saremo poi noi a fare ragionamenti di convenienza sull’ammontare.

Torniamo al dilemma: una persona che compra una azione di un’azienda sana che crescerà nel tempo con utili costanti e che è fermamente convinta di investirci per anni, se dopo 1 sol giorno guadagna il 20% non è libera di vendere perché altrimenti diventa una cattiva speculatrice?

Al contrario, lo speculatore incallito che punta su una azione per motivi tecnici e contingenti e che guadagna anche rapidamente, se scopre che dentro all’azienda c’è del valore molto più grande in prospettiva deve vendere per forza perché lui è un raider?

Ecco che ognuno di noi quando investe e/o specula in borsa dentro di sé ha questi due spiritelli che si alternano e che contribuiscono a farci provare gioia e dolore, e siccome il secondo è stato provato dalla finanza comportamentale, ha una intensità di ben 2,5 volte quella delle belle notizie, ritengo che per gestire situazioni emotive si debba avere un altro approccio al problema.

Il vero problema non è scegliere se essere speculatori o investitori, ma cercare di non soffrire o soffrire il meno possibile quando si ha a che fare con i mercati finanziari.

Concludo queste riflessioni estive con una frase del poeta greco Filostrato: “Gli dei percepiscono le cose future, le persone normali le cose presenti, ma i saggi percepiscono le cose che stanno per accadere”.

Se vuoi sapere come riuscire a controllare il rischio dei tuoi investimenti e l'emotività non esitare a contattarmi; sono a Vicenza.

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

L'Oro questa volta si è risvegliato veramente?

L'Oro è un Bene Rifugio, adesso il suo risveglio ci dice cosa accadrà nei prossimi mesi?

Continua

Investiamo in Azionario con il Pensiero Laterale

I risultati negativi da inizio anno richiedono un nuovo modo di investire e pensare l'azionario

Continua

Come controllare l'operato dei Gestori di Fondi Comuni

La Coerenza la Trasparenza e la Correttezza sono virtù importanti quanto la bravura del Gestore

Continua

Bancari vs Consulenti Autonomi? C'è un'alternativa

A seconda della persona a cui affidiamo i nostri risparmi i consigli possono essere differenti

Continua

A Natale sono tutti più buoni...Chi sarà Babbo Natale 2018?

Passate le elezioni Usa ci sono alcuni fattori che inducono a credere che il rally di Natale ci sarà

Continua

Dopo l'oro anche le società aurifere si risvegliano

Dopo aver individuato in autunno l'inizio del trend dell'oro, torno sul settore delle società aurifere che è in fermento, ma manca ancora un segnale...

Continua

Truffe finanziarie, furto di identità per far fare fantomatici guadagni

L'ennesimo furto di identità per raggirare le persone invita a prendere precauzioni iniziali basilari quali conoscere fisicamente il consulente e vedere gli attestati

Continua