Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La divulgazione della scienza economica


Homer Economicus - L'economia spiegata dai Simpson
La divulgazione della scienza economica
Prendo spunto da un comunicato stampa, pervenutomi dall’Istituto Bruno Leoni, impegnato a sollecitare, tramite una campagna di crowdfunding, un proprio programma per divulgare l’insegnamento dell’economia, presso i 360 licei economico-sociali disseminati nella nostra Penisola. Con tale progetto l’ I.B.L vorrebbe realizzare un'edizione speciale, non commerciale, del testo "Homer Economicus" e inviarne una copia ad ogni docente di economia, sul tavolo della propria aula (in totale, circa 1100 persone).
"Homer Economicus - l’economia spiegata dai Simpson" è un testo curato da Joshua Hall, scritto da economisti accademici (col gusto della cultura popolare e la passione della divulgazione), pubblicato in lingua inglese dalla Stanford University Press e - a detta dell’ I.B.L.- costituirebbe uno strumento didattico, estremamente utile a ogni insegnante.
A mio giudizio, trattasi senz’altro di una lodevole iniziativa per promuovere un più accentuato interesse verso l'economia da parte degli studenti - anche se iscritti in corsi di diverso indirizzo - e sensibilizzare a tale fine i loro docenti. Comunque, a livello personale, ho un'unica perplessità strettamente soggettiva .... perché ricorrere proprio ai Simpson? Costoro, creati a fine anni 1980 dal disegnatore di fumetti Matt Groening, sono divenuti i personaggi di un celebre cartoon e di varie sitcom, imperversando su molteplici reti televisive. I Simpson rappresentano una tipica famigliola americana residente in Springfield e rispecchiano un stile di vita prettamente statunitense, ben diversa dai nostri standard. A me personalmente risultano abbastanza antipatici ed alquanto sgradevoli, sia per i propri comportamenti, sia per il loro modo di colloquiare, nonché per le loro tozze e bizzarre fattezze umanoidi.
Perché si è preferito ricorrere ai giallognoli Simpson, anziché privilegiare tanti nostri eccellenti e troppo spesso dimenticati economisti? Tra costoro io vorrei ricordare Sergio Ricossa, scomparso a marzo dello scorso anno, studioso di economia e brillante divulgatore della stessa materia, dotato anche di una pungente auto-ironia, definendo gli "Economisti" come coloro che sbagliano tutte le previsioni, ma che poi riescono a fornire tutte le più opportune spiegazioni sul come e perché delle eventuali errate analisi o valutazioni. Vorrei anche ricordare un gruppo di giuristi, economisti e saggisti di notevole livello, tra cui Giuseppe Guarino, Paolo Savona, Antonino Galloni, Marco Saba, tutti molto critici sia verso l'attuale sistema bancario, sia verso le scelte politiche-economiche-monetarie della UE. Vorrei altresì ricordare un altro nucleo di economisti, operativi presso l'Università Gabriele D' Annunzio a Chieti e Pescara, o in altre Sedi Universitarie - tra i quali, in particolare, Antonio Maria Rinaldi, Claudio Borghi Aquilini, Claudio Moffa, Roberto Bizzarri, tutti impegnati nella ricerca di possibili soluzioni modificative o alternative, rispetto alle scelte imposte da Bruxelles.
E mi piace ipotizzare che tali Docenti - specie quelli operanti nella "buona Terra" d'Abruzzo - si siano voluti ricollegare, almeno idealmente, ad un loro illustre predecessore - il Prof. Giacinto Auriti - che presso l'Università di Teramo, insieme a suoi Colleghi, aveva elaborato la teoria sulla "Proprietà Popolare della Moneta". Teoria molto osteggiata dall' establishment costituito dai vari "poteri intoccabili" e la cui divulgazione, ovviamente, è molto ostracizzata sia presso le aule scolastiche degli Istituti Superiori, sia presso le aule delle Facoltà Universitarie.
Purtroppo, a volte, la Politica - quella Alta, Aulica e con la "P maiuscola"- viene a trovarsi "ostaggio" di una Economia non all'altezza. E, concludendo questo mio intervento, credo sia opportuno indicare una visione di Oswald Spengler che, in una sua frase, riesce a compendiare una vera e propria Lectio Magistralis: "POLITICA ed ECONOMIA non possono risultare separate nella vita delle Nazioni. Esse - lo ripeterò sempre - sono due aspetti della medesima realtà di vita, ma stanno tra di loro come il governo di una nave sta alla destinazione della merce trasportata. A bordo la figura principale è del Capitano, non del mercante a cui appartiene il carico" .
GIULIANO MARCHETTI

Articolo del:



Non è presente nessuna recensione!


Aggiungi ai tuoi preferiti e visualizza in seguito

L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

La disumanizzazione del lavoro

“La notizia dei 1.666 licenziamenti di Almaviva Roma rende drammaticamente attuale la necessità di una nuova legge sui call_center”

Continua