Richiedi una consulenza in studio gratuita!

La mediazione dei conflitti di coppia


Non è necessario ricorrere a percorsi terapeutici per risolvere problemi o questioni quotidiane
La mediazione dei conflitti di coppia

Un modo di fare Mediazione familiare, e che ne costituisce il compimento evolutivo della stessa, è rappresentato dalla Mediazione dei conflitti di coppia, un percorso utilizzato da chi aderisce alla scuola di pensiero che sostiene l’applicabilità della Mediazione Familiare all’intero universo familiare o a tutte le possibili “criticità familiari”. Sempre più spesso si avverte la necessità di poter impiegare il processo di mediazione, i suoi principi, le sue tecniche e i suoi scopi, anche al di fuori del percorso delineato per accompagnare la coppia nelle varie fasi della separazione o del divorzio. La Mediazione dei conflitti di coppia si presta allora a divenire lo spazio in cui è possibile prendersi cura della relazione non solo al fine di ricomporre la crisi, ma soprattutto per prevenirne gli effetti. Quanto al Mediatore, a lui non interessa giudicare o escogitare strategie, affinché le coppie non si separino o stiano insieme più a lungo possibile, ma aprire un dialogo: affinchè i protagonisti possano ritrovare una comunicazione più trasparente e sincera possibile, perché interrotta o esasperata e un ascolto dei propri sentimenti e bisogni perché celati, promuovere una modifica dei comportamenti.

Senza evadere dai paradigmi propri della Mediazione familiare: la presenza di un conflitto da gestire, l’individuazione del problema, la difficoltà di comunicazione, la relazione, la riorganizzazione, la ricerca di una soluzione concordata, viene messa in luce la realtà facendo leva sulle tecniche di negoziazione ragionata, ossia sul self-empowerment e sul problem solving ( tecniche definite del potenziamento e della responsabilizzazione).

Quanto agli obiettivi sui quali è possibile confrontarsi, questi possono essere sia pragmatici che relazionali: può trattarsi di un disaccordo di tipo finanziario,  di una gestione di beni o di una disorganizzazione famigliare, come pure problemi relazionali derivanti: dal fatto di sentirsi trascurati, dal vivere delle incomprensioni, dei silenzi, dal venir meno di aspetti di genitorialità, da incongruenze educative con i figli, da disaccordi dovuti a suoceri invadenti…

Se dunque la coppia si fida del Mediatore e del lavoro del Mediatore, comprende quali sono i propri obiettivi degni di considerazione e li vede raggiunti, acquisisce la consapevolezza di avere la capacità di cambiare le cose perché realizza di avere delle abilità o risorse, allora quella coppia potrà dire di aver sviluppato quella fiducia, quel sostegno e quella complicità che era perduta.

In conclusione, la coppia, non necessariamente deve passare da percorsi terapeutici per risolvere dei problemi o delle difficoltà che rientrano nella normalità quotidiana, ma se delle problematiche necessitano di un ascolto o di un sostegno e vengono trascurate è meglio rivolgersi ad un Mediatore che finire col compromettere il benessere di tutta la famiglia!

 

Articolo del:



L'autore dell'articolo non è nella tua città?

Cerca un professionista con le stesse caratteristiche a te più vicino.

Cerca nella tua città o in una città di tuo interesse

Altri articoli del professionista

Gestire l'emotività con la mediazione familiare

Una buona Mediazione potrebbe aiutare la coppia a separare il canale affettivo- emotivo da quello economico del danaro

Continua

Mediazione familiare: il conflitto latente

La Mediazione familiare come strumento di prevenzione della degenerazione del conflitto

Continua

I conflitti di coppia e le differenze di genere

Molti dei problemi di comunicazione all’interno della coppia possono derivare da una mancata comprensione delle differenze uomo-donna

Continua

La crisi di coppia: le parole sono come pallottole

Come afferma John Wittgenstein “le parole sono come pallottole” possono ferire ed è per questo che diventa fondamentale usarle diligentemente

Continua

Mediazione familiare cos'è?

Mediazione familiare come una “opportunità”, per le coppie e per le famiglie, per trasformare una situazione da critica in una esperienza positiva

Continua

L'importanza della presenza di un padre

L’assenza del padre, sia fisica che psicologica, crea notevoli difficoltà nello sviluppo della personalità dei figli. La madre dovrebbe impedirla

Continua

I figli ci guardano, ci ascoltano, ci imitano

I figli imparano dai loro genitori a gestire lo stress, per cui tutte le volte che i genitori danno ascolto alla propria emotività loro l'assorbono

Continua

Lo sviluppo della resilienza in mediazione

La Mediazione può aiutare a sviluppare la resilienza, cioè la capacità di resistere alle circostanze difficili della vita e di reagire positivamente

Continua

I suoceri invadenti sono la causa della crisi?

Una situazione scomoda per la coppia sone le interferenze dei suoceri, ma sono proprio loro la fonte del problema?

Continua

Il Mediatore familiare, una figura specializzata

Il Mediatore familiare, un professionista che svolge una professione complessa che richiede un’adeguata formazione e preparazione

Continua

Il senso della Mediazione Familiare

La Mediazione familiare ha un senso solo se si è protagonisti, se ci si assume la propria parte di responsabilità, se si ha a cuore il bene dei figli

Continua

Educare fa rima con mediare

La Mediazione familiare come strumento di gestione dei conflitti educativi potrebbe rappresentare un'opportunità non solo per i genitori separati

Continua

Il progetto della mediazione scolastica

La Mediazione tra pari: progetto volto a responsabilizzare i ragazzi così come previsto dalla Peer Mediation americana

Continua

La filosofia della comunicazione virtuale

Una civiltà, la nostra, definita tecnologicamente avanzata ma poco più che primitiva sul piano dell’uso degli strumenti della comunicazione

Continua

La comunicazione nel divorzio

E' mera utopia pensare che quella coppia che non abbia costruito una comunicazione possa poi rispettare gli accordi presi

Continua

Il progetto educativo

Costruire un progetto educativo insieme al Mediatore familiare può essere la soluzione

Continua

Gli obblighi morali del "genitore sociale o terzo genitore"

Il fenomeno della genitorialità sociale è ormai un fenomeno europeo ed extra europeo

Continua

Come nella favola di Cenerentola?

La favola di Cenerentola come esempio di conflitti familiari

Continua

I conflitti inevitabili nella coppia

E’ praticamente impossibile pensare che con il tempo non si creino conflitti nella coppia convivente

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (1^ parte)

Entrambi i partner possono agire dentro una logica del “ Io vinco e tu perdi”, una logica di potere

Continua

La lotta di potere nelle relazioni di coppia (2^ parte)

Entrambi i partner possono agire con la logica del “io vinco e tu vinci”, logica di collaborazione

Continua

Dal conflitto di coppia alla violenza nella coppia

Identificare il conflitto e distinguerlo dalla violenza al fine di prevenire la violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (1^ parte)

Qualunque veste assuma la violenza domestica non deve avere ad oggetto sporadici episodi ma deve costituire una modalità quotidiana d’interazione della coppia

Continua

Violenza domestica e Mediazione familiare (2^ parte)

Ecco quali sono le varie tipologie di violenza domestica

Continua

Violenza domestica e Mediazione Familiare (3^ parte)

Le diverse forme di violenza e la differente gravità della stessa ha indotto gli studiosi a compiere un esame sull'opportunità del ricorso alla Mediazione familiare

Continua

Mediazione familiare: i figli al centro rispetto alle esigenze degli adulti

I figli hanno il diritto di essere informati e accompagnati dai genitori a comprendere la separazione dei genitori

Continua